Cultura e Informazione Enologica dal 2002 - Anno XVIII
×
Prima Pagina Eventi Guida dei Vini Vino del Giorno Aquavitae Guida ai Luoghi del Vino Podcast Sondaggi EnoGiochi EnoForum Il Servizio del Vino Alcol Test
Segui DiWineTaste in DiWineTaste Mobile per Android DiWineTaste Mobile per iOS Diventa Utente Registrato Abbonati alla Mailing List Segnala DiWineTaste a un Amico Scarica la DiWineTaste Card
Chi Siamo Scrivici Arretrati Pubblicità Indice Generale
Informativa sulla Riservatezza
 


   Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 195, Maggio 2020   
Vino: Una Ripartenza DifficilissimaVino: Una Ripartenza Difficilissima  Sommario 
Numero 194, Aprile 2020 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter 

Vino: Una Ripartenza Difficilissima


 La pandemia di Covid-19 – la malattia respiratoria acuta causata dall'oramai tristemente noto coronavirus SARS-CoV-2 – sta provocando degli effetti profondissimi e gravi sia in ambito sociale sia a livello economico e produttivo. È noto, infatti, e mi riferisco, nello specifico, a quanto sta accadendo in Italia, che gran parte delle attività produttive sono state bloccate da oramai due mesi, con conseguenze che – purtroppo – sono tangibili e devastanti. Questa decisione, chiaramente imposta dalle condizioni socio sanitarie di questi tempi, ha avuto un impatto enorme nella quasi totalità dei settori produttivi ed economici del paese, non risparmiando, ovviamente, nemmeno i comparti agro-alimentare, vitivinicolo ed enologico. Anche il vino, pertanto, ha subito un arretramento sostanziale e decisamente preoccupante, sul quale futuro non è possibile – in questo momento – fare qualunque stima o previsione. Tutti sono comunque concordi nel che l'impatto provocato da questa pandemia è spaventosamente ingente con notevoli danni economici e imprenditoriali.


 

 La situazione attuale, per quanto riguarda i settori viticolturale ed enologico, è estremamente critica, tanto da prevedere che molte cantine italiane saranno costrette a chiudere, entro il 2020, a causa di difficoltà economiche. Questo è prevalentemente dovuto ai mancati profitti di questi mesi e, conseguentemente, alla mancanza di liquidità tale da garantire il proseguimento dell'attività. A questo, non da meno, si deve aggiungere l'alta quantità di bottiglie invendute e che, purtroppo, sono ferme all'interno delle cantine, contribuendo quindi ad aumentare la passività. Allo stato attuale – ammesso non sia ulteriormente compromesso – si prevede che una cantina su quattro non sarà nella condizione di riprendere l'attività proprio a causa della mancanza di liquidità. Una previsione decisamente devastante e che vedrebbe – letteralmente – la decimazione del panorama enologico italiano con conseguenze pesantissime per l'economia dell'intero settore.

 Non è difficile prevedere, infatti, qualora questo sciagurato scenario dovesse verificarsi, che le cantine costrette a chiudere la propria attività si troverebbero in una condizione economica estremamente sfavorevole. In primo luogo, il problema delle bottiglie non vendute e che difficilmente si riuscirà a vendere in futuro, soprattutto i vini che si considerano di pronto consumo. Troppo facile prevedere, per esempio, che i vini destinati al consumo immediato saranno semplicemente rifiutati dal mercato in favore di quelli della nuova annata. Questi vini resteranno “semplicemente” invenduti e, probabilmente, con un unico destino possibile capace di garantire un piccolissimo profitto: la distillazione, pratica che comunque è regolata da specifiche leggi e con limiti sulle quantità massime destinate a questo scopo. Le cantine che decideranno di non riprendere l'attività, si troveranno inoltre nella condizione di recuperare il mancato profitto – non da meno, per coprire gli eventuali debiti di gestione – e, sicuramente, lo faranno con la vendita delle strutture e attrezzature, vigneti compresi.

