Cultura e Informazione Enologica dal 2002 - Anno XVII
×
Prima Pagina Eventi Guida dei Vini Vino del Giorno Aquavitae Guida ai Luoghi del Vino Podcast Sondaggi EnoGiochi EnoForum Il Servizio del Vino Alcol Test
Segui DiWineTaste in DiWineTaste Mobile per Android DiWineTaste Mobile per iOS Diventa Utente Registrato Abbonati alla Mailing List Segnala DiWineTaste a un Amico Scarica la DiWineTaste Card
Chi Siamo Scrivici Arretrati Pubblicità Indice Generale
Informativa sulla Riservatezza
 


 Editoriale  Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Gusto DiVino Eventi 
  Gusto DiVino Numero 91, Dicembre 2010   
Nebbiolo e Merlot a ConfrontoNebbiolo e Merlot a Confronto I Vini del MeseI Vini del Mese  Sommario 
Numero 90, Novembre 2010 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 92, Gennaio 2011

Nebbiolo e Merlot a Confronto

Uve dal carattere estremamente diverso, emblemi di due mondi sensoriali praticamente opposti, entrambe comunque capaci di creare vini dalla riconoscibile personalità

 La degustazione comparativa di questo mese può essere considerata una sorta di scontro fra due colossi rappresentanti di mondi diversi e, se vogliamo, due culture enologiche opposte. Il Nebbiolo, simbolo indiscusso delle Langhe e della Valtellina, è famoso per i suoi vini possenti e ruvidi, caratterizzati da una non indifferente acidità. Il Merlot, uva originaria dell'area di Bordeaux, praticamente presente in ogni paese vinicolo del mondo, è invece famoso per qualità decisamente opposte. Anche il Merlot è capace di produrre vini di elevata struttura, ma, a differenza del Nebbiolo, il carattere è decisamente morbido e rotondo, con tannini non aggressivi. Uve diverse che producono vini diversi, interpreti di due stili opposti di enologia e, nonostante i caratteri così diversi, le due uve si sono comunque incontrate nella bottiglia. Nelle Langhe, per esempio, si producono vini rossi nei quali la rotondità del Merlot stempera la tipica irruenza del Nebbiolo.

 

Nebbiolo


Il Nebbiolo e il Merlot
della nostra degustazione comparativa
Il Nebbiolo e il Merlot della nostra degustazione comparativa

 Il Nebbiolo è innegabilmente una delle uve rosse più celebri del Piemonte e d'Italia. Quest'uva è inoltre presente in altre zone d'Italia, fra queste la più rappresentativa è certamente la Valtellina, area nella quale l'uva è conosciuta con il nome di Chiavennasca. In tempi recenti, anche in Valtellina si preferisce chiamare quest'uva con il nome Nebbiolo. Uva tardiva, raccolta dai vigneti quando oramai tutte le altre varietà stanno fermentando in cantina, il Nebbiolo prende il suo nome dal fatto che giunge a maturazione con l'arrivo della nebbia. Uva non semplice, soprattutto quando arriva nel calice, il Nebbiolo non conosce mezze misure: o lo si ama, o lo si detesta. I vini prodotti con quest'uva, nonostante producano risultati diversi a seconda della zona di produzione - considerazione che, del resto, vale per ogni uva - sono tutti caratterizzati da un'evidente astringenza e da una spiccata acidità.

 Molti sono infatti disorientati da queste due qualità, poiché rendono innegabilmente più complessi e meno immediati i vini prodotti con Nebbiolo. Le sue caratteristiche “ruvide”, impongono - per così dire - un'opportuna maturazione in botte, così da arrotondare le sue asperità e rendere i vini più equilibrati. Nelle aree dove in Nebbiolo è tradizionalmente presente, la scelta più frequente è in favore della botte grande, anche se in tempi relativamente recenti, anche la barrique è stata ampiamente utilizzata. Questo tipo di scelta, va da sé, influisce notevolmente sul risultato finale, non solo sul tipo di aromi terziari che il vino può sviluppare, ma anche sui tempi di maturazione. Non da ultimo, è una questione di “gusti” e di espressione del vino. Se nella barrique il carattere legnoso è maggiormente presente, la maturazione in botte grande, pur caricando il vino si qualità terziarie, lascia maggiore spazio all'eleganza e alle qualità fruttate del Nebbiolo.

