Cultura e Informazione Enologica dal 2002 - Anno XVIII
×
Prima Pagina Eventi Guida dei Vini Vino del Giorno Aquavitae Guida ai Luoghi del Vino Podcast Sondaggi EnoGiochi EnoForum Il Servizio del Vino Alcol Test
Segui DiWineTaste in DiWineTaste Mobile per Android DiWineTaste Mobile per iOS Diventa Utente Registrato Abbonati alla Mailing List Segnala DiWineTaste a un Amico Scarica la DiWineTaste Card
Chi Siamo Scrivici Arretrati Pubblicità Indice Generale
Informativa sulla Riservatezza
 


   Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 78, Ottobre 2009   
Vendemmia in Tempi di CrisiVendemmia in Tempi di Crisi  Sommario 
Numero 77, Settembre 2009 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 79, Novembre 2009

Vendemmia in Tempi di Crisi


 Le operazioni di vendemmia in Italia sono oramai giunte alle fasi conclusive, in molte regioni del nostro paese il mosto sta ora fermentando nella promessa di diventare vino. Puntualmente, come ogni anno, anche per il 2009 sono state fatte previsioni e in molti si sono affrettati nel dire che quest'anno avremo una vendemmia a cinque stelle. Una bella notizia, anche se - in onor del vero - siamo da tempo abituati a notizie di questo tipo: ogni anno pare che si realizzi la “vendemmia del secolo”, nonostante questo sia iniziato da pochi anni. A prescindere dalle anticipazioni rivelate dalle previsioni - auspicando certamente che queste si avverino - la qualità della vendemmia 2009 si valuterà concretamente fra qualche mese, quando i vini saranno finalmente versati nei calici. Un metodo certamente spietato, ma certamente attendibile e determinante, che non lascia spazio a ulteriori considerazioni o congetture. E questo vale per ogni vendemmia.


 

 Previsioni a parte, la vendemmia 2009 sarà comunque ricordata, oltre che per la sua auspicata qualità, anche per il particolare periodo di condizioni economiche - di certo non brillanti - e che da tempo investono il mondo del vino. La vendemmia 2009 è innegabilmente una vendemmia che risente della crisi, che porta con se le difficoltà del 2008 e che si accumuleranno a quelle inevitabili del 2009. Il vino non sta vivendo un bel momento, sia per quanto riguarda i consumi, sia per quanto riguarda la produzione. Il vino italiano risente della crisi e la situazione non è certo delle più favorevoli. Sono infatti molti i produttori che hanno appena concluso le operazioni di vendemmia, che hanno quindi portato altra uva in cantina e si apprestano a produrre nuovo vino, e che hanno la cantina letteralmente piena di bottiglie invendute dell'annata 2008. Sembra un problema da poco? L'idea di accumulare altre bottiglia in cantina, con il rischio di non venderle tutte, certamente è un'ipotesi che allarma ogni produttore.

 Gran parte del vino dell'annata 2008 destinato al “consumo immediato” - quindi gran parte dei bianchi, rosati e i rossi cosiddetti giovani - giace infatti nelle cantine dei produttori, invenduto e quindi motivo di perdita economica. La speranza di venderli nei prossimi mesi, quando il mercato chiederà solamente vini giovani del 2009, è pressoché remota. Che fine farà tutto questo vino? Molto probabilmente sarà venduto a prezzi molto bassi alle distillerie, interessate unicamente all'alcol etilico che ne possono ricavare. Del resto, questo è il loro lavoro. La crisi che caratterizza la vendemmia 2009 non si sta vivendo solamente in cantina, ma anche nel vigneto, in quel luogo dove tutto ha inizio e dove si stabiliscono gli essenziali criteri di qualità del vino. Un grande vino nasce da grandi uve di qualità: uve mediocri restituiscono un vino mediocre, anche se - in questo senso - capita che in cantina avvenga qualche “miracolo”.

 Il 2009 vede infatti un calo generalizzato dei prezzi delle uve, diminuendo quindi i profitti delle aziende agricole che si dedicano a questa attività e che vendono le loro uve alle cantine. Secondo le stime diffuse dalle associazioni che rappresentano questa categoria di settore, i prezzi di vendita delle uve hanno visto nel 2009 una diminuzione media del 10%, con evidenti perdite di profitto da parte dei produttori. Questo significa che, in mancanza di adeguati profitti, le aziende agricole che si dedicano alla produzione di uva si troveranno in difficoltà, tanto da dovere cessare la propria attività o decidere la riconversione della produzione a colture più remunerative. Nonostante tutto questo, le previsioni per la vendemmia 2009 dicono che la produzione - in termini di quantità - sarà pressoché identica a quella del 2008, stimando addirittura un aumento del 5% rispetto allo scorso anno. Un bel paradosso, visto che una cospicua quantità del vino del 2008 giace ancora nelle cantine e che presto dovranno accogliere il nuovo vino del 2009.

 Da molte parti si sta infatti invitando alla diminuzione della produzione, a partire dalle rese in vigna, una tendenza che favorirebbe indubbiamente la qualità del vino. In effetti, che senso ha produrre così tanto vino se in questo momento il mercato registra una diminuzione generalizzata dei consumi, diminuzione che è determinata anche dalla crisi economica di questi tempi? Ma siamo poi così sicuri che la diminuzione dei consumi di vino in Italia sia esclusivamente determinata dalla crisi economica in atto? Certamente la crisi ha svolto un ruolo sostanziale in questo, ma probabilmente non è l'unica responsabile. Per esempio, siamo sicuri che la campagna svolta - ai limiti del proibizionismo - contro l'abuso di alcol per la prevenzione alle conseguenze della guida in stato di ebbrezza non abbia quale responsabilità? Sia chiaro ancora una volta, mettersi alla guida di un veicolo dopo avere esagerato con le bevande alcoliche (quindi non solo con il vino!) è qualcosa che non condividiamo e riteniamo deprecabile oltre che sciocco e stupido. Esagerare con le bevande alcoliche è comunque sciocco in ogni caso: il migliore apprezzamento si ottiene sempre con la moderazione.

 La logica del terrore della punizione ha però ottenuto i suoi risultati, compreso quello del calo di vendite di vino. Se si fosse lavorato di più sulla cultura del buon bere moderato e intelligente - anziché sul divieto - oggi le cose sarebbero forse andate diversamente. Consoliamoci con il fatto che la vendemmia 2009 sarà di ottima qualità, quanto meno, visti i periodi non certo ottimi provocati dalla crisi, avremo qualcosa di cui essere felici. Come ogni anno, non resta che attendere il tempo e la sua paziente opera nei confronti del vino, aspettando la primavera, stagione nella quale si inizieranno a vedere e assaggiare i risultati della fatica in vigna e in cantina. E chissà poi se la diminuzione dei prezzi dell'uva corrisponderà anche a una diminuzione dei prezzi dei vini di questa vendemmia? Dubitiamo che questo possa accadere, e dovremo comunque attendere la primavera per scoprirlo. In fin dei conti, in tempi di crisi vale ancor più l'antico adagio mors tua, vita mea. Staremo a vedere. Per il momento, benvenuta vendemmia 2009 con l'auspicio che sia testimone - nonostante le difficoltà di questi tempi - di una nuova rinascita per l'economia del vino e della vitivinicoltura.

 




   Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 78, Ottobre 2009   
Vendemmia in Tempi di CrisiVendemmia in Tempi di Crisi  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
Cosa dovrebbero migliorare i ristoranti nel servizio del vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Prima di servire un vino invecchiato, lo decanti?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Novembre?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   



Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2019 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.