Cultura e Informazione Enologica dal 2002 - Anno XVIII
×
Prima Pagina Eventi Guida dei Vini Vino del Giorno Aquavitae Guida ai Luoghi del Vino Podcast Sondaggi EnoGiochi EnoForum Il Servizio del Vino Alcol Test
Segui DiWineTaste in DiWineTaste Mobile per Android DiWineTaste Mobile per iOS Diventa Utente Registrato Abbonati alla Mailing List Segnala DiWineTaste a un Amico Scarica la DiWineTaste Card
Chi Siamo Scrivici Arretrati Pubblicità Indice Generale
Informativa sulla Riservatezza
 


   Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 76, Estate 2009   
Il Vino Italiano è Sicuro. Il Rosato è SalvoIl Vino Italiano è Sicuro. Il Rosato è Salvo  Sommario 
Numero 75, Giugno 2009 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 77, Settembre 2009

Il Vino Italiano è Sicuro. Il Rosato è Salvo


 Dedichiamo l'editoriale di questo numero a due interessanti comunicati diffusi recentemente dalla Coldiretti - la più grande associazione italiana di rappresentanza delle imprese agricole - e che riguardano direttamente il mondo del vino, offrendo interessanti spunti di riflessione. La prima buona notizia diffusa dalla Coldiretti è che il vino italiano sembrerebbe essere più sicuro rispetto alle produzioni del passato. La seconda ci informa che la Commissione Europea ha ritirato il progetto che avrebbe consentito la produzione di vini rosati “da taglio”, cioè prodotti dalla miscela di vini bianchi e rossi. Due buone notizie, senza ombra di dubbio. La prima è particolarmente rassicurante, almeno nel contenuto, visti gli scandali che hanno investito il mondo del vino italiano in passato, oltre a supportare nel mondo la qualità del vino prodotto nel bel paese. Anche la seconda è un'ottima notizia, quanto meno dimostra - per la prima volta - il supporto dell'Europa in fatto di qualità enologica, non sempre tutelata ultimamente dalla Commissione Europea.


 

 Secondo quanto diffuso dalla Coldiretti, la totalità del vino prodotto in Italia risulterebbe essere completamente sicuro e sano. Questo è quello che emerge dal rapporto annuale del Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali sul “Controllo ufficiale dei residui di prodotti fitosanitari negli alimenti di origine vegetale”. In questo rapporto si rende infatti noto che il 100% dei campioni di vino italiano conteneva quantità di residui chimici inferiore ai limiti previsti dalla legge. Certamente un'ottima notizia per tutti i consumatori di vino italiano e per la loro salute. Visti anche i fatti che hanno riguardato lo scorso anno il vino italiano, una notizia come questa non può che fare piacere. Il fatto che le quantità di residui di sostanze chimiche rilevate nel vino italiano siano inferiori ai limiti previsti per legge, sottolinea, innanzitutto, la maturità e la coscienza dei viticoltori nelle loro scelte in vigna. Questo significa, fra l'altro, che l'utilizzo di trattamenti fitosanitari sulle viti è stata ridotta a vantaggio di pratiche colturali più “naturali”.

 La diminuzione dell'impiego di trattamenti fitosanitari in agricoltura è anche confermata da un'indagine ISTAT (Istituto Nazionale di Statistica), nel quale si registra una progressiva diminuzione nell'utilizzo di fitofarmaci tossici, addirittura dimezzato negli ultimi dieci anni. In questo studio emerge inoltre che la diminuzione ha segnato la sostanziale crescita dell'impiego di sistemi di coltivazione ecocompatibili. Inoltre - sempre secondo l'ISTAT - l'Italia occupa oggi il primo posto in Europa nell'adozione di principi di coltura biologica, destinando a questo tipo di coltura oltre un milione di ettari. La coscienza e la maturità delle imprese agricole, e quindi anche delle aziende che si occupano di produzione di vino, sono inoltre confermate dalla tendenza delle diminuzioni di irregolarità registrate negli ultimi sedici anni. Se nel 1993 il 5,56% della produzione agricola presentava delle irregolarità, nel 2007 solamente lo 0,9% non rispettava le disposizioni di legge: una diminuzione di oltre sei volte. Risultati come questi collocano la produzione agricola italiana - e quindi anche il vino - ai massimi vertici mondiali in fatto di sicurezza alimentare.