 

Merlot


 

 Il Merlot è senza ombra di dubbio fra le uve più famose del mondo. La sua diffusione è tale che oggi è praticamente presente in ogni paese vinicolo del pianeta, utilizzato sia in purezza sia in unione ad altre varietà, non necessariamente autoctone. Indiscusso rappresentante della morbidezza e della rotondità, il Merlot - per l'uso che se ne fa in cantina - ha velocemente conquistato le preferenze di molti appassionati di vino. Questo non deve comunque fare pensare a un'uva semplice, poiché con quest'uva si producono vini di notevole eleganza e classe. Grazie alle sue qualità, il Merlot è spesso utilizzato per correggere quei vini che, all'assaggio, risulterebbero eccessivamente “duri” e, in questo, il Merlot è capace di compiere autentici miracoli. Basta considerare lo scenario enologico italiano, per esempio: in molti dei vini prodotti per assemblaggio - cioè dall'unione di vini prodotti con uve diverse - il Merlot è presente in molti di questi.

 Il Merlot produce grandi vini soprattutto quando usato in purezza. Uva molto adatta alla fermentazione e alla maturazione in barrique - cioè la tipica botte della sua patria Bordeaux - nonostante questo sia lo stile enologico più diffuso, il Merlot ha dato prova di ottimi vini anche con la sola vinificazione in vasche d'acciaio. In ogni caso, i vini prodotti con Merlot, anche negli esempi più complessi e ricchi, hanno la caratteristica di essere molto diretti e piacevoli, soprattutto per la presenza di tannini non eccessivamente aggressivi e una suadente rotondità. Queste qualità hanno infatti consentito ai vini prodotti con il Merlot di riscuotere ampi consensi fra i consumatori, anche grazie alla tendenza moderna del gusto più affine alla morbidezza e ai sapori che, per motivi diversi, tendono alla rassicurante immediatezza del dolce. Il Merlot è comunque un'uva estremamente versatile, con la quale si producono vini in stili diversi, da vini “semplici” a quelli di notevole struttura, da immediati e estremamente complessi.

 

I Vini della Degustazione

 Lo scopo di questa degustazione comparativa è quella di comprendere qualità organolettiche molto distanti fra loro. Per questo motivo si sono scelti vini prodotti con uve dalle qualità molto diverse, quasi opposte, così da rendere evidenti le differenze. Il primo vino che prenderemo in esame è il Valtellina Superiore Corte della Meridiana di Conti Sertoli Salis, prodotto con Nebbiolo in purezza e lasciato maturare per 18 mesi in botte grande. Il secondo vino è il Merlot di Castello delle Regine, prodotto con Merlot in purezza e fatto maturare per 24 mesi in barrique, scelta molto frequente per i vini prodotti con quest'uva. I vini sono scelti in base alle annate attualmente commercializzate dai rispettivi produttori. La degustazione sarà svolta - come di consueto - facendo uso di due calici da degustazione ISO e versando i vini alla temperatura di 18°C.

 

Esame Visivo

 Il Merlot e il Nebbiolo sono uve molto diverse fra loro e le loro differenze sono evidenti a partire dall'aspetto. Il Nebbiolo non ha un potere colorante elevato e i suoi vini sono generalmente caratterizzati da una trasparenza moderata. Il Merlot ha invece un potere colorante elevato, una qualità che nei suoi vini è testimoniata da una trasparenza generalmente bassa. Anche il colore è molto diverso. Se nel Nebbiolo si notano - in gioventù - colori intensi e brillanti, sulle tonalità del rosso rubino, nel Merlot si noteranno colori più cupi e profondi. Anche la sfumatura mostra evidenti differenze: nel Nebbiolo si possono apprezzare - anche in gioventù - sfumature che virano verso il rosso granato, mentre nel Merlot è più frequente il rosso rubino. Con l'affinamento i colori di entrambi i vini seguono il normale sviluppo dei vini rossi, tuttavia nel Merlot la bassa trasparenza tende ad avere una durata maggiore nel tempo.

