Cultura e Informazione Enologica - Anno XVII
Prima Pagina Chi Siamo:Scrivici:Arretrati:Pubblicità:Indice 
Eventi Sondaggi Servire il Vino EnoForum EnoGiochi Luoghi del Vino Aquavitae Guida dei Vini


   Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 183, Aprile 2019   
2018: l'Anno del Vino Italiano2018: l'Anno del Vino Italiano  Sommario 
Numero 182, Marzo 2019 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter 

2018: l'Anno del Vino Italiano


 Buone notizie per il vino italiano. Il 2018 è stato un anno particolarmente favorevole per i produttori e, in modo particolare, per quelli che concentrano la propria attività sull'esportazione. Lo scorso anno, infatti, il vino italiano ha segnato un primato importante poiché il volume delle vendite verso l'estero ha raggiunto un risultato estremamente significativo, migliorando nettamente quello del 2017. In un periodo come questo, nel quale le condizioni economiche generali non sono esattamente “positive”, una notizia come questa non può che fare molto piacere. Soprattutto perché riguarda il vino e il comparto viticolturale del nostro Paese che, negli ultimi anni, per quanto concerne le vendite, ha vissuto momenti non proprio floridi. La notizia, oltre a sottolineare l'ottimo risultato economico, evidenzia anche un altro aspetto molto importante, cioè che all'estero la reputazione del vino italiano è aumentata e i consumatori gli riconoscono un valore maggiore, disposti quindi a pagare la qualità che trovano nel calice.


 

 Buone notizie giungono anche per quanto riguarda i consumi interni, dove si registra una ripresa delle vendite nei confronti della bevanda di Bacco. Questo è quanto si rileva dai dati Istat relativamente alle esportazioni di vino all'estero e dal rapporto Iri circa le vendite registrate nel canale della grande distribuzione nel corso del 2018. Per quanto concerne l'esportazione, lo scorso anno il vino italiano ha conseguito un nuovo primato in termini di valore, superando 6,2 miliardi di euro, con un incremento del 3,3% pari a 200 milioni rispetto al 2017. Un risultato che consolida il buon andamento del vino italiano all'estero, soprattutto se confrontato con i risultati dei dieci anni precedenti. Nel 2008, infatti, l'esportazione di vino ha fatto registrare un valore complessivo di 3,67 miliardi di euro, per poi salire a 5 miliardi nel 2013. Questi dati assumono comunque un significato diverso se confrontati con i volumi esportati che, nel 2018, registrano un calo dell'8,1%.

 Questo significa che l'Italia ha esportato una quantità minore di vino, tuttavia è stato venduto a un prezzo maggiore, segno dell'aumentato valore riconosciuto al vino italiano e della percezione all'estero della qualità enologica del nostro Paese. Un risultato chiaramente positivo e del quale si deve essere orgogliosi: l'inequivocabile segno che lo sforzo sostenuto dai produttori italiani ha permesso di conseguire un significativo e tangibile aumento di qualità complessiva. La minore quantità esportata si deve ricondurre anche all'andamento dell'annata 2017 che, in termini di uva raccolta, è stata fra le più scarse degli ultimi anni. La minore produzione di vino, quindi, ha probabilmente limitato il risultato economico e che, forse, sarebbe potuto essere ancor più significativo. Vediamo in dettaglio i numeri che emergono dalle due ricerche condotte dall'Istat e da Iri, risultati che riguardano – come già detto – sia le esportazioni all'estero sia i consumi interni rilevati nella grande distribuzione.