 La consapevolezza e la maturità delle imprese agricole italiane nell'uso limitato di trattamenti fitosanitari tossici, è inoltre confermata anche dai controlli effettuati in altri prodotti. Le verifiche oggetto del controllo hanno infatti rilevato che il 99,3% delle verdure è risultato regolare, così come il 98,6% della frutta e il 98,7% dell'olio d'oliva. Una buona, anzi ottima, notizia per la tutela della salute degli italiani e certamente un'ulteriore garanzia all'estero sulla bontà e la salubrità dei prodotti agricoli italiani. Inoltre, un chiaro segno di come sia maturata una migliore consapevolezza e il ritorno al rispetto della natura da parte delle imprese agricole che, dopo essersi per anni affidati ai miracoli promessi dalla chimica, stanno oggi tornando a una più sana e rispettosa coltivazione della terra. E lo stesso si può affermare per il vino. Se un tempo il ricorso a prodotti chimici in vigna e in cantina era considerato del tutto normale, oggi l'impiego di sostanze chimiche è generalmente adottato solo quando si rende necessario per garantire un prodotto più stabile ed esente da difetti.

 L'altra buona notizia riguarda il vino rosato. Come ricorderete, la Commissione Europea stava lavorando a un progetto che avrebbe consentito la produzione di vini rosati dall'unione di vini bianchi e vini rossi. Un provvedimento che avrebbe ulteriormente leso, per molti aspetti, la dignità e la qualità dei vini rosati, da sempre poco considerati dai consumatori, ai quali tendono a preferire altri stili di vino. A quanto si apprende, la Commissione Europea avrebbe ritirato questo progetto. La notizia è stata diffusa dalla Coldiretti, la quale afferma inoltre che in questo modo si sono salvati circa 48 milioni di bottiglie di vino rosato prodotto con il metodo tradizionale, cioè con l'esclusivo impiego di uve a bacca rossa. Il ripensamento della Commissione Europea è stato determinato anche dalla pressione della stessa Coldiretti - a tutela e in rappresentanza di tutti i produttori italiani - sottolineando che questo provvedimento avrebbe unicamente generato confusione fra i consumatori senza tutelare la qualità del vero vino rosato. Il provvedimento non obbligava infatti i produttori a indicare in etichetta il metodo di produzione, pertanto i consumatori non avrebbero avuto nessuna possibilità di sapere realmente cosa stessero versando nei calici.

 La decisione presa dalla Commissione Europea fa ben sperare sul futuro di analoghi provvedimenti riguardanti il vino. Per la prima volta si è infatti registrato in sede Europea un reale interesse per la qualità del vino, un atteggiamento che - si spera - sia sempre più orientato verso la tutela e il rispetto dei consumatori e dei produttori onesti. Si ricorderà infatti che in passato la Commissione Europea ha varato provvedimenti molto discutibili e che certamente non sono a favore della qualità. Già dal 2006 è infatti permesso l'uso dei trucioli di legno nella produzione di vino, che in questo caso non opera nessuna reale maturazione ma semplicemente a una discutibile aromatizzazione. Inoltre è già consentita la commercializzazione di “vini” prodotti dalla fermentazione di frutti diversi dall'uva, come lamponi e ribes - prodotti che sono già reperibili nei supermercati d'Europa - senza considerare che in alcuni paesi è stata consentita l'aggiunta di zucchero al mosto. Infine, è molto probabile che dal primo agosto si potrà chiamare vino anche quello al quale è stato eliminato parte dell'alcol, il cosiddetto vino dealcolizzato. La decisione presa in merito al vino rosato fa comunque ben sperare che decisioni discutibili come queste non vengano più prese dalla Commissione Europea. Per il momento rallegriamoci del fatto che il vino rosato è salvo. E ovviamente anche dal fatto che il vino italiano è più sicuro e sano.

 




   Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 76, Estate 2009   
Il Vino Italiano è Sicuro. Il Rosato è SalvoIl Vino Italiano è Sicuro. Il Rosato è Salvo  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Dicembre?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Cosa dovrebbero migliorare i ristoranti nel servizio del vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Prima di servire un vino invecchiato, lo decanti?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   



Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2019 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.