Cultura e Informazione Enologica dal 2002 - Anno XVII
×
Prima Pagina Eventi Guida dei Vini Vino del Giorno Aquavitae Guida ai Luoghi del Vino Podcast Sondaggi EnoGiochi EnoForum Il Servizio del Vino Alcol Test
Segui DiWineTaste in DiWineTaste Mobile per Android DiWineTaste Mobile per iOS Diventa Utente Registrato Abbonati alla Mailing List Segnala DiWineTaste a un Amico Scarica la DiWineTaste Card
Chi Siamo Scrivici Arretrati Pubblicità Indice Generale
Informativa sulla Riservatezza
 


   Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 59, Gennaio 2008   
A Chi Piacciono i Dolci, Passiti e Liquorosi?A Chi Piacciono i Dolci, Passiti e Liquorosi?  Sommario 
Numero 58, Dicembre 2007 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 60, Febbraio 2008

A Chi Piacciono i Dolci, Passiti e Liquorosi?


 La domanda può sembrare una provocazione, una di quelle che non avrebbe nemmeno molto senso chiedere. Tuttavia, se si chiede agli appassionati di vino qual è lo stile o il tipo da loro preferito, sono in pochi a mettere al primo posto i vini dolci, passiti e liquorosi. Viste le poche preferenze che questi vini riscuotono, diventa pertanto lecito chiedersi se c'è ancora qualcuno a cui piacciono i dolci, passiti e liquorosi. Certamente questi vini sono molto apprezzati da tutti - o almeno dalla maggioranza degli appassionati - ma non sono fra quelli che svolgono un ruolo dominante nello scenario dell'enologia. Una tendenza che emerge inoltre dai nostri sondaggi e nei quali chiediamo ai nostri lettori qual è il loro vino preferito, sia in senso generale, sia riferito a un ogni mese dell'anno. Nel sondaggio generale, i vini dolci e passiti si piazzano attualmente al centro della classifica, con il 4,29% delle preferenze, mentre i liquorosi si trovano all'ultimo posto con poco meno dell'1% delle preferenze.


 

 Per comprendere ancor meglio questo risultato, in testa al nostro sondaggio troviamo i vini rossi, con il 73%, seguiti dai bianchi, con il 13,70%. Che i vini rossi fossero quelli preferiti della maggioranza, non è mai stato un mistero, almeno negli ultimi anni. Ciò che colpisce è invece il risultato ottenuto dai vini liquorosi: non tanto per essere all'ultimo posto, piuttosto per il fatto di avere riscosso poco meno dell'1% delle preferenze. Il dato è ancora più sconcertante se si pensa che in passato i vini liquorosi hanno svolto un ruolo commerciale importante, molto richiesti dalle corti nobili d'Europa. D'accordo, i tempi cambiano e con essi anche i gusti: questo potrebbe spiegare le preferenze dei consumatori dei giorni nostri. Va anche ricordato che in tempi relativamente recenti, la maggioranza della produzione dei vini liquorosi non era molto entusiasmante in termini di qualità, e questo certamente ha contribuito a “demolire” la fama di questi nobili vini. Va anche detto che negli ultimi anni, la produzione di vini liquorosi ha raggiunto risultati di assoluta eccellenza, cancellando il poco onorevole passato.

 Questo vale anche per i vini dolci e passiti, che non hanno subìto il “tracollo” dei vini liquorosi, ma che certamente hanno raggiunto livelli qualitativi elevatissimi, qualcosa che da sempre li ha contraddistinti, già dagli albori dell'enologia. Va altresì detto che sia i vini dolci e passiti, sia i vini liquorosi, hanno un consumo decisamente diverso da un vino da tavola: quando si deve aprire una bottiglia per accompagnare un pasto, nella maggioranza dei casi si pensa sempre a un vino bianco o un vino rosso. Si pensa al consumo di vini dolci e liquorosi, e non sempre, nel caso di abbinamenti con i dessert e, talvolta, nei cosiddetti momenti di “meditazione”. Eppure, se si chiede di esprimere un parere sui vini dolci e liquorosi, la maggioranza risponde sempre con aggettivi superlativi di apprezzamento. I vini dolci e i liquorosi piacciono, e anche molto, tuttavia è innegabile che il loro consumo è decisamente marginale rispetto agli altri vini.

