Cultura e Informazione Enologica dal 2002 - Anno XXII
×
Prima Pagina Eventi Guida dei Vini Vino del Giorno Aquavitae Guida ai Luoghi del Vino Podcast Sondaggi EnoGiochi EnoForum Il Servizio del Vino Alcol Test
DiWineTaste in Twitter DiWineTaste in Instagram DiWineTaste Mobile per Android DiWineTaste Mobile per iOS Diventa Utente Registrato Abbonati alla Mailing List Segnala DiWineTaste a un Amico Scarica la DiWineTaste Card
Chi Siamo Scrivici Arretrati Pubblicità Indice Generale
Informativa sulla Riservatezza
 
☰ Menu


   Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 241, Estate 2024   
Il Vino Italiano e le Sfide del MercatoIl Vino Italiano e le Sfide del Mercato  Sommario 
Numero 240, Giugno 2024 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter 

Il Vino Italiano e le Sfide del Mercato


 Buone notizie per quanto riguarda il vino italiano e il suo andamento nei mercati esteri. Sebbene siano notizie di timida entità, sono comunque buone e, nonostante tutto, sempre meglio di una pessima notizia, soprattutto di questi tempi. Il vino – innegabilmente, come detto e ridetto un po' ovunque – negli ultimi anni non ha certamente brillato nelle vendite e, per così dire, ha certamente vissuto momenti decisamente migliori. Le cause sono molteplici e ben note a tutti, compresi gli stravolgimenti introdotti durante il periodo della recente pandemia da Covid-19, non da meno le conseguenti e attuali condizioni economiche e di mercato che hanno visto il vino confrontarsi con nuovi scenari. Fra questi, la ben nota competizione con la birra, bevanda che da sempre contende il podio al vino, la quale, ultimamente, sembra essere maggiormente favorita nelle preferenze dei consumatori. Non bastasse questo, negli ultimi anni la concorrenza è ulteriormente aumentata per effetto delle recenti abitudini e mode legate a certe nuove bevande.


 

 L'edizione 2024 dell'Annual Report Valoritalia – pubblicata nei giorni scorsi – restituisce un'immagine del vino italiano che, fra alti e bassi, fa intravvedere uno spiraglio di ottimismo per il futuro, con risultati positivi, sebbene di timida entità. Lo studio di Valoritalia prende in esame la produzione e la commercializzazione del vino italiano nel 2023, ponendolo in relazione al 2022, oltre a una preliminare indagine sull'andamento del 2024. In termini generali, il volume del vino imbottigliato prodotto dalle cantine italiane è aumentato dello 0,54%, un risultato che fa conseguire il 2,8% in più rispetto alla media dei tre anni precedenti. Come detto, non è un risultato eclatante – decisamente modesto – ma è comunque un segnale di ripresa proprio alla luce dei risultati dei recenti anni passati. L'andamento del 2023, tuttavia, si è concluso in modo controverso, poiché molti degli aspetti presi in esame hanno registrato risultati decisamente negativi.

 Uno di questi è il valore economico del vino imbottigliato, il quale fa registrare una diminuzione. In altre parole, si è imbottigliato più vino ma il guadagno è stato inferiore. Il rapporto annuale di Valoritalia ha analizzato i dati relativi a 219 denominazioni d'origine, le quali rappresentano il 56% della produzione nazionale dei vini di qualità con oltre due miliardi di bottiglie immesse nel mercato. Per quanto riguarda i risultati di produzione, nel 2023 il territorio del Nord-Ovest italiano ha visto il proprio volume diminuire dell'8,3% rispetto al 2022, mentre le cantine del Centro Italia hanno fatto segnare un calo del 5,3%. Il migliore risultato, in questo senso, è stato conseguito dalle cantine del Nord-Est, con un incremento del 3,7% rispetto al 2022, un risultato che è stato particolarmente conseguito grazie alla crescita della produzione della denominazione Asolo DOCG e Veneto IGT.

