Cultura e Informazione Enologica - Anno XVII
Prima Pagina Chi Siamo:Scrivici:Arretrati:Pubblicità:Indice 
Eventi Sondaggi Servire il Vino EnoForum EnoGiochi Luoghi del Vino Aquavitae Guida dei Vini


   Condividi questo articolo   Share on Google+   Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 67, Ottobre 2008   
Italia e Francia: l'Eterna SfidaItalia e Francia: l'Eterna Sfida  Sommario 
Numero 66, Settembre 2008 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 68, Novembre 2008

Italia e Francia: l'Eterna Sfida


  notizia di questi giorni: l'Italia supererà la Francia e diventerà il primo paese del mondo in fatto di produzione di vini. l'eterna competizione che si rinnova fra due paesi che sembrano non stancarsi mai di cercare opportunità di rivaleggiare nelle più disparate sfide. Pare, con tutta probabilità, che la vendemmia 2008 vedrà l'Italia sorpassare la Francia in fatto di produzione vitivinicola: dopo anni di strapotere dei francesi, quest'anno l'Italia produrrà più uva - e quindi più vino - dei cugini d'Oltralpe, divenendo il primo paese al mondo in termini di quantità. Già, la quantità. E la qualità? Si può anche produrre un oceano di vino e guadagnare il primato dell'opulenza, ma a cosa serve così tanto vino se poi la maggioranza è piuttosto deludente dal punto di vista qualitativo? Sia ben chiaro: la qualità del vino italiano è indiscutibile, alta, altissima qualità, non ha nulla da temere nel confronto né con i vini di Francia né con i vini di altri paesi.


 

 E lo stesso si può certamente dire del vino della Francia, del resto, il concetto di qualità enologica - inutile negarlo o contraddirlo - nasce proprio in questo paese, adottato poi da tutto il resto del mondo. E di certo non tutto il vino francese è di qualità eccelsa, ma lo stesso si può dire del vino di ogni altro paese del mondo, Italia compresa. D'accordo, fa certamente piacere sapere che l'Italia sia riuscita a distinguersi a livello mondiale - almeno questa volta per un buon motivo - ma tuttavia c'è da chiedersi di tutta quest'uva che andrà a costituire questo primato, quanta sarà utilizzata per produrre vino degno di essere definito come tale, quanta uva sarà invece destinata alla produzione di vini, nella più rosea delle ipotesi, mediocri? Esistono diversi tipi di mercati, esigenze diverse per ogni consumatore e non tutti cercano alta qualità nel vino, principalmente per il fatto che questa è generalmente offerta a prezzi molto elevati e non tutti possono permettersi di spendere certe cifre. Allora non rimane che accontentarsi di vino mediocre, seppure dignitoso, venduto a un prezzo più modesto. Anche questo è mercato, senza dubbio.

 Ma veniamo alla notizia vera e propria. Secondo le stime del Ministero dell'Agricoltura francese, nella vendemmia 2008 in Francia si registrerà un calo di oltre il 10% rispetto alla media degli ultimi cinque anni, una vendemmia che si annuncia come la meno proficua dal 2000. Questo calo di raccolto dovrebbe portare a una produzione di circa 46 milioni di ettolitri di vino, quantità che risulterebbe inferiore a quella prevista in Italia. Secondo la Coldiretti, la vendemmia 2008 vedrà in Italia un aumento compreso fra il 5 e il 10%, stima che dovrebbe portare a una produzione di oltre 46 milioni di ettolitri, pertanto maggiore rispetto a quella della Francia. Con queste cifre, si dovrebbe verificare uno storico sorpasso e che porterà l'Italia come primo produttore vitivinicolo del mondo in termini di quantità. Questo risultato, inutile nasconderlo, è anche frutto delle diverse condizioni meteorologiche che si sono verificate nel corso dell'anno nei due paesi.

