Cultura e Informazione Enologica - Anno XVII
Prima Pagina Chi Siamo:Scrivici:Arretrati:Pubblicità:Indice 
Eventi Sondaggi Servire il Vino EnoForum EnoGiochi Luoghi del Vino Aquavitae Guida dei Vini


   Condividi questo articolo   Share on Google+   Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 144, Ottobre 2015   
Vendemmia 2015: il Vino che VerràVendemmia 2015: il Vino che Verrà  Sommario 
Numero 143, Settembre 2015 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 145, Novembre 2015

Vendemmia 2015: il Vino che Verrà


 Ci siamo. Anche quest'anno è arrivato il momento fondamentale atteso da ogni vignaiolo, l'evento più importante del mestiere di fare vino e che decide, in larga parte, le sorti di un intero anno di lavoro. La vendemmia rappresenta infatti la verifica fondamentale sia della benevolenza o dell'ira di Madre Natura, sia del lavoro del viticoltore. Va detto, infatti, che chiunque si dedichi alla coltivazione della vigna e alla produzione di vino, è sempre attento all'osservazione del cielo e della vite. L'intento è quello di capire e, spesso prevenire, quello che la Natura dispensa nel corso della stagione, nel bene e nel male. A vedere l'andamento del 2015, la benevolenza è stata piuttosto generosa di sole e afa; le piogge e l'acqua scarsamente elargite, con conseguente sofferenza idrica per la vite. Va detto, per dovere di cronaca, che nelle scorse settimane, in alcune zone d'Italia, si sono registrate copiose piogge e grandinate, mettendo a rischio parte del raccolto.


 

 In termini generali, rifuggendo dalla ridicola e speculativa definizione di vendemmia del secolo - preferisco chiamarla semplicemente vendemmia 2015 - il vigneto Italia ha regalato ottime uve. Sembra la giusta ricompensa per quello che è stato il 2014, annata che in molti ricordano per le frequenti e copiose piogge. La scorsa annata è stata piuttosto tormentata per i vignaioli, costretti a porre rimedio come potevano, cercando di “salvare il salvabile”. Si tratta di due condizioni poste agli estremi, in ogni caso nessuna delle due si può definire equilibrata. Va detto che anche troppo caldo e sole, nonostante aiutino il processo di maturazione delle uve, mette in pericolo la vite privandola della preziosa acqua. ╚ vero che, in termini generali, la mancanza di acqua costringe la vite a cercare il prezioso liquido vitale nel sottosuolo, sviluppando radici più lunghe. Ammesso ci siano riserve idriche nel sottosuolo e, per questo, servono le piogge nella giusta misura.

 Le associazioni di categoria hanno cominciato a esprimersi sull'annata 2015 già da qualche mese e, nelle previsioni, ci sono - o, meglio, ci sarebbero, visto che ancora molti stanno vendemmiando - poche regioni in Italia ad avere motivo di lamentarsi. Tutti sono concordi sulle quantità, preannunciando aumenti di produzione che potrebbero aggirarsi intorno al 13% in termini di vino prodotto. Va detto che questo, ovviamente, non significa la produzione di vino di qualità, fattore che va oltre i semplici numeri di quello che si raccoglie in vigna. In ogni caso, la qualità delle uve sembra essere molto buona praticamente in tutte le regioni d'Italia, pertanto si può confidare in un buon inizio. Certo, dalla vendemmia al calice ne passa di tempo e, talvolta, le buone speranze della vigna non sono confermate dal vino. Ed è vero anche il contrario: ricordiamo ancora tutti la vendemmia 2002 - definita in modo unanime come “terribile” - eppure, a distanza di tempo, certi vini di quell'annata sono oggi strepitosi.

 Le previsioni suggeriscono che oltre il 40% delle uve vendemmiate nel 2015 saranno destinate a vini a Denominazione d'Origine Controllata e Denominazione d'Origine Controllata e Garantita, la restante parte pressoché equamente divisa fra vini a Indicazione Geografica Tipica e vini da tavola. La Coldiretti informa che la produzione stimata per il 2015 sarà di quarantasette milioni di ettolitri, quantità che - per chi segue la fondamentale, appassionante ed eterna sfida Italia-Francia - permetterà al nostro Paese di superare i cugini d'Oltralpe per poco più di mezzo milione di ettolitri. Tutto questo, ovviamente, con il permesso di Madre Natura, in particolare senza il verificarsi di piogge e condizioni meteorologiche avverse tali da fare cambiare queste stime. Questo si è in effetti verificato poiché in alcune zone d'Italia le piogge di settembre hanno prodotto alcuni danni ai vigneti, riducendo la frazione di uve sane.

 In tutto questo, c'è già chi acclama l'annata 2015 di notevole qualità, sognando punte di eccellenza notevoli. Per quello che mi riguarda, saranno - come sempre - i calici a raccontarci se queste premesse si sono trasformate in realtà oppure no. A parte questo, valutando le stime diffuse nelle settimane scorse, sarà il Veneto ad aggiudicarsi il posto più alto del podio, per quanto riguarda la quantità prodotta, con i suoi 9,1 milioni di ettolitri di vino. La Toscana registra invece un calo del 5% rispetto al 2014, a causa - purtroppo - delle condizioni meteorologiche avverse che si sono verificate all'inizio di settembre. Lombardia e Sardegna confermano quanto prodotto nel 2014, mentre la Puglia aumenta del 25% la sua produzione di vino. Si registrano incrementi della produzione anche in altre regioni e precisamente: Campania +20%; Trentino Alto Adige +15%; Friuli Venezia Giulia, Veneto, Piemonte, Marche e Sicilia +10%; Emilia Romagna +5%.

 Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi, dichiara - molto realisticamente - che in alcune zone saranno prodotti vini di elevata qualità e mediocre in altre, osservando che sarà una buona annata per i bianchi, troppo presto, invece, fare previsioni per i rossi. L'eccezionale ondata di caldo dell'estate 2015, ha fortemente favorito il processo di maturazione delle uve, imponendo l'anticipo della vendemmia praticamente in tutta Italia. Un anticipo che, in alcune zone, è stato significativo. Va comunque detto, che se è vero che la raccolta delle uve bianche si è praticamente conclusa in tutta Italia, lo stesso non si può dire per quelle rosse. Alcune varietà, infatti, saranno raccolte addirittura in novembre, pertanto, azzardare previsioni è quanto meno incauto anche per gli eventuali cambiamenti meteorologici. L'unica cosa che si può comunque fare con assoluta certezza, è l'augurio a tutte le donne e gli uomini che, anche quest'anno, sono impegnati nei lavori in vigna e in cantina. A loro, senza eccezione alcuna, l'augurio che la fatica di un anno sia ripagata da grandi vini o, quanto meno, i migliori possibili. Buon lavoro a tutti: noi siamo con voi.

Antonello Biancalana






   Condividi questo articolo   Share on Google+   Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 144, Ottobre 2015   
Vendemmia 2015: il Vino che VerràVendemmia 2015: il Vino che Verrà  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
Qual è l'aspetto più piacevole della degustazione di un vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 
In quale momento della giornata bevi abitualmente vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Marzo?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 


Eventi Sondaggi Servire il Vino EnoForum EnoGiochi Luoghi del Vino Aquavitae Guida dei Vini
Prima Pagina Chi Siamo:Scrivici:Arretrati:Pubblicità:Indice 

Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2019 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.