 Il primo vino del quale prenderemo in esame l'aspetto è il Valtellina Superiore Corte della Meridiana di Conti Sertoli Salis. Mantenendo il calice inclinato sopra una superficie bianca - è sufficiente un foglio di carta - si osserverà il vino alla base, nel punto di massimo spessore. Si osserverà un colore rosso rubino brillante e intenso, nel quale si noterà una trasparenza moderata ma evidente. La sfumatura del vino, osservata all'estremità del calice verso l'apertura, mostra una tonalità rosso granato. Passiamo ora all'osservazione del Merlot di Castello delle Regine. Il colore di questo vino, osservato alla base del calice, mostra una tonalità rosso rubino intenso e cupo, con una trasparenza decisamente inferiore rispetto al Valtellina Superiore. Anche la sfumatura mostra tonalità rosso rubino, ancora intense e profonde.

 

Esame Olfattivo

 Le differenze fra il Nebbiolo e il Merlot continuano anche al naso poiché i vini prodotti con queste uve offrono aromi piuttosto diversi fra loro. Le differenze derivano non solo dalle qualità specifiche delle uve, ma anche dal modo con il quale si vinificano in cantina e, in particolare, dalle caratteristiche dei contenitori di maturazione. Se per il Nebbiolo si utilizza prevalentemente la botte grande, per il Merlot la scelta cade frequentemente sulla barrique, generando quindi profili terziari piuttosto diversi. Anche il profilo aromatico di fiori e frutta ha un impatto generalmente diverso. Mentre nel Nebbiolo è frequente trovare frutti a bacca rossa e nera, nel Merlot sono più frequenti aromi riconducibili ai frutti a polpa nera. Questa differenza si può cogliere anche negli aromi riconducibili ai fiori. Sia nel Nebbiolo sia nel Merlot si può cogliere l'aroma di violetta, mentre aromi di fiori come ciclamino e rosa si percepiscono solamente del Nebbiolo.

 Cominceremo la valutazione dei profili olfattivi dal Valtellina Superiore Corte della Meridiana di Conti Sertoli Salis. Mantenendo il calice in posizione verticale e senza rotearlo, eseguiremo la prima olfazione così da percepire gli aromi di apertura del vino. Dal calice si apprezzeranno aromi di ciliegia, prugna, violetta e lampone, un'apertura piuttosto tipica per i vini prodotti con uva Nebbiolo. Dopo avere roteato il calice, il profilo olfattivo si completa con mirtillo, rosa e ciclamino, oltre ad aromi più complessi di vaniglia, tabacco, cacao, cannella, liquirizia e un fresco aroma balsamico di mentolo. Passiamo ora alla valutazione del Merlot di Castello delle Regine. Gli aromi di apertura sono piuttosto diversi dal Nebbiolo: qui si percepisce ribes, amarena e prugna. Dopo avere roteato il calice, la sequenza olfattiva del vino si completa con mirtillo, violetta, tabacco, vaniglia, cioccolato, macis e un piacevole tocco balsamico di eucalipto. Si confronti il diverso impatto degli aromi terziari prodotti da botte e barrique, oltre alle differenze negli aromi di fiori e frutta.

 

Esame Gustativo

 La contrapposizione fra Nebbiolo e Merlot prosegue anche all'analisi del gusto. Irruente e scontroso il primo, accomodante e affabile il secondo, i vini prodotti con queste uve hanno comunque in comune la capacità di avere una struttura che in certi casi può essere definita robusta. L'assaggio dei vini prodotti con Nebbiolo e Merlot offrono profili organolettici totalmente diversi. L'attacco del Nebbiolo è caratterizzato da una decisa acidità e astringenza, anche nel caso di maturazione svolta in barrique. L'attacco del Merlot è invece caratterizzato da una maggiore morbidezza e rotondità, con astringenza - seppure evidente - meno irruente. In entrambi i casi il volume alcolico può raggiungere valori spesso superiori a 13,5%. Nei vini prodotti con il Nebbiolo, l'alcol è utile all'equilibrio sia dell'acidità sia dell'astringenza, mentre in quelli prodotti con Merlot, la sua azione è utile all'equilibrio dell'astringenza prodotta dalla maturazione in legno.

