Cultura e Informazione Enologica dal 2002 - Anno XVII
×
Prima Pagina Eventi Guida dei Vini Vino del Giorno Aquavitae Guida ai Luoghi del Vino Podcast Sondaggi EnoGiochi EnoForum Il Servizio del Vino Alcol Test
Segui DiWineTaste in DiWineTaste Mobile per Android DiWineTaste Mobile per iOS Diventa Utente Registrato Abbonati alla Mailing List Segnala DiWineTaste a un Amico Scarica la DiWineTaste Card
Chi Siamo Scrivici Arretrati Pubblicità Indice Generale
Informativa sulla Riservatezza
 


 Gusto DiVino  Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Produttori Eventi 
  Produttori Numero 37, Gennaio 2006   
Tenute FolonariTenute Folonari Giornale di CantinaGiornale di Cantina  Sommario 
Numero 36, Dicembre 2005 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 38, Febbraio 2006

Tenute Folonari

Un'azienda tra le più antiche d'Italia e che ha contribuito a scrivere la storia del vino italiano. Oggi, Ambrogio e Giovanni Folonari a capo di una costellazione di tenute

 Folonari è tra le più note aziende vitivinicole e tra le più antiche d'Italia. Oggi condotta da Ambrogio Folonari e dal figlio Giovanni, l'azienda deriva da una stirpe d'imprenditori - che già dalla fine del 1700 operavano nel settore della produzione del vino - e che forse non avrebbero mai immaginato di contribuire a scrivere la storia del vino italiano. Nel 1825 nasce la Fratelli Folonari S.p.A., interamente di proprietà della famiglia e con un obiettivo ben preciso: sviluppare, produrre e commercializzare i migliori vini italiani nel mondo. La famiglia Folonari è nel settore da oltre 250 anni e da sempre ha dimostrato di essere tra le realtà vitivinicole più dinamiche del panorama italiano. In modo particolare Ambrogio è stato tra i protagonisti della grande evoluzione e modernizzazione del settore vitivinicolo italiano, dimostrando d'imboccare vie nuove e originali, attraverso la produzione di vini di alta qualità, che hanno contribuito alla creazione della “nuova frontiera” del vino italiano.


Giovanni e Ambrogio Folonari
Giovanni e Ambrogio Folonari

 L'azienda, riplasmata da Ambrogio e Giovanni Folonari, è fortemente orientata alle attuali esigenze di mercato, coniugando tradizione e innovazione. Il progetto familiare si basa sulla proprietà e sulla conduzione di numerose aziende agricole, soprattutto in Toscana e in altre zone d'Italia. L'azienda opera a filiera completa: dalla produzione dell'uva nei vigneti di proprietà, fino alla bottiglia di vino distribuita nel mondo. I vini delle Tenute Folonari sono infatti commercializzate in Italia, Austria, Belgio, Canada, Cina, Danimarca, Emirati Arabi, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Inghilterra, Malta, Russia, Singapore, Svezia, Svizzera, USA e Olanda. La Tenuta di Nozzole - 500 ettari, dei quali 80 dedicati a vitigno specializzato - rappresenta il cuore pulsante di tutta l'attività. La storica fattoria - acquistata dai Folonari nel 1971 - affonda le proprie radici in un passato, vecchio di almeno sette secoli. Il vitigno principe è il Sangiovese, ma trovano spazio anche il Cabernet Sauvignon - utilizzato per la produzione del Supertuscan Pareto - e lo Chardonnay, utilizzato per il bianco Le Bruniche.

 Le Tenute del Cabreo sono localizzate nel territorio del comune di Greve in Chianti: una in frazione Panzano - a 500 metri sul livello del mare e costituita da 25 ettari di vigneto - dove sono allevati cloni selezionati di Chardonnay utilizzati per la produzione di Cabreo La Pietra; l'altra in località Cabreo di Zano, dove - in circa 46 ettari di vigneto - si coltivano Sangiovese e Cabernet Sauvignon, i componenti del Cabreo il Borgo. Cabreo è stato concepito come vino a Indicazione Geografica Tipica (IGT) e fu presentato per la prima volta nel 1985 con il millesimo 1982. Nato da una felice combinazione di Sangiovese e Cabernet Sauvignon, che insieme esaltano, da un lato, l'eleganza e la sapidità del Sangiovese, dall'altro la rotondità e concentrazione del Cabernet Sauvignon. Cabreo La Pietra, prodotto per la volta con l'annata 1983, è un vino bianco che attraverso la fermentazione e l'affinamento in legno, realizza un'interpretazione toscana di una tipologia a gusto internazionale di grande successo.


