Cultura e Informazione Enologica - Anno XVII
Prima Pagina Chi Siamo:Scrivici:Arretrati:Pubblicità:Indice 
Eventi Sondaggi Servire il Vino EnoForum EnoGiochi Luoghi del Vino Aquavitae Guida dei Vini


 ABC Vino  Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Gusto DiVino Produttori 
  Gusto DiVino Numero 28, Marzo 2005   
GamayGamay I Vini del MeseI Vini del Mese  Sommario 
Numero 27, Febbraio 2005 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 29, Aprile 2005

Gamay

Tradizionalmente associato con i vini di Beaujolais e in particolare con i Nouveau, il Gamay è utilizzato anche in altri paesi del mondo per la produzione di vini monovarietali e assemblati

 Nella maggioranza dei casi, citare l'uva Gamay significa evocare nella mente dei consumatori l'immagine del gioioso vino prodotto a Beaujolais con la tecnica della macerazione carbonica e che prende il nome di Beaujolais Nouveau o Beaujolais Primeur. Questo vino è posto in commercio il terzo giovedì del mese di Novembre, data che probabilmente segna il picco di maggiore interesse per i vini prodotti con uve Gamay e che si protrae - più o meno - per tutto il periodo invernale. L'interesse per il Beaujolais Nouveau è tale da concentrare l'attenzione dei consumatori fino a fare quasi dimenticare tutti gli altri vini prodotti con l'uva Gamay. Va inoltre riconosciuto che il Gamay - a differenza di altre celebri uve Francesi - non si è molto diffuso nel mondo e nonostante sia utilizzato anche per la produzione di altri vini - monovarietali e assemblati - la sua notorietà è ancora oggi fortemente legata ai vini nouveaux.

 La patria indiscussa del Gamay è Beaujolais - la celebre area vinicola del sud della Borgogna, in Francia - dove è utilizzato per la produzione di tutti i vini rossi, sia nei nouveau prodotti con il metodo della macerazione carbonica, sia nei vini rossi prodotti con le tipiche procedure enologiche. Forse il suo largo uso nei vini novelli e la mancanza di un'elevata struttura ne ha limitato la diffusione nel mondo, probabilmente offuscato dall'imponenza e dal prestigio di altre uve Francesi, come per esempio il Merlot e il Cabernet Sauvignon. In effetti i vini prodotti con Gamay non vantano longevità al pari delle altre celebri uve: infatti il basso contenuto di tannini non consente lunghi tempi di affinamento in bottiglia. Eppure - anche se timidamente - il Gamay si è diffuso in altre zone del mondo e - soprattutto - nella vicina Italia dove è talvolta usato per la produzione di vini monovarietali. Questo è il caso dell'Umbria e in particolare nella zona DOC dei Colli del Trasimeno, dove il Gamay è presente da oltre un secolo e utilizzato in purezza nella produzione di interessanti vini rossi.


Un grappolo di uva Gamay
Un grappolo di uva Gamay

 Secondo le testimonianze di autori del passato, il Gamay è un'uva originaria dell'omonimo villaggio della Borgogna, non molto distante da Chassagne e Puligny. Nonostante il suo luogo d'origine sia conosciuto, non è possibile stabilire quando la sua coltivazione ai fini enologici sia iniziata nella Borgogna, ma è appurato che da questa zona il Gamay si è diffuso prima nelle aree centrali e settentrionali della Francia e quindi in altri paesi dell'Europa. La prima citazione storica relativa al Gamay risale al 1395, periodo in cui si presume l'uva fosse molto diffusa e ampiamente coltivata in Borgogna. In quell'anno il duca di Borgogna - Filippo l'Ardito - emise un decreto che costringeva i viticoltori a espiantare il Gamay dai loro vigneti poiché i suoi vini erano considerati di bassa qualità. Nonostante questo decreto rimase in vigore per molti anni, i viticoltori della zona riuscirono a salvare alcuni esemplari di Gamay scongiurando quindi la sua estinzione e fu proprio in questo periodo che il Gamay raggiunse le colline di Beaujolais. Grazie alle migliori condizioni ambientali e meteorologiche di Beaujolais, la qualità del Gamay fu ampiamente rivalutata.