 Per quanto riguarda l'andamento delle denominazioni – come era già emerso in altre ricerche – a trainare la crescita dei vini italiani sono quelli appartenenti alla categoria Indicazione Geografica Tipica (IGT), i quali, da soli, fanno registrare un incremento del 16,5% equivalente a oltre 97,6 milioni di bottiglie. Arretrano, invece, i vini prodotti nei territori a Denominazione d'Origine Controllata (DOC) registrando un calo del 2,8%, mentre quelli a Denominazione d'Origine Controllata e Garantita (DOCG) segnano addirittura un calo dell'8%. Il risultato dei vini a denominazione, al termine del 2023, ha fatto registrare un calo complessivo dell'1,3% rispetto al 2022. Se il 2023 ha mostrato un timido aumento nel volume di vino imbottigliato, il 2024 lascia invece sperare in un risultato decisamente migliore. Nel primo quadrimestre, infatti, il volume di vino imbottigliato è aumentato dell'1,1%, quindi oltre il doppio del risultato complessivo conseguito nel 2023.

 Le sfide di mercato sono, non da ultimo, regolate anche dalle nuove tendenze così come dai cambiamenti sociali e culturali di questi anni, condizioni che i produttori sono costretti a seguire proprio con lo scopo di mantenere o conquistare preziose quote di mercato. Secondo quanto emerge da uno studio di Nomisma-Wine Monitor e commissionato da Valoritalia, i consumatori di vino sembrano essere particolarmente interessati ai temi legati alla sostenibilità e la tutela ambientale, così come al rispetto dei valori etici e sociali. Questo orientamento dei consumatori – di fatto – ha condizionato le strategie e le politiche produttive di molte cantine, tanto che il 93% delle imprese italiane considera oggi la sostenibilità un tema fondamentale per il proprio sviluppo. Si tratta, in definitiva, del vecchio ma sempre attuale, quanto indissolubile, legame fra la domanda e l'offerta: i consumatori chiedono maggiore sostenibilità, i produttori si adeguano, cercando di offrire quello che il mercato chiede e vende.

 Allo stesso modo, le cantine – se intendono mantenere le proprie quote di mercato e conquistare quelle nuove – stanno proponendo ai consumatori gli stili di vini che, sia per effetto delle nuove tendenze sia per contrastare la crisi di questi anni, sembrano riscuote maggiore interesse da parte dei consumatori. Ecco quindi che adeguano la propria produzione, oppure avviando nuove e specifiche linee, a quelle che sono le attuali tendenze e mode in fatto di enologia. Si fanno largo, infatti, fermentazioni e maturazioni in contenitori di vini che, fino a qualche anno fa, non riscuotevano certamente il favore della maggioranza e che oggi sono diventati, quasi per magia, la nuova religione enologica. A tale proposito, è sorprendente vedere come certi produttori – che in passato si mostravano estremamente critici verso certe pratiche enologiche – oggi ne sono convinti sostenitori. Come cambiano i tempi e le idee, soprattutto quando si guarda ai propri bilanci non esattamente rosei.

  Comprensibile, certamente, che in questi casi bisogna fare di necessità virtù e, in qualche modo, le cantine – che sono prima di tutto imprese – hanno la primaria priorità di produrre un profitto, anche a costo di rinnegare le proprie posizioni del passato e abbracciare le nuove mode e quello che chiede il mercato. Indipendentemente da quali siano le ragioni, il fatto che il vino italiano abbia conseguito risultati positivi in termini di vendite nel 2023 e, ancor più, nel primo quadrimestre 2024, è una buona, buonissima notizia. Confidando questo risultato possa essere confermato e migliorato nel corso del 2024, si tratta di segnali importanti che certamente fanno vedere un futuro meno incerto per il vino italiano. Senza dimenticare – non da meno – che anche i produttori degli altri paesi si trovano, più o meno, nella medesima condizione e tutti si confrontano negli stessi mercati. In questo momento, così sembra, il vino italiano sta vincendo la sfida dei mercati, sebbene con timidi risultati, tuttavia incoraggianti e che sono certamente benvenuti. Quanto meno per affrontare con maggiore ottimismo e serenità il futuro, soprattutto quello prossimo.

Antonello Biancalana

 




   Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 241, Estate 2024   
Il Vino Italiano e le Sfide del MercatoIl Vino Italiano e le Sfide del Mercato  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
Come consideri la tua conoscenza del vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Come scegli il vino da abbinare al cibo?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Luglio?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   


☰ Menu

Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste Segui DiWineTaste su Twitter Segui DiWineTaste su Instagram

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2024 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.