La tenuta di Nozzole
La tenuta di Nozzole

 La Tenuta TorCalvano di Gracciano Svetoni, si trova in località Gracciano, al centro dell'area vitivinicola di Montepulciano, in provincia di Siena. L'azienda nel passato apparteneva alla famiglia locale dei Mazzucchelli Svetoni, ha un'estensione di 30 ettari, dei quali circa 22 a vigneto specializzato. Si tratta soprattutto di Prugnolo Gentile - nome con il quale si identifica la varietà locale del vitigno Sangiovese - e di una percentuale di altri vitigni a bacca rossa, autoctoni e innovativi. I vigneti si trovano intorno alla grande villa a due torrioni, dove è stata costruita una tipica cantina a volte, con botti di rovere. I rimanenti vigneti si trovano nella prestigiosa vicina zona di Cervognano. La Tenuta Conti Spalletti è una delle più antiche realtà vitivinicole del Chianti Rufina, in provincia di Firenze. I vigneti specializzati si estendono su una superficie di 25 ettari, nei quali si coltivano le varietà Sangiovese, Lanaiolo e Colorino.


 

 A partire dal 1999, la Famiglia ha iniziato ad acquistare terreni nel comune di Castagneto Carducci, in provincia di Livorno. In quest'area, negli anni 1990, si è affermata, in maniera prorompente, la denominazione “Bolgheri DOC”. Si tratta di una zona che gode di un clima molto favorevole, temperato dall'aria di mare proveniente dal vicino mare Tirreno. I terreni, a carattere argilloso-sabbioso, sono per lo più in leggera pendenza verso il mare e hanno dimostrato un'eccellente vocazione a esaltare la combinazione viticola bordolese. In queste terre, Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot e Petit Verdot, si esprimono ai vertici qualitativi. La Ambrogio e Giovanni Folonari Tenute, ha attualmente acquisito circa 40 ettari dei quali 24 già piantati a vigneto, i rimanenti in corso d'impianto. in fase di progettazione una nuova modernissima cantina a opera dell'architetto parigino Jean-Michel Wilmotte.

 Nel comune di Cinigiano, in provincia di Grosseto, intorno a un antico castello dal nome “Castello di Porrona”, la famiglia Folonari ha acquistato circa 60 ettari vocati alla coltivazione di vigne di alta qualità. L'impianto dei vigneti è iniziato nel 1999 con i vitigni Sangiovese e Syrah. Nel 2007 uscirà il primo vino DOC Montecucco prodotto nella Tenuta. l'azienda più piccola del gruppo familiare, che si estende per una superficie di 20 ettari, dei quali 9,8 ettari a vigneto. Tenuta La Fuga è all'interno del Comune di Montalcino - i cui confini delimitano la produzione della DOCG Brunello - e la gestione è affidata alla Ambrogio e Giovanni Folonari Tenute. Novacuzzo è una tenuta recentemente entrata a far parte delle proprietà della “Ambrogio e Giovanni Folonari Tenute”. situata in una delle zone più vocate della denominazione Colli Orientali del Friuli, in provincia di Udine. Si estende su 50 ettari di collina, con circa 40 ettari vitati a Pinot Grigio, Sauvignon Blanc, Tocai Friulano, Ribolla Gialla e Picolit, ai quali si aggiunge, l'uva rossa Schioppettino.

 




Legenda dei punteggi

Sufficiente    Abbastanza Buono    Buono
Ottimo    Eccellente
Vino eccellente nella sua categoria Vino eccellente nella sua categoria
Vino con buon rapporto qualità/prezzo Vino con buon rapporto qualità/prezzo
I prezzi sono da considerarsi indicativi in quanto possono subire variazioni a seconda del paese
e del luogo in cui vengono acquistati i vini




Bolgheri Campo al Mare 2003, Tenute Folonari (Toscana, Italia)
Bolgheri Campo al Mare 2003
Tenute Folonari (Toscana, Italia)
Uvaggio: Merlot (60%), Cabernet Sauvignon (20%), Cabernet Franc (20%)
Prezzo: € 16,00 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Alla vista si presenta con un colore rosso rubino intenso e sfumature rosso rubino, poco trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di prugna e ribes seguite da aromi di amarena, melograno, mirtillo, ciclamino e vaniglia. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco leggermente tannico e comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi. Il finale è persistente con ricordi di amarena e prugna. Questo vino matura per 12 mesi in barrique a cui seguono 3 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Carne alla griglia, Stufati di carne con funghi



