Cultura e Informazione Enologica dal 2002 - Anno XX
×
Prima Pagina Eventi Guida dei Vini Vino del Giorno Aquavitae Guida ai Luoghi del Vino Podcast Sondaggi EnoGiochi EnoForum Il Servizio del Vino Alcol Test
DiWineTaste in Twitter DiWineTaste in Instagram DiWineTaste Mobile per Android DiWineTaste Mobile per iOS Diventa Utente Registrato Abbonati alla Mailing List Segnala DiWineTaste a un Amico Scarica la DiWineTaste Card
Chi Siamo Scrivici Arretrati Pubblicità Indice Generale
Informativa sulla Riservatezza
 
☰ Menu


   Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 217, Maggio 2022   
E Se il Vino Dovesse Cambiare?E Se il Vino Dovesse Cambiare?  Sommario 
Numero 216, Aprile 2022 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 218, Giugno 2022

E Se il Vino Dovesse Cambiare?


 Nulla è per sempre. Il tempo scorre, le cose cambiano – e con queste, anche le vicende e le abitudini degli umani – spesso costrette all'adattamento delle nuove condizioni e necessità. Il cambiamento, inoltre, è spesso indispensabile per garantire che tutto resti come prima. Qualcosa che, notoriamente, fu suggerito anche nel magnifico capolavoro “Il Gattopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa: «Se vogliamo che tutto rimanga com'è, bisogna che tutto cambi». In fin dei conti, chi teme il futuro, quindi il cambiamento, è condannato a rimpiangere il passato, temendo il presente, escluso dal tempo che sarà. Tuttavia, chi si concede al futuro cancellando l'esperienza del passato e il frutto del presente, è inevitabilmente condannato alla disgraziata sciagura della ripetizione dei propri errori – senza mai comprendere le cause – prigioniero di una fallimentare regressione priva di ogni speranza. Poi, è anche vero che la storia non insegna nulla agli uomini – oppure ben poco – con effetti ignobili e deplorevoli per il futuro, accecati solo dalla propria inutile arroganza e la presunzione di credere che il futuro debba essere necessariamente la ripetizione ostinata degli errori del passato.


 

 Repetiva iuvant, (le cose ripetute, aiutano) recita un celebre adagio latino, tuttavia, a ben guardare l'ostinata ripetizione di certe cose nel futuro, non sembrerebbe giovare granché, anzi. Poi, è anche vero che, in certi casi, le azioni e gli accadimenti del futuro – anche quelli assolutamente nuovi e inediti – risultano essere fallimentari e per nulla convenienti, costringendo, per così dire, a tornare indietro e ricominciare dal passato, forti dell'esperienza acquisita dagli errori appena commessi, possibilmente evitando di ripeterli. Il vino, evidentemente, non è immune alle vicende che si susseguono nel corso del tempo, dal confrontarsi con il suo passato, compreso guardare al futuro. Non da meno, tornare al passato e restare ancorati a quell'era, quello stile, indiscutibilmente eletto come futuro del vino, semplicemente perpetuando tempi e modi che sono tutto meno che progresso. Questo accade non solo per il vino, soprattutto in quei paesi – come l'Italia – così fortemente ancorati al passato e alle proprie tradizioni, spesso sacre, perfino inviolabili e immutabili, forse anche per la paura di affrontare il futuro, il proprio futuro.

 In questi tempi, così bizzarri, così lontanamente inimmaginabili solamente tre anni fa, il vino – dopo avere conseguito, almeno in Italia, un risultato clamoroso in termini economici e di mercato – si appresta ad affrontare il futuro prossimo con qualche difficoltà e incertezza. Non solo quelle che si stanno determinando per le nuove condizioni economiche a livello globale, ma anche – e soprattutto – per la situazione che si sta creando nella produzione e reperibilità delle materie prime. A preoccupare maggiormente in questo momento i produttori, è la scarsa disponibilità di bottiglie, materiale fondamentale per la commercializzazione del vino. Senza la bottiglia di vetro, il vino resta nei recipienti di conservazione e maturazione, impossibilitato nel lasciare la cantina con destinazione i calici dei consumatori. Si tratta – evidentemente – di un ostacolo non esattamente semplice, viste le implicazioni che questo comporta nell'intero comparto vitivinicolo e, più in generale, in qualunque settore produttivo che necessita del vetro e della bottiglia come elementi indispensabili.

