Cultura e Informazione Enologica - Anno XVII
Prima Pagina Chi Siamo:Scrivici:Arretrati:Pubblicità:Indice 
Eventi Sondaggi Servire il Vino EnoForum EnoGiochi Luoghi del Vino Aquavitae Guida dei Vini


   Condividi questo articolo   Share on Google+   Sommario della rubrica Editoriale ABC Vino 
  Editoriale Numero 46, Novembre 2006   
Il Potere della SuggestioneIl Potere della Suggestione La Posta dei LettoriLa Posta dei Lettori  Sommario 
Numero 45, Ottobre 2006 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 47, Dicembre 2006

Il Potere della Suggestione


 Di vino se ne parla un po' ovunque, oramai considerato un argomento attuale e di tendenza, ogni mezzo di comunicazione riserva puntualmente uno spazio alla bevanda di Bacco. Televisione, quotidiani, radio, internet e riviste dedicano al vino ampi spazi di visibilità. Che il vino sia indissolubilmente legato alla nostra cultura è fuori di ogni dubbio, un motivo che probabilmente giustifica la sua imponente presenza nella comunicazione di massa. Parlare di vino, non c'è dubbio, fa bene al vino, a patto che lo si faccia onestamente, correttamente e con criterio, sotto ogni aspetto e con lealtà. Quello che invece fa meno bene al vino sono certi atteggiamenti saccenti che inevitabilmente si caricano di esagerazione, trasformando il vino in qualcosa che non è, come se si volesse a tutti costi fare credere che il ferro sia come l'oro. Non c'è dubbio che essere nella ribalta, davanti a un pubblico più o meno interessato e più o meno disposto ad ascoltare in modo critico certe scempiaggini, offra una ghiotta tentazione per allestire un patetico spettacolino, perfino convinti di apparire credibili, autorevoli e indiscutibili.


 

 Ma il vino - oltre ad essere principalmente una bevanda - è essenzialmente un'emozione, un'esperienza soggettiva nella quale ognuno trova qualcosa di diverso da chiunque altro. Non siamo tutti uguali. C'è chi è disposto ad ascoltare e a fare propri i sontuosi commenti degli altri, che con aria saccente ed esperta hanno la pretesa di convincere chiunque con il loro infallibile giudizio. Molto spesso, nel dubbio dell'ignoranza e del disagio, è sempre meglio buttarsi nella corrente di pensiero che va per la maggiore, tanto per non fare brutte figure e conformarsi alla maggioranza, così da avere l'impressione di essere nel giusto. Dal punto di vista sociale, appartenere a un gruppo che si identifica in specifiche filosofie, correnti di pensiero e stili di vita, suscita molto interesse negli esseri umani, come se bastasse questo per avere una propria identità e dignità, in altre parole, di essere accettati. Qualcosa che, non c'è dubbio, ritroviamo anche nel vino, il quale diviene elemento di identificazione per i suoi sostenitori.

 Quanto conta il potere della suggestione nella comunicazione del vino? La suggestione nel vino ha un ruolo importante, come in qualunque altro prodotto, come in qualunque altro tipo di mercato. Un esempio su tutti è rappresentato dai cosiddetti bevitori di etichette che considerano, prima di tutto, il produttore e ciò che è scritto nell'etichetta della bottiglia e poi il suo contenuto. Peggio ancora, quelli che si appassionano a certe etichette e certi vini senza mai averli assaggiati, senza nemmeno avere visto da vicino la bottiglia. Potere della suggestione! Basta essere convincenti nel dire che un certo produttore o un certo vino sono di alta qualità, di impeccabile eleganza e prestigio, e tanto basta per creare un convinto e diffuso pensiero anche senza fornire o avere prove oggettive sui fatti. Convinzioni che poi dilagano e creano altre suggestioni: un modo sicuro per creare un mito. Un passaparola che a ogni passaggio si ingigantisce fino a farlo diventare quasi surreale, un'illusione ben lontana dalla realtà che si manifesta in tutta la sua normalità, quando finalmente si ha la possibilità di provarlo personalmente. Qualcosa che accade, ovviamente, solo a pochi fortunati.

