Cultura e Informazione Enologica - Anno XVII
Prima Pagina Chi Siamo:Scrivici:Arretrati:Pubblicità:Indice 
Eventi Sondaggi Servire il Vino EnoForum EnoGiochi Luoghi del Vino Aquavitae Guida dei Vini


   Condividi questo articolo   Share on Google+   Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 151, Maggio 2016   
Il Vino dei GiovaniIl Vino dei Giovani  Sommario 
Numero 150, Aprile 2016 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 152, Giugno 2016

Il Vino dei Giovani


 Non parlerò del consumo di vino dei giovani e del loro rapporto con la bevanda di bacco, l'alcol e le implicazioni sociali di questo comportamento, soprattutto quando diviene deplorevole abuso ed eccesso. Parlerò invece di quei giovani che con il vino hanno un rapporto ben diverso, che non si limitano ad apprezzarlo nel calice - con maggiore e più consapevole rispetto - ma che, in particolare, lo accompagnano dalla vigna alla bottiglia. Giovani produttori di vino, insomma. Negli ultimi anni, sempre più giovani si dedicano all'agricoltura, non solo per passione ma anche per necessità. In questi tempi, non proprio floridi anche per quelli che hanno la volontà di fare, i giovani, non trovando possibilità concreta nel mondo del lavoro dell'industria e del terziario, trovano occupazione nell'agricoltura. Piuttosto che lavorare per pochi mesi all'anno - con redditi decisamente ridicoli e insufficienti a garantire anche la più modesta sopravvivenza - i giovani decidono di avviare aziende agricole e, per così dire, tornare alla terra.


 

 Sì, d'accordo si tratta di lavoro duro e faticoso, lontano dalle comodità alienanti delle poltrone di uffici, ma con il vantaggio di essere liberi all'aria aperta e trarre soddisfazione dal proprio impegno. Non si tratta, in ogni caso, del lavoro durissimo della campagna conosciuto dai contadini di qualche decina di anni fa: oggi la tecnologia e il progresso, per fortuna, facilitano questo mestiere. I nuovi agricoltori e viticoltori hanno un approccio ben diverso rispetto a un tempo: studiano, si preparano, si dedicano con consapevolezza al loro lavoro, senza dimenticare l'esperienza di chi li ha preceduti. Si guarda alla tradizione ma con la consapevolezza di quello che la tecnologia e l'inevitabile progresso aggiungono a questo mestiere. In questo senso, si deve ricordare che quello che si considera oggi “tradizione” altro non è che un'innovazione di successo del passato. Questo significa che è sempre bene guardare al passato, non meno importante guardare al futuro e continuare l'evoluzione. Del resto, qualora l'uomo fosse rimasto fedele alle tradizioni del passato senza considerare il futuro, il genere umano sarebbe ancora fermo all'era paleolitica.

 Poi ci sono i giovani che decidono di continuare il mestiere dei padri, che a volte fu anche quello dei loro nonni e bisnonni, ricevendo il testimone con l'impegno di portarlo avanti. Non solo, lo portano avanti aggiungendo la loro “giovane” formazione e visione, spesso introducendo moderne tecnologie, senza dimenticare la storia delle proprie famiglie. A differenza delle generazioni passate, i giovani hanno la possibilità di studiare, si diplomano o si laureano nelle materie attinenti all'agricoltura e alla vitivinicoltura, portano il loro “sapere nuovo” al sapere dei padri. Il loro contributo non tradisce comunque lo stile di famiglia, almeno in senso generale. Anzi, molto spesso il loro lavoro è paragonabile a quello dei loro padri, a volte perfino migliore. C'è da essere molto contenti di questo - o almeno, io lo sono - ammirando il loro lodevole impegno e serietà, ma anche per perpetuare un enorme patrimonio alle generazioni future. In fin dei conti, questo è esattamente quello che hanno fatto i loro padri e i loro nonni, i loro avi.

 Negli ultimi anni, visitando cantine e manifestazioni legate al vino, mi capita sempre più spesso di vedere i figli e le figlie dei produttori affiancare i genitori nella conduzione di vigneti e cantine. Sono presentati, con non poco e comprensibile orgoglio, come la naturale prosecuzione di una storia familiare che guarda al futuro. Per i genitori, non c'è dubbio, la soddisfazione di sapere che la fatica del loro lavoro e di quelli che li hanno preceduti può continuare, magari migliorata da nuove idee e talenti. Seguono i propri figli, in un certo senso, tenendoli per mano e rendendoli partecipi allo stile di famiglia, consapevoli che - prima o poi - saranno proprio loro a custodire il sapere dei padri. Non si tratta di una semplice regola naturale, ma anche una necessaria scelta di evoluzione poiché le nuove generazioni meglio comprendono quello che i tempi moderni chiedono, poiché figli di un tempo nuovo. Quello che fanno è adattare e accompagnare il lavoro dei padri verso il futuro, facendo esattamente quello che è stato fatto da chi li ha preceduti.

 I vini che producono ricalcano, in termini generali, lo stile di famiglia, al quale aggiungono, com'è giusto che sia, parte del loro carattere, lavorando a fianco dei genitori che, in ogni caso, svolgono l'importante ruolo di “guida”. In certi casi le idee rivoluzionarie che riescono a imporre nello stile di famiglia sono tali da stravolgere il senso di una storia, come se volessero spezzare un legame con il passato, come se fosse un fardello pesante di cui liberarsi. A volte - lo ammetto - faccio fatica a capire questa intraprendenza che, seppure lodevole, lascia perplessi sul risultato, spesso dettato dalla moda del momento piuttosto che da reale competenza enologica. Come sono sempre solito ripetere, quello che non comprendo non significa sia sbagliato, semplicemente è qualcosa che non incontra il mio gusto o il mio modo di vedere il vino. Magari hanno ragione loro - non lo escludo affatto - e la loro concezione di vino è probabilmente più avanti della mia.

 Ammetto che, a volte, mi sembrano piuttosto clamorosi passi indietro, verso quel modello di vino che, quando iniziai a occuparmi della bevanda di Bacco, erano considerati modelli enologici di rozza qualità da lasciare alle spalle. La cosa più importante, in ogni caso e indipendentemente da quello che penso o apprezzo, è che i giovani - tanti davvero - siano interessati a produrre vino. Qualunque sia il motivo o il modello che li spinge a farlo con passione e determinazione, la cosa più importante è che lo facciano. Un'altra cosa che si apprezza maggiormente, è la rinascita di una nuova coscienza che guarda al rispetto dell'ambiente e alla sostenibilità. In un mondo che sembra essere sempre più piccolo e che deve necessariamente garantire un posto per tutti - poiché tutti hanno pari dignità e diritto - questa è una lodevole sfida per i giovani produttori e agricoltori. Bravi ragazzi: mi auguro e vi auguro che la vostra passione possa sempre accompagnarvi nelle vostre idee e portarle avanti fino in fondo. Una rivoluzione che può passare attraverso un calice di vino, anche quando non la capisco. Magari la capite voi ed è questo quello che veramente conta.

Antonello Biancalana






   Condividi questo articolo   Share on Google+   Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 151, Maggio 2016   
Il Vino dei GiovaniIl Vino dei Giovani  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Marzo?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 
Qual è l'aspetto più piacevole della degustazione di un vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 
In quale momento della giornata bevi abitualmente vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 


Eventi Sondaggi Servire il Vino EnoForum EnoGiochi Luoghi del Vino Aquavitae Guida dei Vini
Prima Pagina Chi Siamo:Scrivici:Arretrati:Pubblicità:Indice 

Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2019 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.