 Le bottiglie disponibili sul mercato – intese come materiale di base, quindi vuote – o sono state acquistate nei mesi scorsi e in cospicui lotti da grandi cantine con disponibilità economiche e capacità di trattativa enormi, oppure, quelle disponibili, sono vendute a prezzi elevati. Nella seconda ipotesi, qualora il produttore riuscisse ad acquistarle – sia per opportunità, sia per disponibilità economica – questo si traduce direttamente in un aumento dei costi di produzione, quindi del prezzo di vendita finale. Il problema, inoltre, non è solamente il vetro per le bottiglie, ma anche le altre materie prime e servizi che – nel loro insieme – consentono al produttore di “finire” il proprio prodotto e venderlo. Tuttavia, in accordo a quanto è stato dichiarato dai produttori in diverse occasioni recenti, sarebbe proprio la difficoltà a reperire le bottiglie di vetro a rendere critica la commercializzazione del vino.

 E se la soluzione più semplice fosse quella di sostituire il vetro con altro materiale, magari in questo momento più facile da reperire e che, condizione primaria, garantisca la buona conservazione del vino fino a quando non è versato nel calice? Già mi immagino, in verità, la reazione perplessa e forse anche sdegnata di molti nel pensare di versare il vino nei propri calici da qualcosa di diverso che non sia una bottiglia di vetro. Si tratta – immagino per molti – di un cambiamento anche di tipo culturale e non solo legato all'inamovibile sacralità della tradizione, perché così è sempre stato e non si deve cambiare. Eppure, prima che si “inventasse” il vetro, il vino si commercializzava e si spediva dovunque trasportandolo in recipienti prodotti con i materiali disponibili del tempo. Sì, certo, il vetro è un eccellente materiale in questo senso, decisamente migliore – per esempio – delle anfore di terracotta che si utilizzavano agli albori delle civiltà occidentali. Ma cosa fare, però, se le bottiglie di vetro non sono così facilmente reperibili? Si smette di produrre e commercializzare il vino?

 Che poi, a dirla tutta, un cambiamento “culturale” di questo tipo l'abbiamo già visto e, in molti si ricorderanno, suscitò non poche polemiche, compreso lo sdegno di molti, gridando allo scandalo e ponendosi come irriducibili baluardi a difesa della tradizione e del “perché così si è sempre fatto, così deve essere per sempre”. Mi riferisco alla questione dei tappi, quando iniziarono a essere impiegati quelli prodotti con materiali sintetici, così come in vetro oppure a vite. All'inizio – e lo ricordo fin troppo bene – fu un putiferio esagerato, poi, con il passare del tempo, la novità è stata accettata e oggi pochissimi fanno caso al fatto che, aprendo una bottiglia, si ritrovino nelle mani un tappo sintetico oppure a vite. Non solo: questa novità ha consentito un notevole risparmio nei costi, destinando l'impiego dei migliori sugheri ai vini che veramente lo richiedono e per i quali – almeno per il momento – è insostituibile. Un cambiamento che, nonostante abbia sfidato la sacra tradizione, oggi è un fatto accettato. Del resto, cos'è la tradizione se non un evento di successo e che, come tale, si perpetua nel tempo? E quanti eventi del passato non sono diventati parte della tradizione proprio perché si sono rivelati fallimentari?

 Sono consapevole il suggerimento di sostituire la bottiglia di vetro con un altro recipiente e costruito con un materiale diverso è una provocazione, certamente fastidiosa per molti. Vi rassicuro: sostituire la bottiglia di vetro con altro contenitore non è così semplice. Innanzitutto, sarebbe necessario cambiare tutti i disciplinari di produzione dei vini a denominazione poiché la bottiglia di vetro è espressamente indicata come requisito stabilito per legge. E i disciplinari di produzione dei vini sono leggi dello Stato Italiano a tutti gli effetti. Vista la situazione attuale, per la quale è difficile – in questo momento – prevedere quando si assisterà a una ripresa, probabilmente è necessario pensare ad alternative funzionali. Sicuramente la bottiglia di vetro – esattamente come per il sughero naturale – risulta essere indispensabile, quindi insostituibile, per determinati stili vini, come per esempio quelli destinati al lungo affinamento. I vini da consumare dopo pochi mesi o anni dalla produzione, sicuramente possono essere commercializzati in contenitori diversi dal vetro, probabilmente anche più economici. Tutto cambia: è solo questione di tempo e di adattamento. Esattamente come per i tappi di “non sughero”, prima o poi anche le bottiglie di “non vetro” diventeranno consuete e accettate. Questione di tempo e, forse, non saranno nemmeno bottiglie. In fin dei conti, ciò che rende un vino buono e apprezzabile è quello che versiamo nel calice, esattamente in quel momento in cui ci dimentichiamo della bottiglia di vetro o qualsiasi altra cosa essa sia.

Antonello Biancalana



   Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 217, Maggio 2022   
E Se il Vino Dovesse Cambiare?E Se il Vino Dovesse Cambiare?  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
Qual è il tuo consumo giornaliero di vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Agosto?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Acquisteresti e consumeresti vino senza alcol o dealcolizzato?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   


☰ Menu

Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste Segui DiWineTaste su Twitter Segui DiWineTaste su Instagram

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2022 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.