Cultura e Informazione Enologica dal 2002 - Anno XX
×
Prima Pagina Eventi Guida dei Vini Vino del Giorno Aquavitae Guida ai Luoghi del Vino Podcast Sondaggi EnoGiochi EnoForum Il Servizio del Vino Alcol Test
DiWineTaste in Twitter DiWineTaste in Instagram DiWineTaste Mobile per Android DiWineTaste Mobile per iOS Diventa Utente Registrato Abbonati alla Mailing List Segnala DiWineTaste a un Amico Scarica la DiWineTaste Card
Chi Siamo Scrivici Arretrati Pubblicità Indice Generale
Informativa sulla Riservatezza
 
☰ Menu


   Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 208, Estate 2021   
Ottimi Segnali dal Mercato del VinoOttimi Segnali dal Mercato del Vino  Sommario 
Numero 207, Giugno 2021 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 209, Settembre 2021

Ottimi Segnali dal Mercato del Vino


 Buone notizie dal mondo del vino. Finalmente. Oramai è da più di un anno – purtroppo – che le notizie riguardanti il vino, in particolare le vendite e le statistiche di mercato, raccontano di momenti critici e delle difficoltà che le cantine hanno vissuto a causa della pandemia. All'improvviso, le cantine hanno subito un blocco pressoché totale delle vendite, soprattutto a causa della sospensione delle attività di ristorazione, probabilmente la categoria che ha pagato il prezzo più alto e subito il danno maggiore in conseguenza della pandemia da Covid-19. Le giacenze sono ovviamente aumentate, creando non poche difficoltà anche di carattere gestionale e logistico, gravando ulteriormente sul bilancio economico. Il 2020 è stato, notoriamente, molto negativo in termini di vendite per le cantine italiane ed europee, soprattutto verso i mercati esteri, anche per effetto – non da ultimo – dell'introduzione dei dazi da parte degli Stati Uniti d'America e, non meno determinante, le conseguenze della Brexit.


 

 Dopo oltre un anno di restrizioni e limiti per le attività sociali, e quindi anche quelle produttive, le condizioni – finalmente – sembrano consentire la progressiva ripresa di una certa normalità. Anche le attività produttive e commerciali stanno riprendendo progressivamente a riaprire, intravvedendo quindi la possibilità concreta di ricominciare a lavorare a pieno regime. Fra queste, le attività di ristorazione e di somministrazione delle bevande che, va ricordato, sono state fra quelle che hanno subito maggiormente le conseguenze di questa chiusura forzata. La riapertura delle attività produttive del settore della ristorazione e della somministrazione delle bevande influisce direttamente su quella delle cantine che – finalmente – intravvedono la possibilità di riprendere la vendita dei propri vini. Una riapertura che, ovviamente, riguarda non solo l'Italia ma gran parte dell'Europa e dei paesi in tutto il mondo.

 I dati delle vendite del primo trimestre 2021 sembrano confermare questa ripresa e, nemmeno a dirlo, è una bellissima notizia che fa ben sperare anche per l'immediato futuro. Una recente indagine condotta da Ismea e Unione Italiana Vini, basata sui dati Istat relativi alle esportazioni del vino nel primo trimestre 2021, fornisce dati molto incoraggianti. Il dato, nel suo insieme, cioè nell'andamento complessivo del primo trimestre, evidenzia, in verità, un risultato negativo. Se si considerano invece i singoli mesi che compongono il trimestre – gennaio, febbraio e marzo – si evidenzia una crescente e netta ripresa nelle esportazioni di vino. Il primo trimestre 2021 segna infatti, nel suo complesso, un calo del -4% a valore e del -8,2% in termini di volume. Valutando i dati per ogni singolo mese, gennaio ha registrato un calo del -19%, febbraio del -11%, mentre a marzo si interrompe la serie negativa segnando zero percento. Nel terzo mese di quest'anno, pertanto, la tendenza negativa si è finalmente arrestata.