 Il nome Gamay è stato spesso utilizzato per indicare altre varietà di uve che in passato si sono confuse che il vero Gamay, molte di queste venivano considerate come Gamay unicamente per la loro alta capacità colorante dovuta sia alla buccia sia alla polpa rossa. Questo genere di uve - in Francia classificate come teinturiers - sono generalmente utilizzate per aggiungere colore ai vini chiari e trasparenti ma che non hanno nessun legame con il vero Gamay. Questo ha consentito la diffusione, sia in Francia, sia in altri paesi del mondo, di altre varietà e che si sono sempre confuse con il vero Gamay, come nel caso del Blaufränkisch che in alcuni paesi dell'Europa Orientale è confuso con il Gamay. L'unico e autentico Gamay ha qualità piuttosto diverse dalle altre varietà confuse con quest'uva e se è vero che la sua capacità colorante è piuttosto alta, il colore della sua polpa è assolutamente chiaro. Questa caratteristica determina anche l'origine del suo nome completo - adottato proprio per fare chiarezza in mezzo alla confusione - e che corrisponde a Gamay Noir à Jus Blanc, la varietà coltivata in Borgogna a Beaujolais.

 Dal punto di vista colturale, il Gamay è un uva piuttosto precoce che tende a germogliare e a maturare molto anticipatamente. Per questo motivo è piuttosto suscettibile alle gelate primaverili, tuttavia è una varietà che ben si adatta alle aree con clima freddo. Il Gamay tende facilmente alla sovrapproduzione - probabilmente una caratteristica che non ha consentito la sua diffusione nella produzione di vini di qualità - pertanto necessita di rigorose pratiche colturali al fine di ottenere vini di pregio. I migliori risultati con il Gamay si ottengono nei suoli granitici o scistosi, mentre nei suoli ricchi di calcare produce vini con colori più intensi e meno trasparenti a discapito della finezza e della qualità organolettica. Il Gamay non possiede elevate quantità di tannini, tuttavia la sua acidità è piuttosto elevata - una qualità che ben si percepisce durante l'assaggio gustativo - e i suoi vini hanno generalmente una gradazione alcolica media. I vini prodotti con il Gamay Noir à Jus Blanc si tendono a consumare piuttosto in fretta e raramente il loro affinamento va oltre i due o tre anni, periodo in cui riescono ancora mantenere la loro freschezza e il forte carattere fruttato. È bene ricordare che la longevità dei vini prodotti con il Gamay mediante il sistema della macerazione carbonica - i novelli e i Beaujolais Nouveau - è ulteriormente ridotta ed è consigliabile il loro consumo entro sei mesi dalla vendemmia.

 

I Colori del Gamay

 I vini Gamay producono generalmente colori rosso rubino intenso ed evidenti sfumature porpora e addirittura blu. La trasparenza in questi vini è da considerarsi media, una qualità che è comunque dipendente dalle tecniche e le rese colturali, così come dalla zona di produzione. Il colore del Gamay dipende anche dal tipo di terreno in cui è coltivato. I vini prodotti con Gamay coltivati in terreni ricchi di calcare tendono a mostrare tonalità di colore più intensi, mentre le uve provenienti da terreni granitici o scistosi - più adatti per la produzione di Gamay di qualità - producono colori meno intensi. Una considerazione a parte va fatta per i vini prodotti con la tecnica della macerazione carbonica, utilizzata per la produzione dei vini novelli. Questa tecnica consente di estrarre una maggiore quantità di sostanze coloranti, pertanto i vini Gamay novelli mostreranno colori più intensi di quelli prodotti con i metodi enologici tradizionali, accentuando inoltre la sfumatura porpora, molto spesso tendente al blu. L'evoluzione del colore dei Gamay è un fattore scarsamente considerato poiché questi vini raramente sono fatti affinare per oltre tre anni.