 Il primo vino del quale valuteremo il profilo gustativo è il Valtellina Superiore Corte della Meridiana di Conti Sertoli Salis. L'attacco di questo vino mette in evidenza il carattere forte del Nebbiolo: in bocca si percepisce la caratteristica freschezza conferita dall'acidità oltre alla possenza dei tannini. Queste sensazioni lasciano quindi spazio all'effetto dell'alcol e alla percezione di una struttura robusta. Ottima la corrispondenza, in particolare con ciliegia, prugna e lampone. Passiamo ora all'assaggio del Merlot di Castello delle Regine. L'attacco di questo vino è totalmente diverso dal precedente. Le sensazioni che questo vino regala in bocca sono più morbide e rotonde: i tannini - benché presenti e di spessore - non sono irruenti come nel primo e qui l'acidità è pressoché impercettibile. La morbidezza è ulteriormente accentuata dall'effetto dell'alcol che contribuisce inoltre all'equilibrio dell'astringenza. Anche in questo vino, la struttura è piuttosto robusta. Si confronti, infine, l'impatto del legno nei singoli vini e la sensazione gusto-olfattiva dei rispettivi profili sensoriali.

 






 Editoriale  Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Gusto DiVino Eventi 
  Gusto DiVino Numero 91, Dicembre 2010   
Nebbiolo e Merlot a ConfrontoNebbiolo e Merlot a Confronto I Vini del MeseI Vini del Mese  Sommario 
Numero 90, Novembre 2010 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 92, Gennaio 2011

I Vini del Mese


 

Legenda dei punteggi

Sufficiente    Abbastanza Buono    Buono
Ottimo    Eccellente
Vino eccellente nella sua categoria Vino eccellente nella sua categoria
Vino con buon rapporto qualità/prezzo Vino con buon rapporto qualità/prezzo
I prezzi sono da considerarsi indicativi in quanto possono subire variazioni a seconda del paese
e del luogo in cui vengono acquistati i vini




Marsala Superiore Riserva Targa Florio 1840 Edizione Speciale 170 Anni 1994, Florio (Sicilia, Italia)
Marsala Superiore Riserva Targa Florio 1840 Edizione Speciale 170 Anni 1994
Florio (Sicilia, Italia)
Uvaggio: Grillo
Prezzo: € 17,00 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Marsala Superiore Riserva Targa Florio 1840 Edizione Speciale 170 Anni si presenta con un colore giallo ambra brillante e sfumature giallo ambra, trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli, raffinati ed eleganti che si aprono con note di rancio, fico secco e mandorla seguite da aromi di dattero, miele, scorza di agrume, miele, sandalo, tabacco, vaniglia, cuoio e smalto. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco piacevolmente fresco e morbido, comunque equilibrato dall'alcol, corpo pieno, sapori intensi, piacevole dolcezza. Il finale è persistente con ricordi di di fico secco, miele e mandorla. Marsala Superiore Riserva Targa Florio 1840 Edizione Speciale 170 Anni matura in botte.
Abbinamento: Crostate di frutta secca, Formaggi piccanti



Calanica Bianco Grillo e Viognier 2009, Duca di Salaparuta (Sicilia, Italia)
Calanica Bianco Grillo e Viognier 2009
Duca di Salaparuta (Sicilia, Italia)
Uvaggio: Grillo, Viognier
Prezzo: € 7,00 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Calanica Bianco Grillo e Viognier si presenta con un colore giallo verdolino intenso e sfumature giallo verdolino, molto trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di mela, nespola e mandorla seguite da aromi di biancospino, ginestra, pera e susina. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco fresco e comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi, piacevole morbidezza. Il finale è persistente con ricordi di mela, nespola e susina. Calanica Bianco Grillo e Viognier matura in vasche d'acciaio.
Abbinamento: Pasta e risotto con pesce e crostacei, Crostacei alla griglia, Pesce saltato



Vajasindi NawÓri 2007, Duca di Salaparuta (Sicilia, Italia)
Vajasindi Nawàri 2007
Duca di Salaparuta (Sicilia, Italia)
Uvaggio: Pinot Nero
Prezzo: € 24,00 Punteggio:
Vajasindi Nawàri si presenta con un colore rosso rubino brillante e sfumature rosso granato, abbastanza trasparente. Al naso rivela aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di ciliegia, prugna e mirtillo seguite da aromi di lampone, vaniglia, ciclamino, cacao, tabacco, pepe rosa e minerale. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco leggermente tannico e comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi, piacevole freschezza. Il finale è persistente con ricordi di ciliegia, prugna e lampone. Vajasindi Nawàri matura per 12 mesi in barrique a cui seguono almeno 6 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Carne arrosto, Stufati e brasati di carne con funghi, Formaggi stagionati