 L'Italia ha visto un'alternanza di sole e piogge moderate su quasi tutto il territorio, mentre le condizioni meteorologiche in Francia sono state decisamente peggiori, influendo pesantemente sul raccolto, tanto da definirlo come il peggiore dal 2000. Questo primato produttivo si aggiunge agli altri risultati ottenuti dall'Italia nel settore agroalimentare. L'Italia è infatti in testa fra i paesi europei come maggiore produttore di riso, tabacco, frutta e ortaggi freschi, nelle produzioni biologiche e di qualità riconosciute come indicazione di origine protetta. Come sarà utilizzata l'uva dei vigneti italiani? Circa il 60% delle uve sarà destinata alla produzione di vini a Denominazione d'Origine Controllata e Garantita (DOCG), Denominazione d'Origine Controllata (DOC) e Indicazione Geografica Tipica (IGT), mentre il restante 40% sarà impiegato per la produzione di vini da tavola. Una stima come questa dovrebbe fare pensare anche a un aumento in termini di qualità: non è il caso di aprire una polemica sulla reale qualità di molti vini che fanno risaltare le sigle DOCG, DOC e IGT nelle loro etichette.

 Come sarà il vino italiano dell'annata 2008? Secondo le previsioni dell'Assoenologi, la qualità del vino sarà piuttosto buona, fino ad arrivare a toccare l'apice dell'eccellenza, qualcosa che dovrebbe riguardare prevalentemente i vini del sud. Sarà infatti nel sud dell'Italia che si registreranno i maggiori incrementi produttivi, mentre nelle regioni del nord dovrebbero verificarsi dei cali - circa il 10% in Lombardia e il 5% in Piemonte - pur considerando, nel complesso, una produzione vitivinicola stabile sulla vendemmia 2007. Al sud spiccano la Sicilia, con un aumento del 55%, Puglia e Campania con il 10%, mentre al centro saranno le Marche a guidare la produzione con un aumento del 25%, seguita dall'Abruzzo con il 15% e il Lazio con il 10%. Sempre secondo Assoenologi, il 2008 regalerà vini di ottima qualità, soprattutto vini bianchi e spumanti al nord, mentre per i vini rossi è necessario attendere l'andamento meteorologico di settembre prima di potere esprimere un parere concreto. Avremo buoni vini rossi solo se ci saranno giornate di sole e scarse di pioggia, con buone escursioni termiche notturne.

 Stime, previsioni e, ovviamente, nulla di certo: solo i fatti racconteranno se queste stime saranno rispettate oppure no. Se ci sarà il tanto atteso e storico sorpasso sulla Francia, anche questo dovrà essere confermato dai fatti. Così come la qualità della vendemmia 2008 - come tutte le altre - dovrà essere confermata dai fatti passando per il calice. Le stime e le previsioni possono essere avvincenti ed entusiasmanti, almeno fino a quando non si trasformano in delusioni. Se l'Italia sorpasserà la Francia oppure no, non sarà così importante, almeno non per gli appassionati di vino che si aspettano sempre e solo la qualità nei loro calici, lasciando da parte la quantità. Inoltre, in un crescente clima di contrasto che non porta mai a nulla di costruttivo e che spesso si basa unicamente su ragioni di sciocco campanilismo, non sarebbe ora di andare oltre questa ristretta visione? Magari passando per del buon vino, dove italiani e francesi fanno tintinnare i calici in un amichevole brindisi alla qualità dei rispettivi ed eccellenti vini.

 




   Condividi questo articolo   Share on Google+   Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 67, Ottobre 2008   
Italia e Francia: l'Eterna SfidaItalia e Francia: l'Eterna Sfida  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
Qual è l'aspetto più piacevole della degustazione di un vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Marzo?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 
In quale momento della giornata bevi abitualmente vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 


Eventi Sondaggi Servire il Vino EnoForum EnoGiochi Luoghi del Vino Aquavitae Guida dei Vini
Prima Pagina Chi Siamo:Scrivici:Arretrati:Pubblicità:Indice 

Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2019 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.