Cultura e Informazione Enologica - Anno XVII
Prima Pagina Chi Siamo:Scrivici:Arretrati:Pubblicità:Indice 
Eventi Sondaggi Servire il Vino EnoForum EnoGiochi Luoghi del Vino Aquavitae Guida dei Vini


   Condividi questo articolo   Share on Google+   Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 175, Estate 2018   
Elogio del Vino LiquorosoElogio del Vino Liquoroso  Sommario 
Numero 174, Giugno 2018 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 176, Settembre 2018

Elogio del Vino Liquoroso


 Chi mi conosce sa bene della mia passione e interesse per i vini liquorosi, spesso ne ho parlato anche nelle pagine di DiWineTaste. Vini sontuosi – ma certamente non tutti – capaci di scaldare le emozioni come pochi altri vini al mondo. I vini liquorosi, detti anche fortificati, dal punto di vista strettamente tecnico, sono vini ai quali si aggiunge, in specifiche fasi della produzione, acquavite da vino. Il risultato più evidente è l'aumento del volume alcolico, una caratteristica che, sebbene abbia influssi evidenti sul profilo organolettico, ricopre un ruolo decisamente secondario nella qualità. Si deve comunque notare che l'aggiunta di alcol svolge un ruolo nella qualità e dipende strettamente dalle sue caratteristiche. Un'acquavite di scarsa qualità produce infatti risultati evidentemente negativi in termini organolettici e sensoriali, pregiudicando quindi la finezza del vino. Questo spiega uno dei motivi per i quali spesso molti vini liquorosi risultano essere decisamente deludenti e sgraziati.


 

 Marsala, Porto, Jerez – o Sherry, come dicono gli inglesi – Madeira, Banyuls e Malaga, sono fra i vini liquorosi più conosciuti e importanti, certamente fra quelli che meritano di essere degustati almeno una volta nella vita. Non sono gli unici, ovviamente, ma di certo fra i più rappresentativi e celebrati. Va detto che non tutti sono degni di nota e apprezzamento: delusioni clamorose se ne trovano spesso anche in vini appartenenti a queste denominazioni. Ricca è comunque la nutrita schiera di rappresentati di notevole, immensa e celestiale qualità, certamente capaci di fare dimenticare – per sempre – la rozzezza dei vini di minore pregio. Perché, di certo, avere nel calice un grandissimo Marsala, un raffinatissimo Jerez o un sontuoso Porto, è pura sinfonia di sensi, di emozioni ed eleganza. Soprattutto, è un'esplosione infinita di profumi e aromi, un'esperienza sensoriale e organolettica che non ha eguali in altri vini per maestosità e complessità.

 I vini liquorosi hanno scritto pagine memorabili della storia del vino, non da meno, di quella del commercio. Non è un segreto, infatti, che le stive delle navi commerciali del passato fossero sovente cariche di pipe – le tipiche botti da trasporto – colme di Marsala, Jerez, Porto e Madeira. La passione degli inglesi per i vini liquorosi ha riempito pagine di storia, comprese le gesta dell'ammiraglio Orazio Nelson il quale, si dice, fosse solito festeggiare le sue vittorie con il Marsala. Victory wine – così lo chiamava – e che considerava vino degno della tavola di ogni gentiluomo. Che dire, poi, del Jerez? Così popolare nelle terre d'Oltremanica, tanto da mutare il proprio nome in Sherry così da semplificarne la pronuncia nella locale lingua. Una ricchezza di stili come nessun altro vino liquoroso, il Jerez offre una straordinaria varietà di emozioni, stili e sinfonie di sensi, partendo dal Fino arrivando al Pedro Ximénez, il grande vino spagnolo merita certamente uno sfarzoso e sontuoso monumento.

 Robusti e con un volume alcolico più alto rispetto ai vini normali, qualcuno potrebbe trovare fuori luogo parlare dei vini liquorosi in occasione della calda stagione estiva. Pensate a un magnifico Jerez Fino o a un Marsala Vergine servito a una temperatura fresca – diciamo 12 gradi circa – e capirete che questi vini non disdegnano di certo l'estate. In verità, c'è anche chi li gradisce serviti a temperature molto più basse: personalmente trovo che perdano una buona parte dei loro affascinanti profumi ma – come si dice – de gustibus non disputandum est. Come si fa, poi, a pensare alla gioiosa parata delle tapas spagnole senza un buon calice di Jerez Fino? Impossibile, direi. Con i crostacei, non da meno con le olive e la frutta secca, questo vino è capace di abbinamenti da favola. Parlando di questo grande vino spagnolo, sarebbe poi un grave errore pensare al solo Fino o al Pedro Ximénez. Manzanilla, Amontillado, Oloroso, Palo Cortado, Dulce e Cream – per citare i principali stili – il Jerez offre infinite magnifiche interpretazioni.

 Per non parlare poi del Porto, gloria immensa dell'enologia portoghese: più che vino liquoroso, si potrebbe meglio definire vino semifermentato liquoroso, visto che l'acquavite è aggiunta anche con lo scopo di interrompere la fermentazione e lasciare un cospicuo residuo zuccherino. Questo fa del Porto un magnifico vino da dessert, ma non disdegna certo altri e più complessi abbinamenti, come il cioccolato e i formaggi, in particolare l'inglese Blue Stilton, per esempio, con il quale da sempre forma una strepitosa coppia. Anche in questo caso, l'offerta di stili è ragguardevole: un ventaglio di straordinaria grandezza giocata per mezzo di botti, tempo e magia. Avere nel calice un Porto Colheita o Late Bottled Vintage – possibilmente affinato per qualche decina di anni – è una grandiosa esperienza di degustazione. Tempo, quindi pazienza, ossidazione – non rozza e sgarbata, s'intende – sono i preziosi alleati di questi grandissimi vini.

 E il Marsala? Il grande vino siciliano, quando è grande per davvero, evidentemente e senza timore di smentita, non ha nulla da invidiare ai suoi illustri colleghi di Spagna e Portogallo. Lo stesso si può dire del glorioso Madeira che, nonostante sia prodotto in un numero minore di stili, vanta storia e magnificenza, oltre allo storico e singolare metodo di produzione noto come estufagem. Grandi vini dalle emozioni forti e dall'intenso carattere sensoriale, strepitosi per complessità, infiniti per magnificenza, esattamente come il calice di Marsala Vergine qui al mio fianco e che mi ha tenuto compagnia mentre scrivevo questo editoriale. Un Marsala Vergine di trenta anni, un capolavoro di eleganza e complessità. Grandissimo vino il Marsala Vergine, quando è all'altezza di onorare questo prestigio. Grandissimi vini i liquorosi. Grande storia, grande classe, maestosa eleganza. Strepitosi vini da meditazione, meravigliosi compagni della tavola raffinata e ricercata. Non da meno, quando serviti nel giusto modo, anche ottimi compagni dell'estate. Della mia sicuramente e senza ombra di dubbio.

Antonello Biancalana



   Condividi questo articolo   Share on Google+   Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 175, Estate 2018   
Elogio del Vino LiquorosoElogio del Vino Liquoroso  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
In quale momento della giornata bevi abitualmente vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 
Cosa pensi dei vini rosati?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Settembre?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 


Eventi Sondaggi Servire il Vino EnoForum EnoGiochi Luoghi del Vino Aquavitae Guida dei Vini
Prima Pagina Chi Siamo:Scrivici:Arretrati:Pubblicità:Indice 

Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2018 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.