 I due principali paesi a mostrare il maggiore apprezzamento per i vini italiani – Germania e Stati Uniti d'America – sono entrambi aumentati, in termini di valore, del 4%. Interessante, inoltre, il risultato ottenuto in Francia, nel quale le esportazioni del vino italiano sono aumentate addirittura del 10,1%. Un dato decisamente significativo, considerando l'ingente produzione vinicola Francese e che, in questo senso, si può ritenere come un concorrente commerciale diretto dell'Italia. Altro dato significativo arriva dall'Australia – importante paese vitivinicolo – dove il vino italiano ha segnato un incremento nelle vendite del 18,5%. Buone notizie giungono inoltre dalla Polonia, con un aumento del 23,3% e dalla Corea del Sud, dove il vino italiano ha segnato un 14,6% in più nelle vendite rispetto al 2017. I dati delle esportazioni, comunque, evidenziano anche brutte notizie: le vendite in Cina e in Russia sono diminuite in entrambi i casi del 2,4%.

 Buone notizie giungono anche dai consumi interni nel nostro Paese, dove – nel 2018 – si è registrata una ripresa nel valore delle vendite e, nel contempo, una contrazione dei volumi. I dati sono stati rilevati da Iri nel circuito della GDO (Grande Distribuzione Organizzata), registrando un volume di vendite pari a 1,9 miliardi di euro, equivalente a un incremento del 2,9%. Per quanto riguarda la quantità, nel 2018 sono stati venduti più di 619 milioni di litri di vino, segnando un calo del 4,4% rispetto al 2017. La buona notizia, esattamente come per le esportazioni, è che la gente riconosce maggiore valore al vino ed è disposta a spendere più rispetto agli anni passati. Sempre in accordo allo studio effettuato da Iri, nei primi mesi del 2019 si sono registrati ulteriori incrementi nelle vendite in termini di quantità, registrando un aumento dell'1,7% e punte del 5,3% per i vini a denominazione DOC e DOCG. Sempre secondo questa ricerca, anche il prezzo medio complessivo – relativo al vino venduto in bottiglia, brik e bag in box – è aumentato del 7,7%, attestandosi a un prezzo medio di 3,07 euro al litro. Le cose vanno decisamente meglio per il vino in bottiglia che raggiunge un prezzo medio di 4,53 euro al litro, con un incremento del 4,8%.

 Nella classifica rilevata nella grande distribuzione del nostro Paese, al primo posto troviamo il Lambrusco, al secondo il Chianti seguito dal Montepulciano d'Abruzzo. Ottimi risultati riscuotono inoltre i vini prodotti con lo Chardonnay, Barbera, Bonarda e Vermentino. La denominazione che ha conseguito il migliore risultato è il Lugana, riuscendo ad aumentare le vendite in termini di valore del 24,2%, equivalente al 22,1% in termini di quantità. Le cose sono andate un po' meno bene per il Prosecco – da sempre uno dei campioni di vendite del vino italiano – che vede diminuire la quantità venduta nel 2018 dell'11,5% pari a un calo del 6,7% in termini di valore. A questo proposito, si deve osservare che quest'ultimo dato è riferito ai valori complessivi delle denominazioni DOC e DOCG che riguardano i vini riconducibili alle menzioni “Prosecco”. I risultati del 2018, sia relativi all'esportazione, sia al mercato interno, sono in ogni caso un segnale molto positivo del buono stato di salute del vino italiano. L'inequivocabile segnale che il percorso di qualità enologica intrapreso da anni in questo Paese sta portando evidenti e tangibili risultati. Adesso si tratta solo di consolidare quanto di buono è stato fatto e continuare a percorrere la strada della qualità. Bene così. Viva il vino italiano!

Antonello Biancalana



   Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 183, Aprile 2019   
2018: l'Anno del Vino Italiano2018: l'Anno del Vino Italiano  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
Qual è l'aspetto più piacevole della degustazione di un vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Aprile?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
In quale momento della giornata bevi abitualmente vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   


Eventi Sondaggi Servire il Vino EnoForum EnoGiochi Luoghi del Vino Aquavitae Guida dei Vini
Prima Pagina Chi Siamo:Scrivici:Arretrati:Pubblicità:Indice 

Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2019 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.