Cultura e Informazione Enologica dal 2002 - Anno XVIII
×
Prima Pagina Eventi Guida dei Vini Vino del Giorno Aquavitae Guida ai Luoghi del Vino Podcast Sondaggi EnoGiochi EnoForum Il Servizio del Vino Alcol Test
Segui DiWineTaste in DiWineTaste Mobile per Android DiWineTaste Mobile per iOS Diventa Utente Registrato Abbonati alla Mailing List Segnala DiWineTaste a un Amico Scarica la DiWineTaste Card
Chi Siamo Scrivici Arretrati Pubblicità Indice Generale
Informativa sulla Riservatezza
 


 Produttori  Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Eventi Cavatappi 
  Eventi Numero 39, Marzo 2006   
NotiziarioNotiziario  Sommario 
Numero 38, Febbraio 2006 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 40, Aprile 2006

Notiziario


 In questa rubrica sono pubblicate notizie e informazioni relativamente a eventi e manifestazioni riguardanti il mondo del vino e dell'enogastronomia. Chiunque sia interessato a rendere noti avvenimenti e manifestazioni può comunicarlo alla nostra redazione all'indirizzo e-mail.

 

Approvato dal Senato il Testo Unico sull'Enologia

Grande soddisfazione per l'approvazione definitiva da parte del Senato del testo unico sull'enologia è stata espressa dalla presidente della Regione Umbria, Maria Rita Lorenzetti, e dal Sindaco di Montefalco, Valentino Valentini. «Finalmente - hanno dichiarato Lorenzetti e Valentini - ci sarà la tutela dei vitigni autoctoni, come il Sagrantino di Montefalco, e viene introdotto il riconoscimento e la classificazione dei vini passiti. Si tratta di due significativi elementi che caratterizzano la nuova legge e che sono stati fortemente voluti dall'Umbria.»

 
«La salvaguardia della viticoltura autoctona - hanno aggiunto Lorenzetti e Valentini - meritava un intervento legislativo che fosse indirizzato alla protezione di un inestimabile patrimonio culturale e colturale unico e che, per tale motivo , va considerato come bene inalienabile di quel paesaggio - e della gente che lo abita». «Vorremmo ricordare che in questi anni - affermano Lorenzetti e Valentini - abbiamo lavorato insieme, istituzioni, agricoltori e produttori per garantire alle nostre produzioni tipiche locali la necessaria difesa e tutela che oggi finalmente trova una “consacrazione” legislativa. La tutela dei vitigni autoctoni per noi significa anche la salvaguardia di quanto fatto in questi anni, proprio nell'area del Sagrantino, che ha visto notevoli investimenti da parte dei viticoltori, sostenuti anche da risorse economiche regionali nell'ambito delle azioni previste dal Piano di sviluppo rurale».
Il disegno di legge approvato al Senato definisce il passito, “vino sottoposto ad appassimento, anche parziale, naturale sulla pianta o dopo la raccolta”, senza il ricorso a pratiche di arricchimento del titolo alcolometrico naturale delle uve prima o dopo l'appassimento. Il DDL definisce inoltre il “vitigno autoctono italiano” come quel vitigno la cui presenza in aree geografiche nazionali delimitate risalga ad almeno cinquant'anni. Le Regioni accertano la coltivazione dei vitigni autoctoni sul territorio di loro competenza e ne propongono l'iscrizione nell'apposito Registro Nazionale delle varietà di viti, in modo tale da limitarne l'uso del nome nella sola designazione e presentazione di specifici DOCG,DOC e IGT. «Proprio su questi due elementi “centrali” della nuova legge si è sempre battuta la Regione Umbria, assieme ai Comuni e ai viticoltori umbri, facendone anche una “questione nazionale” e sollecitando più volte Governo e Parlamento a interventi legislativi che promuovessero la tutela e la salvaguardia di un patrimonio così importante per l'Umbria e per l'intero Paese».

 