Nero della Greca 2007, Cardeto (Umbria, Italia)
Nero della Greca 2007
Cardeto (Umbria, Italia)
Uvaggio: Sangiovese
Prezzo: € 12,00 Punteggio:
Nero della Greca si presenta con un colore rosso rubino intenso e sfumature rosso rubino, poco trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di amarena, mora e prugna seguite da aromi di violetta, mirtillo, vaniglia, tabacco, cioccolato, liquirizia e mentolo. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco tannico e comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi, piacevole. Il finale è persistente con ricordi di amarena, mora e prugna. Nero della Greca matura per 12 mesi in barrique.
Abbinamento: Carne alla griglia, Carne arrosto, Brasati e stufati di carne



Arciato 2005, Cardeto (Umbria, Italia)
Arciato 2005
Cardeto (Umbria, Italia)
Uvaggio: Merlot (55%), Cabernet Sauvignon (45%)
Prezzo: € 12,00 Punteggio:
Arciato si presenta con un colore rosso rubino intenso e sfumature rosso rubino, poco trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di ribes, amarena e prugna seguite da aromi di mirtillo, violetta, vaniglia, tabacco, cannella, cioccolato ed eucalipto. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco tannico e comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi, piacevole. Il finale è persistente con ricordi di ribes, amarena e prugna. Arciato matura per 12 mesi in barrique.
Abbinamento: Carne arrosto, Stufati e brasati di carne, Formaggi stagionati



Barbera d'Asti La Tranquilla 2008, Carussin (Piemonte, Italia)
Barbera d'Asti La Tranquilla 2008
Carussin (Piemonte, Italia)
Uvaggio: Barbera
Prezzo: € 10,80 Punteggio:
Barbera d'Asti La Tranquilla si presenta con un colore rosso rubino brillante e sfumature rosso rubino, poco trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di ciliegia, prugna e violetta seguite da aromi di mirtillo, lampone, vaniglia e mentolo. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco leggermente tannico e comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi, piacevole freschezza. Il finale è persistente con ricordi di ciliegia, prugna e lampone. Barbera d'Asti La Tranquilla matura in botte.
Abbinamento: Pasta con carne e funghi, Carne alla griglia, Formaggi stagionati



Barbera d'Asti Superiore Nizza Ferro Carlo 2007, Carussin (Piemonte, Italia)
Barbera d'Asti Superiore Nizza Ferro Carlo 2007
Carussin (Piemonte, Italia)
Uvaggio: Barbera
Prezzo: € 18,00 Punteggio:
Barbera d'Asti Superiore Nizza Ferro Carlo si presenta con un colore rosso rubino intenso e sfumature rosso rubino, poco trasparente. Al naso rivela aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di ciliegia, prugna e viola appassita seguite da aromi di lampone, vaniglia, mora, tabacco, cacao, cuoio e mentolo. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco tannico e comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi, piacevole freschezza. Il finale è persistente con ricordi di ciliegia, prugna e lampone. Barbera d'Asti Superiore Nizza Ferro Carlo matura per 18 mesi in botte e in barrique.
Abbinamento: Carne arrosto, Carne alla griglia, Stufati e brasati di carne, Formaggi stagionati



Vino Nobile di Montepulciano I Quadri 2007, Bindella (Toscana, Italia)
Vino Nobile di Montepulciano I Quadri 2007
Bindella (Toscana, Italia)
Uvaggio: Sangiovese
Prezzo: € 22,00 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Vino Nobile di Montepulciano I Quadri si presenta con un colore rosso rubino brillante e sfumature rosso rubino, abbastanza trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli, raffinati ed eleganti che si aprono con note di amarena, prugna e violetta seguite da aromi di mirtillo, mora, vaniglia, tabacco, cacao, macis, cuoio e mentolo. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco tannico e comunque equilibrato dall'alcol, corpo pieno, sapori intensi, piacevole. Il finale è persistente con ricordi di amarena, prugna e mora. Vino Nobile di Montepulciano I Quadri matura per 18 mesi in botte a cui seguono 12 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Selvaggina, Stufati e brasati di carne, Carne arrosto, Formaggi stagionati



