Cultura e Informazione Enologica dal 2002 - Anno XXII
×
Prima Pagina Eventi Guida dei Vini Vino del Giorno Aquavitae Guida ai Luoghi del Vino Podcast Sondaggi EnoGiochi EnoForum Il Servizio del Vino Alcol Test
DiWineTaste in Twitter DiWineTaste in Instagram DiWineTaste Mobile per Android DiWineTaste Mobile per iOS Diventa Utente Registrato Abbonati alla Mailing List Segnala DiWineTaste a un Amico Scarica la DiWineTaste Card
Chi Siamo Scrivici Arretrati Pubblicità Indice Generale
Informativa sulla Riservatezza
 
☰ Menu


   Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 235, Gennaio 2024   
Le Feste delle Bollicine ItalianeLe Feste delle Bollicine Italiane  Sommario 
Numero 234, Dicembre 2023 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 236, Febbraio 2024

Le Feste delle Bollicine Italiane


 Dicembre e Gennaio sono innegabilmente i mesi durante i quali saltano il maggiore numero di tappi – di spumanti, nemmeno a dirlo – a colmare i calici di gaudenti e festosi convitati agli innumerevoli banchetti di questi giorni. I gioiosi botti di bottiglie di spumante – che in via del tutto eccezionale, si “tollerano” solo nei momenti di festa – non riguardano esclusivamente l'Italia ma, evidentemente, tutto il mondo. Nello specifico, le feste che sono appena trascorse, e ancora si stanno celebrando per qualche altro giorno, segnano un risultato significativo per lo spumante italiano. ╚ una buona notizia, ovviamente, lieti di sapere che gli appassionati di vino nel mondo, nel festeggiare i loro momenti speciali, lo fanno stappando una bottiglia di spumante italiano. Non è ovviamente l'unico vino con le bollicine che vede la via del gioioso calice in questi giorni, poiché – com'è ben noto – nel mondo ci sono anche altri importanti paesi produttori di spumanti e che godono parimenti i favori degli appassionati.


 

 Secondo quanto è riportato in una ricerca effettuata da Uiv-Ismea (Unione Italiana Vini - Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare) al termine delle festività 2023-2024, nel mondo si saranno stappate 333 milioni di bottiglie di spumante italiano. Di queste, si prevede che più di 95 milioni di bottiglie saranno consumate in Italia. Un numero decisamente importante e, nel caso specifico dell'Italia, considerando la popolazione del nostro Paese di circa 60 milioni di abitanti, significa che ogni italiano ha stappato almeno una bottiglia di spumante prodotto nel nostro Paese. Per quanto concerne il volume degli acquisti, questi risultano essere in linea con quelli dello scorso anno, segnando comunque un incremento del +24% rispetto al 2019. La feste delle bollicine in Italia non finiscono qui. La ricerca di Uiv-Ismea stima che, nei soli giorni di Natale e Capodanno, saranno inoltre stappate ben 6 milioni di bottiglie di spumanti esteri.

 Le buone notizie per lo spumante italiano non finiscono qui. Nella ricerca si legge infatti che, secondo le stime per l'anno 2023, il consumo di spumante italiano si attesta a 936 milioni di bottiglie, un dato che conferma sostanzialmente l'andamento di questi anni. Si stima, inoltre, che alla fine del prossimo anno, il consumo complessivo di spumante italiano dovrebbe superare un miliardo di bottiglie, prevedendo quindi un sostanziale aumento della diffusione delle bollicine del nostro Paese. Questo dato, inoltre, mette in evidenza come il consumo dei vini spumanti è prevalentemente concentrato nel periodo delle festività di fine e di inizio anno, un fattore ampiamente conosciuto e da sempre prevedibile. Valutando le cifre dello studio di Uiv-Ismea, si evidenzia infatti che circa un terzo del totale delle bottiglie di spumante è stappato in questo periodo specifico, con i restanti due terzi evidentemente consumati nell'arco di undici mesi.