 In particolare, i dati registrati nel mese di marzo 2021 evidenziano un aumento di volume del +7% per i vini frizzanti e fermi imbottigliati, mentre – in termini di valore complessivo – l'incremento è addirittura del +12%. Quest'ultimo dato assume maggiore rilievo se confrontato con quelli dei due mesi precedenti: a gennaio si era registrato -21% mentre a febbraio -5%. Anche per gli spumanti si è registrato un risultato positivo, passando dal -16% di inizio anno al +3% di marzo. Per quanto riguarda i vini fermi e frizzanti imbottigliati, dall'inizio del 2021 – quando si registrava un calo del -23% – l'incremento è stato estremamente significativo con un +16%. Segnali di netta ripresa anche per quanto riguarda le esportazioni, in particolare verso gli Stati Uniti d'America. Il risultato più significativo è conseguito dal Prosecco che, nel primo trimestre 2021, vede aumentare il proprio volume di esportazioni verso gli Stati Uniti d'America addirittura del +11%.

 Meno brillante il risultato dei vini fermi imbottigliati, sempre riferiti alle esportazioni verso gli Stati Uniti d'America, che vede, nel totale del primo trimestre, un calo del -7%. Se si considera, tuttavia, il valore specifico per il mese di marzo, considerando inoltre che a gennaio 2021 il valore esportato aveva segnato un calo di -44%, nel terzo mese di quest'anno il dato registra un importante incremento del +21%. Il comparto del vino – così emerge dai risultati di questa indagine – è ancora ben lontano dal riconquistare un il livello di attività nei profitti, ma è certamente una buonissima notizia il fatto che la tendenza negativa si sia interrotta. Non solo, poiché, soprattutto nel mese di marzo, si è verificata una straordinaria inversione di tendenza con forte spinta verso il rialzo, quindi una progressione che tende a livelli positivi e attivi. Anche i numeri che certificano questi dati, evidenziano che siamo ancora lontani da una ripresa concreta, ma inequivocabilmente testimoniano un deciso rialzo.

 Il totale delle esportazioni relative al primo trimestre 2021, per quanto concerne il valore, si attesta a 1,444 miliardi di euro, corrispondente a un calo del -3,9% rispetto al medesimo periodo del 2020. A tale proposito, si deve tuttavia osservare che il termine del primo trimestre 2020 aveva segnato, a sua volta, un aumento rispetto allo stesso periodo del 2019. Il risultato del primo trimestre 2021 riporta quindi il valore delle esportazioni al livello di quello del medesimo periodo del 2019, quando il risultato si attestava a 1,435 miliardi di euro. La tendenza positiva iniziata a marzo 2021 è proseguita anche nel mese di aprile, confermando quindi la buona ripresa delle vendite e delle esportazioni del vino italiano. Una recente analisi condotta dall'Osservatorio Vinitaly-Nomisma Wine Monitor su base doganale, rilevano infatti che ad aprile 2021 si è registrato un incremento del +26% nelle esportazioni del vino italiano verso gli Stati Uniti d'America e, addirittura, +98% verso la Cina.

 Il risultato eclatante conseguito con il mercato cinese è in realtà favorito dalla recente decisione dell'introduzione di dazi nei confronti del vino australiano che ha visto, quindi, una drastica “uscita di scena” dell'Australia dalla Cina. Questo evento ha quindi favorito l'Italia che è diventata adesso il terzo fornitore di vino del mercato cinese. A tale proposito, si deve registrare che anche il vino francese ha conseguito un risultato analogo e con maggiore impatto nel mercato cinese, soprattutto lo Champagne. Per quanto riguarda l'Italia, la domanda cinese è particolarmente interessata ai vini rossi di “elevato pregio”, condizione che ha quindi determinato un aumento del valore esportato. Le premesse del secondo trimestre 2021, pertanto, fanno ben sperare in una netta e continua ripresa del mercato del vino e non solo di quello italiano. Riprendono infatti i consumi – grazie anche alla riapertura, finalmente, dei ristoranti e dei locali di mescita – e soprattutto le esportazioni che, da sempre, rappresentano un'importantissima quota dei profitti per le cantine italiane. Questa volta, a quanto pare, si riparte. E che sia la volta buona. In alto i calici!

Antonello Biancalana



   Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 208, Estate 2021   
Ottimi Segnali dal Mercato del VinoOttimi Segnali dal Mercato del Vino  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Agosto?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Acquisteresti e consumeresti vino senza alcol o dealcolizzato?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Qual è il tuo consumo giornaliero di vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   


☰ Menu

Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste Segui DiWineTaste su Twitter Segui DiWineTaste su Instagram

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2022 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.