 

Gli Aromi

 La qualità aromatica principale dei vini prodotti con Gamay è rappresentata da intensi aromi di frutti a bacca rossa. Esattamente come per il colore, anche per gli aromi è necessario fare delle distinzioni fra i vini Gamay prodotti con le tradizionali tecniche enologiche e i vini novelli. È comunque opportuno osservare che in entrambi i casi sarà possibile riconoscere i tipici aromi di quest'uva anche se con intensità e qualità diverse. Nei vini prodotti secondo le normali pratiche enologiche, il Gamay sviluppa generalmente aromi di lampone, amarena, prugna, mirtillo e fragola, talvolta anche aromi floreali di violetta e rosa. Questi aromi sono riconoscibili anche nei vini novelli ai quali si aggiungono i tipici aromi di banana, caramella di frutta e acetone. In alcuni casi - e in modo particolare in certi vini a denominazione Beaujolais-Villages - si possono riconoscere aromi di cioccolato, cannella, gelsomino e mora. Il Gamay è apprezzato per i suoi aromi freschi e pertanto - anche a causa della sua limitata longevità - non è opportuno parlare della loro evoluzione nel tempo.

 

Il Gusto

 I vini prodotti con uva Gamay sono caratterizzati - e anche apprezzati - per la loro leggerezza, l'alta acidità e il modesto contenuto di alcol. Per queste caratteristiche, il Gamay è spesso considerato un vino bianco dal colore rosso. Anche il suo contenuto in tannini è piuttosto ridotto e pertanto la struttura di questi vini non raggiunge mai livelli elevati. All'assaggio il Gamay si fa riconoscere subito per la sua acidità, una qualità che può essere considerata primaria nei vini prodotti con quest'uva. La ridotta quantità di tannini consente inoltre il servizio a temperature più basse, una consuetudine che si adotta in particolare nel servizio dei vini novelli che - a causa della macerazione carbonica - contengono quantità di tannini ancora minori. L'alcolicità nei vini Gamay è da considerarsi media, generalmente compresa fra i 12 e i 13 gradi. Il gusto dei vini Gamay è piuttosto corrispondente ai suoi aromi, pertanto saranno presenti sapori intensi di frutti a bacca rossa.

 

Beaujolais e il Resto del Mondo


 

 La patria indiscussa del Gamay è certamente la sua terra d'origine, il sud della Borgogna e in modo particolare Beaujolais. La maggioranza della produzione di quest'area proviene dalla denominazione Beaujolais AOC mentre la minoranza della produzione proviene dalla denominazione Beaujolais Supérieur, che si differenzia dalla precedente per la maggiore gradazione alcolica. La migliore denominazione della zona è certamente Beaujolais-Villages in cui si produce circa un quarto del vino di tutta l'area. Nel caso in cui un vino sia prodotto esclusivamente in uno dei dieci Beaujolais Cru - località considerate migliori per la superiori qualità ambientali e climatiche - il nome del cru, cioè il nome del villaggio, è riportato in etichetta. In alcuni casi la denominazione Beaujolais non compare nemmeno nell'etichetta preferendo invece la semplice indicazione del nome del villaggio. I 10 Beaujolais Cru sono Brouilly, Chénas, Chiroubles, Côte de Brouilly, Fleurie, Juliénas, Morgon, Moulin-à-Vent, Regnié e Saint-Amour. L'area è inoltre famosa per il Beaujolais Nouveau, un vino prodotto con la tecnica della macerazione carbonica. Nonostante il Nouveau - o Primeur - sia un vino considerato come un fenomeno di moda, la sua notorietà ha da tempo superato quella degli altri vini di Beaujolais.

