Cultura e Informazione Enologica dal 2002 - Anno XVIII
×
Prima Pagina Eventi Guida dei Vini Vino del Giorno Aquavitae Guida ai Luoghi del Vino Podcast Sondaggi EnoGiochi EnoForum Il Servizio del Vino Alcol Test
Segui DiWineTaste in DiWineTaste Mobile per Android DiWineTaste Mobile per iOS Diventa Utente Registrato Abbonati alla Mailing List Segnala DiWineTaste a un Amico Scarica la DiWineTaste Card
Chi Siamo Scrivici Arretrati Pubblicità Indice Generale
Informativa sulla Riservatezza
 


   Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 85, Maggio 2010   
Nuovi Modi per Acquistare VinoNuovi Modi per Acquistare Vino  Sommario 
Numero 84, Aprile 2010 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 86, Giugno 2010

Nuovi Modi per Acquistare Vino


 Di questi tempi difficili di crisi economica si è parlato molto. Un argomento attuale che riguarda tutti e che tutto ha coinvolto, ogni settore economico e produttivo ha risentito degli effetti che questa crisi da inevitabilmente portato. Capire se la crisi sia finita - oppure intravvedere qualche segno di ripresa - non è semplice: alcuni sostengono che sia finita e pertanto invitano la gente a “spendere” incitando all'ottimismo, altri invece sono più cauti. Insomma, pare che nessuno sia d'accordo su cosa ci riserverà il futuro. Poi esiste la vita reale dove ognuno - o per meglio dire, la maggioranza - è costretta a confrontarsi quotidianamente e riesce finalmente ad avere una visione concreta e reale. Il vino, ovviamente, non fa eccezione in questo, anzi, essendo oggi considerato più come un bene edonistico piuttosto che una necessità, spesso il suo consumo, e quindi il suo acquisto, non rientra fra le principali priorità di vita e quindi diventa un “lusso” che ci si concede quando possibile, o almeno, di tanto in tanto.


 

 Abbiamo parlato altre volte della crisi che ha inevitabilmente investito il mercato del vino. Pur notando degli incoraggianti segnali di ripresa, i consumatori lamentano comunque ancora dei disagi, soprattutto quelli derivati dai prezzi di vendita. In questi tempi, quindi, o ci si accontenta di un vino “decente” e “dignitoso”, oppure si rinuncia a un buon calice. Ad onore del vero, va anche detto che esistono un gran numero di vini venduti a prezzi onesti e giusti, ma è anche vero che in molti casi il prezzo di certi vini non è assolutamente giustificato dalla qualità riscontrata nel calice. Va inoltre detto che molti dei vini venduti a prezzi più accessibili sono spesso caratterizzati da una qualità decisamente scadente, talvolta perfino al limite della bevibilità. Non tutti possono permettersi di compiere degli “esperimenti” e dei tentativi di acquisto. Spesso, nel prendere la decisione di spendere del denaro su un prodotto sconosciuto ma venduto a un prezzo accessibile, nel dubbio di trovarsi nel calice un vino di improbabile qualità, i consumatori preferiscono non rischiare.

 Il mercato, consapevole di quanto sta accadendo, cerca di venire incontro alle esigenze dei consumatori, offrendo una vasta selezione di vini, da quelli estremamente economici a quelli estremamente costosi. Basta entrare in un supermercato e guardare lo spazio dedicato ai vini. Spesso si trovano interi reparti nei quali sono messe in bella mostra centinaia di bottiglie di vino, delle quali, la maggioranza venduti a prezzi decisamente accessibili. In questo senso, i supermercati sono diventati i chiari e diretti concorrenti delle enoteche, cioè quei negozi dove tradizionalmente si acquista vino. Va detto che, rispetto ai supermercati, l'enoteca offre il servizio aggiunto della “consulenza”, poiché il personale è solitamente qualificato a offrire dei consigli e suggerimenti sui vini in vendita. Va altresì detto che analoghe figure professionali di supporto cominciano ad essere presenti nei supermercati, disponibili nei settori dedicati al vino, pronti a suggerire e a consigliare il vino giusto per ogni occasione e, soprattutto, per ogni tasca.