 Sebbene si tratti di numeri decisamente positivi, non si può non notare che, da un punto di vista sociale e culturale, i vini spumanti restano ancora saldamente associati alle festività e alla celebrazione di ricorrenze particolari. L'abitudine, per meglio dire, il pensiero, di associare un vino spumante all'abbinamento con un pasto resta ancora un piacere che gli appassionati di vino, in termini generali, tendono a non considerare. Eppure, per quello che mi riguarda, associare un vino spumante con un pasto è per me sia una consuetudine di almeno trenta anni, sia – non da meno – un vero piacere. Per non parlare, inoltre, della mia abitudine di abbinare le bollicine alla pizza: anche in questo caso una consuetudine di almeno trenta anni, con lo stupore dei miei commensali, i quali, molto più naturalmente erano e sono orientati ad altre bevande, compresa la birra e quelle dolci e gasate. Del resto, è sufficiente osservare le carte dei vini della maggioranza dei ristoranti per comprendere quanto l'abitudine di abbinare lo spumante a un pasto sia pressoché ignorata: la presenza di bollicine è sempre decisamente modesta, spesso del tutto assente.

 Per quanto riguarda le preferenze relative al tipo e al valore specifico dei vini spumanti, la categoria a registrare il maggiore incremento è quella degli spumanti prodotti con il metodo Charmat, in modo particolare quelli venduti a prezzi più bassi. Questa categoria, infatti, ha visto incrementare le proprie vendite del 7,5% rispetto al resto dei vini spumanti, corrispondente, per l'anno 2023, a 206 milioni di bottiglie. I principali spumanti italiani a denominazione – come Prosecco e Asti, oltre ai principali metodo classico – per l'anno 2023 hanno registrato una diminuzione del 3%, pari a 727 milioni di bottiglie. L'inflazione e la minore disponibilità di spesa dei consumatori sono evidentemente da ritenersi fra i fattori responsabili di questi risultati. Per le festività di fine e inizio anno, quindi, i consumatori non rinunciano al gioioso botto di una bottiglia di spumante, anche nella forzata necessità di spendere meno purché si faccia festa.

 Questi risultati non compromettono comunque gli straordinari successi nelle vendite conseguite dagli spumanti italiani nel corso degli ultimi dieci anni. Le bollicine italiane hanno infatti incrementato il proprio valore di vendite del 416% in Francia, 351% negli Stati Uniti d'America, 350% nel Regno Unito, 42% in Germania, fino a raggiungere il 983% in Polonia. Lo studio dell'Uiv-Ismea, inoltre, evidenzia – basandosi sui dati Istat – che le esportazioni dei primi nove mesi del 2023 hanno registrato un calo per gli spumanti del 3,1%, tuttavia, a causa dell'effetto dell'inflazione, il corrispondente valore è aumentato del 2,5%. Considerando invece l'intero comparto enologico italiano, al terzo trimestre, l'esportazione registra un -0,2% in volume, mentre in termini di valore, il calo equivale a -1,9% corrispondente a 5,65 miliardi di euro. I vini a denominazione calano del 3,8% in termini di volume, mentre i vini sfusi aumentano del 18,9% e, a causa del calo dei prezzi di produzione, il valore medio è conseguentemente sceso del 14%.

 Per quanto riguarda i mercati, negli Stati Uniti d'America diminuisce il volume del -12,8%, corrispondente a -9,5% in termini di valore. Tendenza decisamente opposta quella della Germania, che fa registrare un aumento dei volumi del 12,4%, risultato che è comunque ampiamente determinato dal volume di vendite di vini sfusi. Risulta invece invariato il mercato del Regno Unito, mentre quello della Svizzera fa registrare un lieve calo. Lo studio evidenzia, infine, che la domanda dei paesi dell'Unione Europea è aumentata del 9,3%, mentre quelli al di fuori dell'Unione fanno registrare un calo del 9,2%. In termini generali, considerando le particolati condizioni economiche di questo periodo, si tratta di risultati tutto sommato positivi. L'effetto dell'inflazione e l'aumento dei costi di produzione hanno infatti visto crescere il prezzo medio degli spumanti del 5%, ragione che ha certamente spinto i consumatori a scegliere le bottiglie più economiche, pur di non rinunciare al “momento di festa”. A tale proposito, si deve comunque osservare che, proprio in occasione delle festività di fine e inizio anno, anche gli spumanti, per così dire, di “fascia alta”, compresi quelli esteri, hanno registrato un aumento significativo. Evidentemente, per le festività, c'è anche chi è disposto a pagare un prezzo più alto, pur di versare nel proprio calice uno spumante di qualità.

Antonello Biancalana



   Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 235, Gennaio 2024   
Le Feste delle Bollicine ItalianeLe Feste delle Bollicine Italiane  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
Come consideri la tua conoscenza del vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Come scegli il vino da abbinare al cibo?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Maggio?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   


☰ Menu

Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste Segui DiWineTaste su Twitter Segui DiWineTaste su Instagram

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2024 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.