 In Francia - oltre a Beaujolais - il Gamay è coltivato nella valle della Loira, nelle aree di Châteaumeillant, Coteaux du Giennois, Côtes d'Auvergne, Côtes du Forez, Côtes Roannaises, Saint-Pourçain e Coteaux du Lyonnais. Piccole quantità di vini da uve Gamay sono inoltre prodotte in Borgogna nella Côte Chalonnaise e nel Mâconnais. Nel resto del mondo il Gamay è coltivato in Svizzera - vicino a Ginevra e in particolare nelle aree di Valais e Salvagnin, spesso utilizzato insieme al Pinot Nero - in Croazia, Serbia, Macedonia e Kosovo. Il Gamay è inoltre coltivato in Italia e in particolare nella Valle d'Aosta, Toscana e in Umbria, dove è presente da oltre un secolo e utilizzato per i vini DOC dei Colli del Trasimeno. Fuori dai confini Europei, il Gamay si trova in modeste quantità in Canada e in California, spesso confuso con l'uva Valdiguié - localmente detta Napa Gamay - mentre il Gamay Beaujolais, coltivato in California, è in realtà un clone di Pinot Nero.

 






 ABC Vino  Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Gusto DiVino Produttori 
  Gusto DiVino Numero 28, Marzo 2005   
GamayGamay I Vini del MeseI Vini del Mese  Sommario 
Numero 27, Febbraio 2005 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 29, Aprile 2005

I Vini del Mese


 

Legenda dei punteggi

Sufficiente    Abbastanza Buono    Buono
Ottimo    Eccellente
Vino eccellente nella sua categoria Vino eccellente nella sua categoria
Vino con buon rapporto qualità/prezzo Vino con buon rapporto qualità/prezzo
I prezzi sono da considerarsi indicativi in quanto possono subire variazioni a seconda del paese
e del luogo in cui vengono acquistati i vini




Monferrato Rosso Bacialè 2002, Braida (Italia)
Monferrato Rosso Bacialè 2002
Braida (Italia)
Uvaggio: Barbera (80%), Pinot Nero (15%), Cabernet Sauvignon (5%)
Prezzo: € 9,60 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Alla vista si presenta con un colore rosso rubino brillante e sfumature di rosso rubino, abbastanza trasparente. Al naso denota aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di ciliegia e mora seguite da aromi di melograno, mirtillo, lampone, prugna, violetta, liquirizia e vaniglia. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco leggermente tannico e apprezzabile freschezza, comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi, buoni tannini, piacevole. Il finale è persistente con ricordi di ciliegia, prugna e melograno. Bacialè matura in botte per 8-12 mesi.
Abbinamento: Carne alla griglia, Stufati di carne con funghi, Formaggi



Barbera d'Asti Bricco della Bigotta 2001, Braida (Italia)
Barbera d'Asti Bricco della Bigotta 2001
Braida (Italia)
Uvaggio: Barbera
Prezzo: € 28,00 Punteggio:
Questo vino si presenta con un colore rosso rubino brillante e sfumature di rosso rubino, poco trasparente. Al naso rivela aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di amarena e prugna seguite da aromi di mirtillo, mora, violetta, tostato, vaniglia, liquirizia, mentolo e un accenno di pepe nero. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco leggermente tannico e apprezzabile freschezza, comunque ben equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi, buoni tannini. Il finale è persistente con ricordi di prugna, amarena e mora. Un vino ben fatto. Bricco della Bigotta matura per 16 mesi in barrique a cui seguono 12 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Carne arrosto, Stufati e brasati di carne con funghi, Formaggi stagionati