 Anche se il supermercato è uno dei luoghi dove i consumatori acquistano più frequentemente vino, negli ultimi tempi si sta diffondendo l'abitudine di acquistare i vini direttamente dal produttore. I vantaggi sono spesso interessanti e convenienti. Prima di tutto è possibile conoscere il luogo dove nascono i vini - in questo senso si ha la possibilità di accrescere la propria cultura - e inoltre, i vini sono spesso venduti a un prezzo più conveniente. Va detto che le differenze di prezzo - per ovvie ragioni di concorrenza con i canali convenzionali di distribuzione - non sono generalmente sostanziali e lontane dai prezzi di mercato, tuttavia è spesso possibile ottenere un considerevole risparmio. L'acquisto dei vini direttamente dal produttore offre inoltre un vantaggio rispetto alle altre forme di vendita: valutare e assaggiare il vino prima di acquistarlo. Questo “vantaggio” rappresenta la più alta espressione di onestà e di lealtà: prima assaggi un vino, se poi ti piace puoi acquistarlo. Come dire, soddisfatti a ogni acquisto.

 L'acquisto in cantina è inoltre una buona occasione per fare una gita con amici, recarsi nei luoghi del vino, comprendere le qualità del territorio e delle sue uve, oltre a conoscere la storia della cantina, raccontato direttamente da chi quel vino lo produce. Per le cantine questo significa inoltre mantenere un contatto diretto con i propri clienti, aprendo loro le porte della loro cantina, instaurando generalmente un rapporto chiaro e diretto. Recarsi in cantina consente inoltre un altro vantaggio, quello di acquistare il vino sfuso - ovviamente quello che la legge consente di vendere sfuso - solitamente venduto a prezzi decisamente bassi, con una qualità “decorosa” e “dignitosa” per il prezzo richiesto. Non tutti possono ovviamente recarsi direttamente in cantina, soprattutto quelle distanti dal luogo nel quale si vive. Ecco quindi che cominciano a sorgere i cosiddetti “gruppi di acquisto”, cioè gruppi di amici e consumatori che effettuano l'ordine dei propri vini direttamente al produttore, il quale li spedisce direttamente a casa del cliente.

 In questo caso sono i costi da sostenere per la spedizione che potrebbero fare la differenza e vanificare l'ipotetico risparmio, ma è proprio qui che la “forza” del gruppo di acquisto risulta essere vantaggioso. Un gruppo di acquisto effettua ordini di molte bottiglie e pertanto i costi di spedizione incidono relativamente sul prezzo di ogni singola bottiglia. Saranno forse queste le nuove forme di acquisto del vino, cercando un rapporto diretto - e non da ultimo, più vantaggioso - con il produttore? Considerando quello che accade oggi nel mondo del vino, sembrerebbe che questa forma di acquisto stia diventando sempre più significativa. Anche un nostro sondaggio su questo tema rivelerebbe che questa forma di acquisto è fra le preferite fra gli appassionati di vino. La scelta dei consumatori di acquistare vino direttamente dal produttore non è probabilmente determinata dalle minori disponibilità economiche e dalla crisi. I consumatori, forse, si stanno rendendo conto che nel mondo del vino in molti hanno esagerato, speculando e gonfiando i prezzi soprattutto in quei vini con una qualità spesso deludente e lontana dal prezzo richiesto. Nessuno in definitiva è stupido, e quando sorgono dei dubbi - crisi o non crisi - la tentazione di vedere come stanno realmente le cose è piuttosto forte. E perfino giustificata.

 







   Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 85, Maggio 2010   
Nuovi Modi per Acquistare VinoNuovi Modi per Acquistare Vino  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Ottobre?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Quando acquisti un vino, sei più interessato a quelli di:


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Cos'e più importante nella scelta di un vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   



Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2019 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.