 Ad onore del vero, è opportuno ricordare che il prezzo dei vini dolci e liquorosi di qualità è generalmente alto, pertanto il numero di consumatori che possono permettersi l'acquisto è decisamente limitato. Il prezzo è quindi il problema principale del consumo e della diffusione dei vini dolci e liquorosi? Sicuramente contribuisce in modo significativo, ma certamente non è l'unico fattore da considerare. Sempre ricordando che esiste una sostanziale e indiscutibile differenza fra la speculazione e il giusto prezzo, è bene ricordare che se la produzione di vino di qualità ha dei costi alti, nei vini dolci e liquorosi di qualità i costi sono decisamente maggiori. I vini dolci sono generalmente prodotti con uve appassite, che hanno cioè perso parte dell'acqua contenuta negli acini. La quantità di succo che si ottiene sarà quindi decisamente inferiore rispetto a quella tipica della produzione dei vini da tavola, incidendo notevolmente sia sui costi, sia sul prezzo di vendita.

 Per questo motivo, la produzione di vini dolci e liquorosi è generalmente ridotta; si producono una quantità ridotta di bottiglie e che - per la solita legge di mercato e imprenditoriale - devono garantire un profitto e recuperare i costi di produzione. A nostro avviso, uno dei problemi che limitano la diffusione dei vini dolci e liquorosi - e che si aggiunge a tutti gli altri - è dovuto anche alla scarsa visibilità e promozione riservata a questi vini. A titolo di esempio, provate a consultare la carta dei vini di un ristorante: lo spazio riservato a quelli dolci è modestissimo, spesso limitato a tre o quattro scelte. Non va certamente meglio ai vini liquorosi, spesso totalmente assenti dalle carte dei vini. Ovviamente non è nostra intenzione ritenere i ristoranti responsabili di questa poca diffusione, del resto - c'è da capirli - se un prodotto non si vende, oppure è poco richiesto, non è economicamente conveniente offrire un'ampia scelta. Considerando poi che questi vini hanno solitamente un prezzo elevato, le possibilità di vendita diminuiscono ulteriormente.

 Una soluzione potrebbe essere rappresentata dalla vendita dei vini dolci e liquorosi al bicchiere: con un prezzo decisamente minore di un'intera bottiglia, molti sarebbero disposti ad abbinare un buon calice di vino con il loro dessert. Se questo potrebbe sembrare una buona soluzione, va ricordato che la vendita di vino al bicchiere è attualmente poco praticata per i vini da tavola, pertanto lo è ancora meno - e meno probabile - per i vini dolci e liquorosi. Infine, è anche un problema legato alla cultura e alle abitudini: tutti, o almeno la maggioranza, apprezzano e gradiscono i vini dolci e liquorosi, ma pochi si ricordano di loro. Se poi consideriamo che coloro i quali si ricordano di questi vini non li scelgono a causa del loro prezzo, la situazione diventa piuttosto difficile da rimediare. Se poi si sceglie un vino dolce o liquoroso con un prezzo troppo basso, alla portata di tutti, spesso la sua qualità è molto deludente così come la soddisfazione. A chi piacciono quindi i dolci, passiti e liquorosi? A tutti, ovvio. Basta potersi permettere quelli veramente buoni!

 




   Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 59, Gennaio 2008   
A Chi Piacciono i Dolci, Passiti e Liquorosi?A Chi Piacciono i Dolci, Passiti e Liquorosi?  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
Cos'e più importante nella scelta di un vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Agosto?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Quando acquisti un vino, sei più interessato a quelli di:


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   



Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2019 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.