Torna a Milano il Weekend della Degustazione

Nuovamente di scena a Milano il Weekend della Degustazione che - dopo l'incoraggiante “prima” fuori dai confini nazionali, a Lugano - torna nella sua cornice tradizionale, ovvero lo Spazio Pelota di via Palermo. Ancora una volta, dunque, appassionati, curiosi, operatori, semplici consumatori avranno l'opportunità di incontrare una settantina di produttori di vino di qualità, in un grande banco di assaggio dove - tra le oltre 300 etichette esposte - sarà possibile trovare e acquistare le bottiglie che più si avvicinano al proprio gusto. Una formula collaudata che durante l'ultima edizione ha richiamato nel cuore di Brera 5.600 visitatori, cifra che consacra l'appuntamento come l'evento milanese aperto al pubblico che vanta di gran lunga la maggiore affluenza. Una realtà che piace molto e che si propone come momento ideale di incontro reale tra domanda e offerta, tra il sempre più variegato e complesso universo del consumo e una produzione finalmente attenta ai propri interlocutori, al loro gusto, ai loro desideri.
Da qui la scelta di consorzi, istituti, associazioni di produttori di “approfittare” di questa grande e affollata vetrina per tastare il polso del mercato, per uscire da ambiti troppo angusti, per trovare una occasione di visibilità molto concreta ed efficace. Questa volta il “Wed” avrà il piacere di ospitare il Bardolino, una denominazione di origine controllata e garantita che riscuote indubbiamente più attenzione all'estero che in Italia, e il Custoza, un bianco che tra i primissimi ha spinto su concetti quali la piacevolezza, l'aromaticità, la gradevolezza. Il Consorzio di tutela vino Bardolino, il Consorzio di tutela del Custoza, la Strada del vino Bardolino e la Strada del Custoza hanno quindi deciso di approfittare della grande kermesse milanese per portare questo spicchio di territorio gardesano - e le sue principali espressioni enologiche - all'attenzione di appassionati e operatori, coordinando la partecipazione di una ventina di produttori che si metteranno a disposizione di quanti vorranno conoscerle meglio. Come sempre a corollario dell'evento corsi di degustazione e, per i più fortunati, il concorso a premi che permette di partecipare all'estrazione di un weekend in una nota zona vitivinicola, durante il quale il vincitore adotterà un vigneto e potrà ritirare 12 bottiglie di un grande vino che in quella zona si produce.

Rupert & Rothschild in esclusiva per Philarmonica

Philarmonica spa, distributore in esclusiva di Ruinart Champagne e di una gamma di proposte che sottolinea l'alto profilo delle scelte commerciali, ha recentemente siglato un accordo per la distribuzione, in esclusiva per l'Italia, della produzione firmata Rupert & Rothschild Vignerons - South Africa. Guido Folonari, giovane imprenditore, discendente di una delle più note famiglie del vino italiane e creatore delle tre Tenute L'illuminata (La Morra), San Giorgio (Montalcino) e Donna Olimpia 1898 (Bolgheri), con Gianfranco Tagliani, rispettivamente Amministratore Delegato e Direttore Generale di Philarmonica, sintetizzano le motivazioni che sono alla base della nuova ambiziosa acquisizione: «Rupert & Rothschild è l'azienda di maggiore prestigio nell'area di produzione vinicola sudafricana condotta con successo da due grandi protagonisti del business vitivinicolo mondiale. I vini prodotti hanno già ampiamente convinto il mercato internazionale ottenendo importanti riconoscimenti. Un'altra scelta di prestigio che consente a Philarmonica di arricchire ulteriormente l'attuale proposta con una serie di prodotti d'alta gamma, in linea con le aspettative della propria qualificata clientela.»
Rupert & Rothschild Vignerons è un'azienda nata dalla partnership fra due grandi famiglie la cui storia è legata al mondo della produzione vinicola. I Rothschild membri dell'antica aristocrazia francese, sono gli attuali proprietari di Chateâu Clarke nel bordolese e sono stati fra i fondatori di Chateâu Lafite-Rothschild nella zona del Pauillac. I Rupert sono invece proprietari di due aziende L'Ormarins e La Motte nella Franschhoek Valley in Sud Africa oltre ad essere una delle più note famiglie del business mondiale grazie alle attività del magnate Anton Rupert, recentemente scomparso. Al vertice dell'impero creato da Rupert il gruppo Richemont a cui fanno capo alcuni fra i più importanti marchi del lusso: Cartier, Dunhill, Mont Blanc, Piaget, Baume & Mercier e l'italiana Officine Panerai.
Fredericksburg è il nome dell'azienda agricola fondata nel 1690, acquistata nel 1984 e trasformata nell'attuale proprietà vinicola. Nel 1986 le due famiglie hanno dato impulso al completo rinnovamento dei vigneti che si estendono attualmente su 90 ettari mentre, all'inizio degli anni '90, è iniziato il recupero della parte edificata risalente al '700 con la costruzione dei nuovi impianti, degli uffici commerciali e delle cantine di affinamento. L'aspetto enologico è coordinato da Michel Rolland, enologo di fama mondiale, con all'attivo numerose consulenze in Francia, California, Spagna, Argentina, Cile, Italia, India e Ungheria. Tre sono i prodotti commercializzati e da oggi distribuiti anche nel nostro paese: Rupert & Rothschild Baroness Nadine, elegante Chardonnay affinato in legno; Rupert & Rothschild Baron Edmond, blend di Cabernet Sauvignon e Merlot; Rupert & Rothschild Classique, blend di Cabernet Sauvignon, Merlot e Pinotage



 Produttori  Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Eventi Cavatappi 
  Eventi Numero 39, Marzo 2006   
NotiziarioNotiziario  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
Cos'e più importante nella scelta di un vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Quando acquisti un vino, sei più interessato a quelli di:


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Ottobre?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   



Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2019 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.