Cultura e Informazione Enologica - Anno XVII
Prima Pagina Chi Siamo:Scrivici:Arretrati:Pubblicità:Indice 
Eventi Sondaggi Servire il Vino EnoForum EnoGiochi Luoghi del Vino Aquavitae Guida dei Vini


   Condividi questo articolo   Share on Google+   Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 137, Febbraio 2015   
Champagne: un Mito in Declino?Champagne: un Mito in Declino?  Sommario 
Numero 136, Gennaio 2015 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 138, Marzo 2015

Champagne: un Mito in Declino?


 Uno dei vini che suscita maggiore fascino fra gli appassionati di vino, così come fra quelli che lo apprezzano occasionalmente, è certamente lo Champagne. Vino dal fascino unico, è probabilmente quello più presente nella storia degli ultimi secoli, compresi i momenti importanti e significativi delle vicende politiche e culturali di molti paesi. Le cronache dei tempi passati raccontano, infatti, che nei banchetti formali, militari e politici, gran parte dei patti firmati in quelle occasioni erano poi suggellati da una coppa di Champagne. Vino emblema del lusso, del buon vivere e della più elevata eleganza, raffinatezza e classe, il fascino dello Champagne è ancora oggi vivo: le sue bollicine fanno letteralmente sognare chiunque lo senta pronunciare. Suo malgrado, è anche emblema dell'ostentazione di ricchezza, stappato in modo distratto solo per dimostrare una presunta agiatezza economica e importanza sociale.


 

 La fine dell'anno è tempo di bilanci relativi ai profitti e alle vendite, per le cantine che producono spumanti rappresenta anche il momento più significativo, nel quale si concentra l'interesse dei consumatori verso i loro prodotti. Non è un segreto, infatti, che la vendita degli spumanti è particolarmente concentrata in occasione delle feste di fine anno, giorni nei quali i tappi delle bottiglie saltano con maggiore frequenza e spensieratezza. Questo particolare periodo, nel quale le vendite di spumanti si concentrano, rappresenta un momento dell'anno molto atteso dalle cantine che si dedicano alla produzione di bollicine. Le proposte di enoteche e supermercati sono ampie e abbondanti, certamente per accontentare le esigenze di tutti, a partire da quelle economiche. In ogni caso, gli spumanti metodo classico sono onnipresenti, anche qui presentati con offerte diversificate in termini sia di qualità sia di prezzo.

 Lo Champagne è uno dei vini francesi che riscuote ampio consenso in tutto il mondo: difficile trovare appassionati ai quali non piace o non lo apprezzano. Vino che, in genere, è venduto a prezzi superiori rispetto alla media degli altri spumanti, lo Champagne è da sempre protagonista di sfide pressoché infinite e reiterate. Chiamato spesso in causa come elemento di confronto con la quasi totalità delle bollicine prodotte nel mondo, dalla valutazione del prezzo a quella della qualità, tutti ambiscono a spodestare questo vino dal trono. Alla fine dell'anno, poi, grazie all'ingente quantità di tappi saltati in occasione delle feste, i confronti si concentrano sul primato delle vendite, una sfida spietata combattuta fino all'ultimo centesimo. La qualità dei vini spumanti nel mondo è innegabilmente aumentata nel corso degli ultimi tempi e la distanza qualitativa con lo Champagne si è chiaramente ridotta, aumentando la disponibilità di buoni vini a prezzi più contenuti e competitivi.

 In tempi recenti, lo Champagne sembra avere qualche difficoltà nella sua patria, poiché - a quanto pare - il consumo del mercato francese sta diminuendo. Non si tratta di un declino vero e proprio, visto che fuori dai propri confini, le vendite di Champagne sono in aumento. Insomma, pare che le celebri bollicine francesi siano oggi maggiormente apprezzate fuori dalla Francia. Dopo un periodo non proprio esaltante - e, va detto, qualcosa che ha riguardato il vino di ogni area - le esportazioni dello Champagne sono in aumento, soprattutto negli Stati Uniti d'America, il Regno Unito e l'Australia. I tempi di crisi, innegabile, hanno influito sulle vendite di tutti i vini - italiani compresi - e non sono poche le cantine che hanno fatto maggiori profitti all'estero anziché nel proprio paese. Fa in ogni caso un certo effetto che lo Champagne - fra i grandi orgogli di Francia - stia vivendo un momento meno florido proprio a casa sua.

 Per le celebri bollicine francesi le cose stanno cambiando da tempo anche in Italia, paese dove hanno sempre avuto un discreto successo. Difficile dire se questo sia legato a fattori economici e alla disponibilità di spesa dei consumatori, oppure al miglioramento qualitativo degli spumanti italiani, di fatto, le vendite di Champagne sono in calo. In questo senso, è da tempo che si mettono a confronto le vendite delle bollicine francesi con il Prosecco di Valdobbiadene, quest'ultimo in poderoso aumento in termini di vendita. A quanto pare, nel 2014 le vendite di Prosecco in Italia sono aumentate considerevolmente, lasciando molto dietro lo Champagne, un tempo fra le bollicine più vendute nel nostro Paese. Il Prosecco ha inoltre buone ragioni per esultare, poiché si è registrato un sostanziale aumento anche nelle esportazioni, in particolare negli Stati Uniti d'America, Germania, Giappone e Regno Unito.

 È doveroso ricordare che i due vini sono molto diversi fra loro, non solo per le rispettive zone di produzione, ma anche per le uve e le tecniche enologiche impiegate. Non si intende sminuire l'enorme e meritato successo del Prosecco, ma è innegabile che i due vini esprimono stili enologici molto diversi. La qualità di molti Champagne è straordinaria e assoluta, tuttavia la crescita qualitativa delle bollicine prodotte in altri Paesi - Italia compresa - è cresciuta enormemente, diminuendo la distanza con il celebre metodo classico francese. In altre parole, nel corso degli ultimi anni è aumentata la qualità dell'offerta di bollicine, anche in termini di prezzo, ed era piuttosto prevedibile un influsso diretto sulle vendite dello Champagne. Non ho mai apprezzato le competizioni all'ultima bollicina, consapevole che ogni vino e ogni territorio hanno qualità - nel bene e nel male - irripetibili altrove e in altri vini. Ogni vino è un mondo a sé. Resto pertanto fedele alla mia passione per il buon Champagne, non meno fedele alle buone bollicine che anche l'Italia - innegabilmente - è capace di offrire da molti anni. Oltre alla consapevolezza che le emozioni regalate generosamente da uno non si trovano in altri e viceversa.

Antonello Biancalana






   Condividi questo articolo   Share on Google+   Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 137, Febbraio 2015   
Champagne: un Mito in Declino?Champagne: un Mito in Declino?  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Gennaio?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 
In quale momento della giornata bevi abitualmente vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 
Qual è l'aspetto più piacevole della degustazione di un vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 


Eventi Sondaggi Servire il Vino EnoForum EnoGiochi Luoghi del Vino Aquavitae Guida dei Vini
Prima Pagina Chi Siamo:Scrivici:Arretrati:Pubblicità:Indice 

Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2019 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.