Pomino Bianco Benefizio 2003, Marchesi de' Frescobaldi (Italia)
Pomino Bianco Benefizio 2003
Marchesi de' Frescobaldi (Italia)
Uvaggio: Chardonnay
Prezzo: € 15,70 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Questo vino si presenta con un colore giallo dorato brillante e sfumature di giallo dorato, molto trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli, raffinati ed eleganti che si aprono con note di banana, biancospino e tostato seguite da aromi di acacia, ananas, litchi, mela, nocciola, pesca, pralina, susina, pompelmo e vaniglia. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco fresco e piacevole morbidezza, comunque ben equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi, piacevole. Il finale è persistente con ricordi di pesca, pompelmo e ananas. Un vino ben fatto. Pomino Benefizio fermenta e matura in barrique per 12 mesi a cui seguono 4 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Pesce arrosto, Paste ripiene, Zuppe di pesce e funghi, Carne bianca arrosto



Brunello di Montalcino Castelgiocondo 2000, Marchesi de' Frescobaldi (Italia)
Brunello di Montalcino Castelgiocondo 2000
Marchesi de' Frescobaldi (Italia)
Uvaggio: Sangiovese
Prezzo: € 25,00 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Questo Brunello si presenta con un colore rosso rubino intenso e sfumature di rosso granato, poco trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli, raffinati ed eleganti che si aprono con note di amarena e prugna seguite da aromi di violetta, ciclamino, melograno, carruba, mirtillo, mora, liquirizia, tabacco, vaniglia e mentolo. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco tannico e comunque ben equilibrato dall'alcol, corpo pieno, sapori intensi, buoni tannini, piacevole. Il finale è persistente con ricordi di amarena, mirtillo e prugna. Un vino ben fatto. Questo Brunello matura per almeno 2 anni in botte a cui seguono almeno 4 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Selvaggina, Carne arrosto, Brasati e stufati di carne, Formaggi stagionati



Grignolino del Monferrato Casalese Bricco del Bosco 2003, Accornero (Italia)
Grignolino del Monferrato Casalese Bricco del Bosco 2003
Accornero (Italia)
Uvaggio: Grignolino
Prezzo: € 8,00 Punteggio:   Vino con buon rapporto qualità/prezzo
Questo vino si presenta con un colore rosso rubino chiaro e sfumature di rosso aranciato, trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di ciliegia, lampone e prugna seguite da aromi di fragola, geranio, ciclamino, mirtillo e un accenno di pepe nero. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco leggermente tannico e piacevole freschezza, comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi, piacevole. Il finale è persistente con ricordi di ciliegia, lampone e fragola. Un vino ben fatto.
Abbinamento: Pesce arrosto, Pesce stufato con funghi, Paste ripiene, Carne bianca saltata



Barbera del Monferrato Superiore Bricco Battista 2001, Accornero (Italia)
Barbera del Monferrato Superiore Bricco Battista 2001
Accornero (Italia)
Uvaggio: Barbera
Prezzo: € 21,00 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Questa Barbera si presenta con un colore rosso rubino cupo e sfumature di rosso granato, impenetrabile alla luce. Al naso rivela aromi intensi, puliti, gradevoli, raffinati ed eleganti che si aprono con note di amarena e prugna seguite da aromi di violetta, mirtillo, carruba, liquirizia, tabacco, macis, vaniglia, mentolo e cioccolato. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco tannico e comunque ben equilibrato dall'alcol, corpo pieno, sapori intensi, buoni tannini, piacevole. Il finale è persistente con ricordi di amarena, prugne e mirtillo. Un vino ben fatto. Questa Barbera matura per 12-18 mesi in barrique a cui seguono 6 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Selvaggina, Brasati e stufati di carne, Carne arrosto, Formaggi stagionati



Oltrepò Pavese Bonarda La Rubiosa 2003, Le Fracce (Italia)
Oltrepò Pavese Bonarda La Rubiosa 2003
Le Fracce (Italia)
Uvaggio: Croatina
Prezzo: € 6,80 Punteggio:   Vino con buon rapporto qualità/prezzo
Questo vino si presenta con un colore rosso rubino intenso e sfumature di rosso rubino, poco trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di mora, prugna e mirtillo seguite da aromi di ciliegia, fragola, lampone, ribes e anice. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco piacevolmente effervescente e tannico, comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi, piacevole. Il finale è persistente con ricordi di mora, ciliegia e prugna. Un vino ben fatto. Questa Bonarda rifermenta in autoclave.
Abbinamento: Salumi, Paste ripiene, Stufati di carne