 In realtà questa esagerata suggestione potrebbe anche creare un effetto negativo in quei soggetti che, dotati di un po' di senso critico, hanno finalmente la possibilità di assaggiare il vino dei loro desideri e, carichi di aspettative fin troppo fantastiche, dopo averlo assaggiato restano delusi e tutto ciò che riescono a dire è «tutto qui?». La delusione diviene ancora maggiore quando si scopre che esistono tanti vini venduti a prezzi decisamente inferiori e che non hanno nulla da invidiare ai più blasonati vini. Inoltre, facendo le dovute considerazioni in materia di prezzo, se a un vino da 10 euro si perdonano certi difetti, a un vino da 100 euro non si perdona proprio niente, nemmeno il più leggero dei difetti. In fin dei conti, se un produttore chiede molto per i suoi vini, deve anche essere disposto a dare altrettanto: non è ammissibile che con la sola suggestione dell'alto prezzo si possa sperare che i consumatori si accontentino di una presunta qualità venduta sulla parola, o meglio sul prezzo. Non sempre il prezzo più alto fa la qualità.

 C'è inoltre da chiedersi a quali deleteri effetti portano le suggestioni provocate da alcuni “esperti”, forti del pulpito offerto dalla televisione, si sentono in diritto di dire le stupidaggini più clamorose convinti perfino di essere credibili. Si badi bene, non intendiamo attaccare i programmi televisivi che parlano di vino, non intendiamo fare di un'erba tutto un fascio. Tuttavia sarebbe opportuno che ci fosse qualcuno capace di controllare l'attendibilità e la competenza di certi personaggi che giunti alla notorietà del piccolo schermo, non sanno fare di meglio che aprire bocca e dare fiato. Per rendere meglio l'idea, portiamo, a titolo di esempio, due episodi ai quali si è potuto assistere in due programmi televisivi. Il primo riguarda un cuoco che, dopo avere terminato la preparazione di un risotto con gamberetti e zucchine, alla domanda del conduttore sul vino da abbinare al suo piatto, il saccente cuoco, senza nemmeno esitare - ma anche senza riflettere - ha consigliato trionfante un Amarone della Valpolicella! De gustibus non disputamdum est, ma in questo caso dire che si sta esagerando è davvero poco! come affrontare un esercito di formiche con il lanciafiamme!

 E che dire di quel competente esperto di vini - così era stato presentato dalla conduttrice - che in un altro programma televisivo sosteneva che non esistevano differenze fra il Bordeaux e il Barolo? Niente male, non c'è che dire! In fin dei conti, entrambi sono vini, su questo non c'è dubbio! Chissà se l'alto esperto abbia mai assaggiato questi due vini, o meglio se abbia avuto l'opportunità di compararli in due calici diversi: basta solo guardarli, senza indagare oltre, per capire che si tratta di due vini completamente diversi. Almeno in questi due casi, c'è da augurarsi che la suggestione eventualmente ricercata da questi indispensabili consigli serva a fare aprire gli occhi anche ai meno accorti. Non solo: questo tipo di informazione è certamente lesiva al vino, alla sua cultura e alla sua tradizione: il suo unico scopo è quello di creare un'ignoranza diffusa fra i consumatori più sprovveduti che, non avendo né la competenza né la possibilità, finiscono per credere affidandosi alla competenza di chi si ritiene più competente. Il vino è una bevanda emozionale e per ognuno rappresenta qualcosa di diverso e nessuno ha il diritto di criticare i gusti degli altri o pretendere di cambiarli. Ecco perché il modo migliore per capire un vino è quello di stappare la bottiglia, versarlo nel calice, ascoltare la sua storia e lasciarsi trasportare dalla sua personale e unica suggestione.

 



   Condividi questo articolo   Share on Google+   Sommario della rubrica Editoriale ABC Vino 
  Editoriale Numero 46, Novembre 2006   
Il Potere della SuggestioneIl Potere della Suggestione La Posta dei LettoriLa Posta dei Lettori  Sommario 
Numero 45, Ottobre 2006 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 47, Dicembre 2006

La Posta dei Lettori


 In questa rubrica vengono pubblicate le lettere dei lettori. Se avete commenti o domande da fare, esprimere le vostre opinioni, inviate le vostre lettere alla redazione oppure utilizzare l'apposito modulo disponibile nel nostro sito.