Vallocaia 2007, Bindella (Toscana, Italia)
Vallocaia 2007
Bindella (Toscana, Italia)
Uvaggio: Syrah (50%), Sangiovese (28%), Cabernet Sauvignon (22%)
Prezzo: € 26,00 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Vallocaia si presenta con un colore rosso rubino intenso e sfumature rosso rubino, poco trasparente. Al naso rivela aromi intensi, puliti, gradevoli, raffinati ed eleganti che si aprono con note di amarena, prugna e ribes seguite da aromi di mirtillo, violetta, vaniglia, cioccolato, tabacco, pepe rosa, macis ed eucalipto. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco tannico e comunque equilibrato dall'alcol, corpo pieno, sapori intensi, piacevole. Il finale è persistente con ricordi di amarena, prugna e ribes. Vallocaia matura in botte per 18 mesi a cui seguono 12 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Selvaggina, Carne arrosto, Stufati e brasati di carne, Formaggi stagionati



Falerno del Massico Primitivo Campantuono 2006, Gennaro Papa (Campania, Italia)
Falerno del Massico Primitivo Campantuono 2006
Gennaro Papa (Campania, Italia)
Uvaggio: Primitivo
Prezzo: € 22,00 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Falerno del Massico Primitivo Campantuono si presenta con un colore rosso rubino intenso e sfumature rosso rubino, poco trasparente. Al naso rivela aromi intensi, puliti, gradevoli, raffinati ed eleganti che si aprono con note di mora, amarena e prugna seguite da aromi di violetta, vaniglia, tabacco, cioccolato, cannella, pepe rosa, cuoio e mentolo. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco tannico e comunque equilibrato dall'alcol, corpo pieno, sapori intensi, piacevole morbidezza. Il finale è persistente con ricordi di mora, prugna e amarena. Falerno del Massico Primitivo Campantuono fermenta e matura in barrique per 13 mesi.
Abbinamento: Selvaggina, Carne arrosto, Stufati e brasati di carne, Formaggi stagionati



Chianti Classico Riserva 2007, Rocca delle Macie (Toscana, Italia)
Chianti Classico Riserva 2007
Rocca delle Macie (Toscana, Italia)
Uvaggio: Sangiovese (90%), Cabernet Sauvignon (5%), Merlot (5%)
Prezzo: € 19,00 Punteggio:
Chianti Classico Riserva si presenta con un colore rosso rubino intenso e sfumature rosso granato, poco trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di amarena, prugna e ribes seguite da aromi di violetta, mirtillo, mora, vaniglia, tabacco, cioccolato e mentolo. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco tannico e comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi, piacevole. Il finale è persistente con ricordi di amarena, prugna e ribes. Chianti Classico Riserva matura per circa 2 anni in botte a cui seguono almeno 3 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Carne alla griglia, Carne arrosto, Stufati e brasati di carne con funghi



Vin Santo del Chianti Classico 2005, Rocca delle Macie (Toscana, Italia)
Vin Santo del Chianti Classico 2005
Rocca delle Macie (Toscana, Italia)
Uvaggio: Trebbiano Toscano, Malvasia Bianca
Prezzo: € 18,00 - 500ml Punteggio:
Questo Vin Santo del Chianti Classico si presenta con un colore giallo ambra brillante e sfumature giallo ambra, trasparente. Al naso rivela aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di uva passa, fico secco e mandorle seguite da aromi di albicocca secca, confettura di mele cotogne, vaniglia, tabacco, miele, canditi, caramello e smalto. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco dolce e morbido, comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi, piacevole freschezza. Il finale è persistente con ricordi di uva passa, fico secco e mandorla. Questo Vin Santo del Chianti Classico matura per almeno 3 anni in caratelli.
Abbinamento: Crostate di frutta secca, Formaggi stagionati






 Editoriale  Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Gusto DiVino Eventi 
  Gusto DiVino Numero 91, Dicembre 2010   
Nebbiolo e Merlot a ConfrontoNebbiolo e Merlot a Confronto I Vini del MeseI Vini del Mese  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Settembre?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Cos'e più importante nella scelta di un vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Quando acquisti un vino, sei più interessato a quelli di:


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   



Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2019 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.