Oltrepò Pavese Bohemi 2000, Le Fracce (Italia)
Oltrepò Pavese Bohemi 2000
Le Fracce (Italia)
Uvaggio: Barbera (55%), Croatina (25%), Pinot Nero (25%)
Prezzo: € 18,50 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Questo vino si presenta con un colore rosso rubino brillante e sfumature di rosso granato, abbastanza trasparente. Al naso rivela aromi intensi, puliti, gradevoli, raffinati ed eleganti che si aprono con note di amarena e prugna seguite da aromi di fragola, lampone, melograno, violetta, vaniglia, tabacco, liquirizia, cacao, eucalipto, macis e un accenno di pepe nero. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco leggermente tannico e apprezzabile freschezza, comunque equilibrato dall'alcol, corpo pieno, sapori intensi, buoni tannini, piacevole. Il finale è persistente con ricordi di amarena, prugna e lampone. Un vino ben fatto. Bohemi matura in botte per 18 mesi.
Abbinamento: Selvaggina, Carne arrosto, Brasati e stufati di carne, Formaggi stagionati



Barbera d'Alba 2001, Cascina Cucco (Italia)
Barbera d'Alba 2001
Cascina Cucco (Italia)
Uvaggio: Barbera
Prezzo: € 9,30 Punteggio:
Alla vista si presenta con un colore rosso rubino intenso e sfumature di rosso rubino, poco trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di mora, prugna e amarena seguite da note di mirtillo, violetta, vaniglia, liquirizia, tabacco, cacao e cannella. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco leggermente tannico e apprezzabile freschezza, comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi, buoni tannini. Il finale è persistente con ricordi di prugna, amarena e mirtillo. Un vino ben fatto.
Abbinamento: Carne arrosto, Stufati di carne con funghi, Formaggi stagionati



Barolo Vigna Cucco 2000, Cascina Cucco (Italia)
Barolo Vigna Cucco 2000
Cascina Cucco (Italia)
Uvaggio: Nebbiolo
Prezzo: € 19,60 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Questo Barolo si presenta con un colore rosso rubino brillante e sfumature di rosso aranciato, abbastanza trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli, raffinati ed eleganti che si aprono con note di ciliegia e violetta seguite da aromi di lampone, fragola, vaniglia, prugna, liquirizia, tabacco, cacao, mentolo, lavanda e un accenno di pepe nero e macis. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco tannico e piacevole freschezza, comunque equilibrato dall'alcol, corpo pieno, sapori intensi, buoni tannini. Il finale è persistente con ricordi di prugna, ciliegia, lampone e fragola. Un vino ben fatto. Questo Barolo matura per 18 mesi in barrique, 9-10 mesi in botte a cui seguono 12 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Selvaggina, Brasati e stufati di carne, Carne arrosto, Formaggi stagionati



Cabernet Sauvignon 2001, Casale del Giglio (Italia)
Cabernet Sauvignon 2001
Casale del Giglio (Italia)
Uvaggio: Cabernet Sauvignon
Prezzo: € 14,40 Punteggio:
Alla vista si presenta con un colore rosso rubino intenso e sfumature di rosso rubino, poco trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di amarena e ribes seguite da aromi di mirtillo, prugna, vaniglia, liquirizia, tabacco, violetta, mora, carruba e un accenno di eucalipto. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco tannico e comunque ben equilibrato dall'alcol, corpo pieno, sapori intensi, buoni tannini, piacevole. Il finale è persistente con ricordi di amarena, prugna e ribes. Un vino ben fatto. Questo Cabernet Sauvignon matura in barrique per 18-20 mesi.
Abbinamento: Carne arrosto, Stufati e brasati di carne, Formaggi stagionati