 Troppo facile pensare che non si tratterà di una vendita vantaggiosa o profittevole, piuttosto una svendita tesa a realizzare un profitto nel breve termine. La situazione per le cantine è obiettivamente molto difficile e complessa. Con la chiusura delle attività di ristorazione e somministrazione delle bevande, oltre al conseguente blocco delle esportazioni, le vendite di vino sono state praticamente annullate da più di due mesi. Questa condizione costituisce per qualunque attività commerciale una difficoltà enorme, soprattutto per il fatto che i costi, seppure ridotti al minimo indispensabile, gravano comunque sul bilancio aziendale. Nella medesima condizione, ovviamente, si trovano la gran parte delle attività produttive del Paese, comprese quelle che costituiscono il mercato principale delle cantine: i ristoranti. Si prevede, infatti, che anche in questo settore si registreranno chiusure di attività proprio per mancanza di liquidità e per mancati profitti.

 La ripresa dell'economia del vino non sembra comunque facile poiché – fin troppo evidente – la condizione non sarà magicamente ripristinata, come se nulla sia mai accaduto, quando il settore della ristorazione potrà finalmente riaprire. Sembra infatti improbabile che la ripresa delle attività produttive e sociali possano tornare immediatamente alla “normalità” di qualche mese fa poiché – fin troppo prevedibile – saranno attuate misure preventive e con forti limitazioni. A quanto pare, si adotteranno misure tali da assicurare le nuove condizioni di sicurezza sanitaria – con distanziamento dei tavoli e dispositivi di prevenzione – con conseguente riduzione della clientela rispetto al periodo precedente la pandemia. Certo, sempre meglio di niente e in qualche modo si deve pure ripartire, ovviamente con cautela, anche se sarà necessario molto tempo prima di recuperare le perdite. Con molta probabilità non sarà sufficiente a garantire una ripresa effettiva per le cantine che, non da ultimo, fra qualche mese saranno impegnate con la vendemmia 2020.

 Già, la vendemmia. Vale a dire iniziare a produrre il nuovo vino, sostenendo quindi dei costi, con i magazzini probabilmente pieni di bottiglie non vendute. Si sono fatte molte ipotesi sull'utilizzo del vino invenduto e, la più ricorrente – e forse anche la più scontata – è quello della distillazione e che prevede in ogni caso autorizzazioni legislative specifiche. Molti, inoltre, ipotizzano il cambiamento radicale del commercio del vino e sono pronti a scommettere che la “salvezza” sia rappresentata dalla vendita on-line, cioè mediante siti di commercio elettronico. Questa soluzione, in verità, è già adottata da molte cantine e che, proprio in questo periodo, è utilizzata – direttamente o indirettamente – per procurare un minimo di profitto. Le stime di settore indicano, infatti, aumenti importanti nelle vendite di vino on-line, segno anche che gli italiani, a dispetto dell'isolamento imposto, per fortuna non rinunciano a un buon calice di vino. Difficile, in ogni caso, fare previsioni sia sull'immediato sia sul futuro, anche quello prossimo, poiché la situazione imposta da questa pandemia consente solamente, per così dire, di navigare a vista. Quello che invece è molto chiaro è che ha prodotto danni ingenti sia a livello sociale sia a livello economico. Sarà necessaria tanta determinazione per uscirne, con la forza di recuperare il danno e continuare ad andare avanti. Sarà inoltre necessaria la disponibilità di liquidità per sostenere la ripartenza, sicuramente adottando nuovi mezzi e strategie imprenditoriali e di mercato: non sarà affatto semplice. Sempre ammesso si disponga, in qualche modo, di liquidità. Anche questo non sarà per niente semplice.

Antonello Biancalana



   Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 195, Maggio 2020   
Vino: Una Ripartenza DifficilissimaVino: Una Ripartenza Difficilissima  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
Prima di servire un vino invecchiato, lo decanti?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Maggio?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Cosa dovrebbero migliorare i ristoranti nel servizio del vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   



Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2020 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.