Brunello di Montalcino La Fuga 2000, Tenute Folonari (Toscana, Italia)
Brunello di Montalcino La Fuga 2000
Tenute Folonari (Toscana, Italia)
Uvaggio: Sangiovese
Prezzo: € 33,00 Punteggio:
Questo Brunello di Montalcino si presenta con un colore rosso rubino brillante e sfumature di rosso granato, poco trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di amarena, prugna e violetta seguite da aromi di mirtillo, liquirizia, tabacco, cacao, cannella, vaniglia e mentolo. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco leggermente tannico e piacevole morbidezza, comunque equilibrato dall'alcol, corpo pieno, sapori intensi. Il finale è persistente con ricordi di amarena, prugna e mirtillo. Un vino ben fatto. Questo Brunello di Montalcino matura per 36 mesi in botte e per 12 mesi in bottiglia.
Abbinamento: Selvaggina, Carne arrosto, Brasati e stufati di carne, Formaggi stagionati



Cabreo La Pietra 2003, Tenute Folonari (Toscana, Italia)
Cabreo La Pietra 2003
Tenute Folonari (Toscana, Italia)
Uvaggio: Chardonnay
Prezzo: € 23,00 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Questo vino si presenta con un colore giallo paglierino brillante e sfumature giallo paglierino, molto trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli, raffinati ed eleganti che si aprono con note di mela, banana e vaniglia seguite da aromi di ananas, acacia, biancospino, pera, pompelmo, ginestra, susina e nocciola. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco fresco e piacevole morbidezza, comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi, piacevole. Il finale è persistente con ricordi di banana, pera e ananas. Un vino ben fatto. Cabreo La Pietra matura per 8 mesi in barrique a cui seguono almeno 6 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Carne bianca arrosto, Pesce arrosto, Crostacei alla griglia, Paste ripiene



Cabreo Il Borgo 2001, Tenute Folonari (Toscana, Italia)
Cabreo Il Borgo 2001
Tenute Folonari (Toscana, Italia)
Uvaggio: Sangiovese (70%), Cabernet Sauvignon (30%)
Prezzo: € 30,00 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Questo vino si presenta con un colore rosso rubino intenso e sfumature rosso rubino, poco trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli, raffinati ed eleganti che si aprono con note di amarena, prugna e ribes seguite da aromi di mirtillo, violetta, vaniglia, tabacco, liquirizia, cuoio, pepe rosa e mentolo. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco tannico e comunque equilibrato dall'alcol, corpo pieno, sapori intensi, piacevole. Il finale è persistente con ricordi di amarena, prugna e ribes. Un vino ben fatto. Cabreo il Borgo matura per 16-18 mesi in barrique a cui seguono almeno 6 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Selvaggina, Carne arrosto, Brasati e stufati di carne, Formaggi stagionati



Vino Nobile di Montepulciano Riserva TorCalvano Gracciano Svetoni 2001,
Vino Nobile di Montepulciano Riserva TorCalvano Gracciano Svetoni 2001
Uvaggio: Sangiovese (90%), Cabernet Sauvignon (10%)
Prezzo: € 19,50 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Questo vino si presenta con un colore rosso rubino intenso e sfumature di rosso rubino, poco trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli, raffinati ed eleganti che si aprono con note di amarena, prugna e ribes seguite da aromi di mora, violetta, liquirizia, tabacco, vaniglia, pepe rosa, cioccolato e macis. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco tannico e comunque equilibrato dall'alcol, corpo pieno, sapori intensi, piacevole. Il finale è persistente con ricordi di amarena, prugna e ribes. Un vino ben fatto. Questo Nobile di Montepulciano matura per 24 mesi in botte a cui seguono almeno 6 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Selvaggina, Carne arrosto, Brasati e stufati di carne, Formaggi stagionati



Chianti Classico Riserva La Forra Tenuta di Nozzole 2001, Tenute Folonari (Toscana, Italia)
Chianti Classico Riserva La Forra Tenuta di Nozzole 2001
Tenute Folonari (Toscana, Italia)
Uvaggio: Sangiovese (90%), Cabernet Sauvignon (10%)
Prezzo: € 19,00 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Alla vista si presenta con un colore rosso rubino brillante e sfumature di rosso granato, poco trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli, raffinati ed eleganti che si aprono con note di amarena, mora e prugna seguite da aromi di mirtillo, violetta, vaniglia, liquirizia, tabacco, cannella, cioccolato, macis e mentolo. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco tannico e comunque equilibrato dall'alcol, corpo pieno, sapori intensi, piacevole. Il finale è persistente con ricordi di amarena, mora e prugna. Un vino ben fatto. Questo Chianti Classico matura per 14-16 mesi in barrique a cui seguono almeno 6 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Selvaggina, Carne arrosto, Brasati e stufati di carne, Formaggi stagionati