 

Produco alcuni ettolitri di vino rosso per consumo familiare. Premettendo che non aggiungo metabisolfito di potassio, questo vino rosso si mantiene bene fino a marzo-aprile, quindi assume un sapore sgradevole e un colore marrone. Per evitare questo inconveniente, ritenete opportuno aggiungere metabisolfito di potassio così da consentire la conservazione per almeno un anno?
Giancarlo Ottaviani -- Genga, Ancona (Italia)
L'anidride solforica in enologia svolge un ruolo fondamentale e indispensabile, anche nella produzione dei vini rossi. L'impiego dell'anidride solforica, nella forma di metabisolfito di potassio o di altre sostanze chimiche, è utile anche nel trattamento iniziale del mosto. L'anidride solforica migliora infatti l'estrazione dei tannini e del colore dalle bucce delle uve rosse durante la macerazione, operando, fra l'altro, anche una positiva selezione dei lieviti che attiveranno la fermentazione alcolica. L'anidride solforica è inoltre utile per la corretta conservazione, salute e stabilità del vino, prevenendo, fra l'altro, deleterie ossidazioni, anche nel caso di vini rossi. sempre opportuno e raccomandabile l'impiego di anidride solforosa ogni volta che si procede con un travaso, poiché il contatto con l'aria e con l'ossigeno costituisce sempre un serio fattore di rischio per la corretta conservazione del vino. Una precauzione che è consigliabile e indispensabile per ogni tipo di vino, anche per quelli rossi.



Qual è il metodo migliore per conservare una bottiglia di vino aperta?
Dacey Newell -- Mogadore, Ohio (USA)
La conservazione di una bottiglia di vino aperta e non consumata completamente è un problema frequente fra gli appassionati di vino. Una volta aperta, indipendentemente dal sistema di conservazione utilizzato, è sempre preferibile consumare il vino rimanente nella bottiglia entro due o tre giorni. Il vino è un prodotto “vivo” facilmente deperibile al contatto con l'ossigeno, pertanto il problema principale nella conservazione è quello di mantenerlo in contatto con la quantità minore possibile di aria. Esistono diversi sistemi per limitare questo inconveniente, dai tappi che consentono l'eliminazione di gran parte dell'aria contenuta nella bottiglia per mezzo di una pompetta, alle bombolette di azoto da spruzzare sulla superficie del vino all'interno della bottiglia. Si può eventualmente conservare la bottiglia in frigorifero, opportunamente chiusa con un tappo di sughero, meglio ancora con un tappo che consente di creare un parziale sottovuoto, e grazie alla bassa temperatura, i processi di degradazione e di ossidazione saranno rallentati. In questo caso specifico, è bene ricordare che il vino non va conservato in frigorifero per oltre un giorno, quindi questo metodo è utile solo nel caso la bottiglia venga consumata il giorno successivo. Un metodo che consente di limitare il contatto con l'aria consiste nel travasare il vino in una bottiglia più piccola - come le mezze bottiglie da 500 o da 375ml - possibilmente colmandola fino al collo, e quindi richiuderle con un tappo. In questo modo la superficie di contatto sarà ulteriormente ridotta. In ogni caso e indipendentemente dal metodo di conservazione utilizzato, è sempre preferibile consumare un vino aperto entro due o tre giorni.



   Condividi questo articolo   Share on Google+   Sommario della rubrica Editoriale ABC Vino 
  Editoriale Numero 46, Novembre 2006   
Il Potere della SuggestioneIl Potere della Suggestione La Posta dei LettoriLa Posta dei Lettori  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
Qual è l'aspetto più piacevole della degustazione di un vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Marzo?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 
In quale momento della giornata bevi abitualmente vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 


Eventi Sondaggi Servire il Vino EnoForum EnoGiochi Luoghi del Vino Aquavitae Guida dei Vini
Prima Pagina Chi Siamo:Scrivici:Arretrati:Pubblicità:Indice 

Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2019 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.