Mater Matuta 2000, Casale del Giglio (Italia)
Mater Matuta 2000
Casale del Giglio (Italia)
Uvaggio: Syrah (85%), Petit Verdot (15%)
Prezzo: € 24,00 Punteggio:
Questo vino si presenta con un colore rosso rubino intenso e sfumature di rosso rubino, poco trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli, raffinati ed eleganti che si aprono con note di prugna, amarena e ribes seguite da aromi di tostato, vaniglia, mirtillo, liquirizia, tabacco, caffè, carruba, macis, pepe nero ed eucalipto. In bocca ha ottima corrispondenza con il naso, un attacco tannico e comunque ben equilibrato dall'alcol, corpo pieno, sapori intensi, buoni tannini, piacevole. Il finale è molto persistente con lunghi ricordi di amarena, prugna, ribes e mirtillo. Un vino molto ben fatto. Mater Matuta matura per 22-24 mesi in barrique a cui seguono 6-8 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Selvaggina, Carne arrosto, Brasati e stufati di carne, Formaggi stagionati



Colli Orientali del Friuli Bianco Pomèdes 2002, Scubla (Italia)
Colli Orientali del Friuli Bianco Pomèdes 2002
Scubla (Italia)
Uvaggio: Pinot Bianco (49%), Tocai Friulano (49%), Riesling (2%)
Prezzo: € 19,20 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Bianco Pomèdes si presenta con un colore giallo dorato brillante e sfumature di giallo paglierino, molto trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli, raffinati ed eleganti che si aprono con note di susina e legno tostato seguite da aromi di ananas, biancospino, vaniglia, caffè, minerale, mela, nocciola, pesca e pralina. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco fresco e piacevole morbidezza, comunque ben equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi, piacevole. Il finale è persistente con ricordi di pesca, ananas, mela e susina. Un vino ben fatto. Bianco Pomèdes fermenta e matura per 8 mesi in barrique, per 4 mesi in vasche d'acciaio e affina per 6 mesi in bottiglia.
Abbinamento: Pesce arrosto, Pesce stufato con funghi, Paste ripiene



Colli Orientali del Friuli Verduzzo Friulano Cratis 2001, Scubla (Italia)
Colli Orientali del Friuli Verduzzo Friulano Cratis 2001
Scubla (Italia)
Uvaggio: Verduzzo Friulano
Prezzo: € 26,00 Punteggio:
Cratis si presenta con un colore giallo ambra intenso e sfumature di giallo ambra, trasparente. Al naso rivela personalità con aromi intensi, puliti, gradevoli, raffinati ed eleganti che si aprono con note di canditi, fico secco e miele seguite da aromi di caramello, cioccolato, confettura di albicocche, confettura di pesche, dattero, lavanda, marmellata di arance, noce, scorza d'agrume e vaniglia. In bocca ha ottima corrispondenza con il naso, un attacco dolce e piacevole morbidezza, comunque ben equilibrato dall'alcol, corpo pieno, sapori intensi, molto piacevole. Il finale è molto persistente con lunghi ricordi di dattero, confettura di albicocche, caramello, miele e fico secco. Un grande vino. Cratis è prodotto con uve Verduzzo Friulano appassite, fermenta e matura in barrique per 24 mesi a cui seguono 6 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Formaggi stagionati e piccanti, Dolci di cioccolato, Dolci di frutta secca






 ABC Vino  Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Gusto DiVino Produttori 
  Gusto DiVino Numero 28, Marzo 2005   
GamayGamay I Vini del MeseI Vini del Mese  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
Quando acquisti un vino, sei più interessato a quelli di:


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Cos'e più importante nella scelta di un vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Luglio?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   


Eventi Sondaggi Servire il Vino EnoForum EnoGiochi Luoghi del Vino Aquavitae Guida dei Vini
Prima Pagina Chi Siamo:Scrivici:Arretrati:Pubblicità:Indice 

Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2019 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.