Ambrogio e Giovanni Folonari Tenute - Via di Nozzole, 12 - Loc. Passo dei Pecorai - 50022 Greve in Chianti, Firenze - Tel. 055 859811 Fax. 055 859823 - Enologo: Marco Cervellera - Anno fondazione: 2000 - Produzione: 876.000 bottiglie - E-Mail: folonari@tenutefolonari.com - WEB: www.tenutefolonari.com


 Gusto DiVino  Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Produttori Eventi 
  Produttori Numero 37, Gennaio 2006   
Tenute FolonariTenute Folonari Giornale di CantinaGiornale di Cantina  Sommario 
Numero 36, Dicembre 2005 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 38, Febbraio 2006

Giornale di Cantina


 Questa rubrica è riservata ai produttori di vino che intendono rendere note particolari attività produttive, annunciare nuovi prodotti o semplicemente comunicare alla clientela informazioni e promozioni sulla propria attività e i propri prodotti. Inviare le notizie da pubblicare al nostro indirizzo e-mail.

 

Cantina di Soave: un Bilancio dai Risultati in Crescita

un bilancio dai risultati in crescita quello consuntivo 2004-2005 della Cantina di Soave. In una situazione di mercato critica, dove la quasi totalità dei vini sia da tavola che a denominazione e indicazione d'origine ha subito nel corso dell'ultimo anno una forte riduzione di valore, che in certi casi ha raggiunto il 50% circa, la Cantina di Soave è riuscita ugualmente a ottenere alcuni importanti risultati.

 
«Il momento non è dei più facili, nonostante questo i risultati ottenuti sono ottimi. Dal mio punto di vista, ciò è dovuto in larga parte alla capacità della Cantina di porsi come punto di riferimento nella gestione del Soave; un fatto che ci ha permesso di sopportare i contraccolpi negativi che, negli ultimi tempi, tutto il settore del vino ha subito» ha commentato l'enologo Bruno Trentini, direttore generale della Cantina di Soave. Due i dati di grande rilievo: la liquidazione delle uve e il fatturato dell'imbottigliato a marchio. Nel primo caso si è toccato un nuovo record storico: ai Soci infatti sono stati liquidati oltre 27 milioni di Euro (IVA esclusa), con una redditività a ettaro che supera i 9 mila Euro e che si pone tra le più alte in Italia.
L'altro elemento degno di nota riguarda il mercato: per la prima volta, è stata superata la soglia del 50% del fatturato di vino imbottigliato con i marchi aziendali (Cadis, Le Poesie, Maximilian, Rocca Sveva, Equipe 5, Terre al Lago, Donè) rispetto al fatturato complessivo del prodotto confezionato. Più che soddisfacenti anche gli altri dati: il fatturato complessivo supera i 58 milioni di Euro, registrando rispetto allo scorso anno, nonostante la minor produzione dei vini a Doc prodotti dall'azienda, solo una leggera flessione (-3%), mentre l'utile di esercizio supera i 590 mila Euro. Il cash flow sfiora i 3 milioni di Euro, e l'ammontare del patrimonio netto si attesta su 19.732.002 Euro. Ovviamente gli investimenti sono proseguiti anche nel corso di questo esercizio finanziario e hanno riguardato in particolare il miglioramento delle tecnologie di vinificazione, per una spesa intorno ai 2 milioni di Euro. La Cantina di Borgo Rocca Sveva ha operato a pieno regime in tutte le sue componenti. Nell'anno 2004-2005 si è potuto notare un continuo e progressivo aumento dell'afflusso di visitatori alle grotte di affinamento, mentre l'area congressuale è sempre più utilizzata da aziende esterne per i loro convegni. Tutto questo comporta un ottimo utilizzo anche del wine shop, i cui spazi, tra l'altro, ospitano ogni mese mostre di pittura, scultura o fotografia di artisti sia italiani che stranieri.

 


 Gusto DiVino  Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Produttori Eventi 
  Produttori Numero 37, Gennaio 2006   
Tenute FolonariTenute Folonari Giornale di CantinaGiornale di Cantina  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
Quando acquisti un vino, sei più interessato a quelli di:


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Agosto?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Cos'e più importante nella scelta di un vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   



Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2019 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.