Cultura e Informazione Enologica - Anno XVII
Prima Pagina Chi Siamo:Scrivici:Arretrati:Pubblicità:Indice 
Eventi Sondaggi Servire il Vino EnoForum EnoGiochi Luoghi del Vino Aquavitae Guida dei Vini


 ABC Vino  Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Gusto DiVino Produttori 
  Gusto DiVino Numero 46, Novembre 2006   
Nebbiolo a ConfrontoNebbiolo a Confronto I Vini del MeseI Vini del Mese  Sommario 
Numero 45, Ottobre 2006 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 47, Dicembre 2006

Nebbiolo a Confronto

Una grande uva per grandi vini, il Nebbiolo divide e affascina i sensi degli appassionati di vino. Forte, fresco e robusto, eppure sempre generoso nella sua eleganza e personalità

 Il Nebbiolo è un'uva che - in un modo o nell'altro - è spesso protagonista delle discussioni sul vino. Apprezzato e lodato da molti per la sua potenza e classe, meno apprezzato da altri che lo considerano troppo ruvido, fresco e imponente. Oggetto di discussione anche fra gli stessi produttori che dibattono sul modo di vinificarlo, il Nebbiolo è una delle tante celebri uve autoctone d'Italia apprezzate e ben considerate anche all'estero. Parlare del Nebbiolo significa chiamare alla mente una specifica regione dell'Italia - il Piemonte, suo luogo d'origine - tuttavia lo si ritrova anche in Lombardia, in Valle d'Aosta e perfino in Sardegna. Nonostante l'associazione più frequente con il Nebbiolo sia Barolo e Barbaresco, la celebre uva piemontese è protagonista anche del Roero, Carema e Valtellina Superiore, lo si ritrova inoltre nei vini rossi della Franciacorta e in molti rossi della Valle d'Aosta. In Sardegna lo si ritrova prevalentemente nella zona settentrionale, in Gallura.

 Dal punto di vista viticolturale, il Nebbiolo è un'uva che matura tardivamente, in genere quando nelle Langhe piemontesi arriva la nebbia, da cui probabilmente deriva il suo nome. Il Nebbiolo è un'uva singolare capace di produrre vini che si differenziano notevolmente dal resto. Fra le uve con il maggiore contenuto di tannini, il Nebbiolo è piuttosto acido con una capacità colorante non molto elevata. Per questo motivo i suoi vini presentano generalmente un'apprezzabile trasparenza e in bocca si fanno riconoscere per la loro spiccata astringenza e acidità, quest'ultima piuttosto insolita nei vini rossi. Per questo motivo, i vini prodotti con Nebbiolo possiedono generalmente un volume alcolico piuttosto elevato, proprio per bilanciare sia l'irruenza dei tannini sia dell'acidità. Il Nebbiolo è un'uva piuttosto impegnativa anche dal punto di vista colturale ed enologico e fare un grande vino con quest'uva è un'impresa riservata a pochi. Tuttavia, quando la qualità dell'uva si sposa con la qualità enologica, i vini prodotti con il Nebbiolo sono esempi di straordinaria classe ed eleganza, uniti a una notevole struttura, spesso definito come un pugno di ferro in un guanto di velluto.

 

I Vini della Degustazione

 I vini prodotti con il Nebbiolo, quelli di qualità e ben fatti, sono sempre un'esperienza unica per ogni degustatore. Chi si aspetta vini morbidi e gentili, probabilmente nel Nebbiolo non troverà soddisfazione. Chi invece ricerca l'eleganza e la classe sostenuti da una struttura robusta, il Nebbiolo è il vino giusto. I vini prodotti con il Nebbiolo non sono solamente potenza, tannini e acidità: i suoi aromi raffinati ed eleganti rappresentano infatti un mondo a sé di frutti e di fiori, ma anche di aromi estremamente complessi che solo il tempo può regalare ai grandi vini. Il tempo regalerà inoltre ai vini prodotti con Nebbiolo la grazia della morbidezza, quando l'astringenza dei suoi tannini diventerà mite aumentandone l'eleganza. Per questo motivo, il Nebbiolo è sempre vinificato in botte e, in tempi piuttosto recenti, in barrique: il passaggio in legno aiuta infatti ad attenuare la spiccata astringenza anche grazie alla benefica e lenta ossigenazione. La forte carica di tannini e l'acidità sono comunque uno dei punti forti del Nebbiolo, non solo dal punto di vista organolettico, ma anche dal punto di vista enologico poiché assicurano, unitamente all'alcol, lunghissimi periodi di maturazione e di evoluzione.


I tre vini della nostra degustazione comparativa
I tre vini della nostra degustazione comparativa

 La nostra degustazione comparativa sul Nebbiolo prenderà in esame tre vini provenienti da quelle che sono considerate le zone più celebri per quest'uva: due provengono dalle Langhe piemontesi - Barolo e Barbaresco - mentre il terzo proviene dalla Valtellina, nella parte settentrionale della Lombardia. I tre vini sono stati scelti in funzione delle loro qualità organolettiche e della tecnica di vinificazione. Anche il Valtellina Superiore della nostra degustazione, nonostante il disciplinare di produzione preveda l'uso di altre uve, è prodotto con il Nebbiolo in purezza, uva che in quella zona è conosciuta anche come Chiavennasca. Il primo vino della nostra degustazione è il Barolo Cannubi Boschis di Sandrone, maturato per 24 mesi in botte. Il secondo vino, sempre del Piemonte, è il Barbaresco Cottà di Sottimano, maturato per circa 20 mesi in barrique. L'ultimo dei tre vini è il Valtellina Superiore Sassella La Priora di Caven Camuna, maturato in botte. I tre vini saranno degustati a una temperatura di servizio di 18° C e per tutti e tre si utilizzeranno calici da degustazione ISO.

 

Esame Visivo

 Una delle prime qualità che si osservano nell'aspetto di un vino prodotto con il Nebbiolo è la trasparenza. Esiste un'idea diffusa che i grandi vini debbano essere sempre poco trasparenti, spesso impenetrabili alla luce, per essere considerati di qualità. Il Nebbiolo è una delle tante uve che può smentire questa falsa convinzione. A causa della sua non alta capacità colorante, nei vini prodotti con il Nebbiolo si noteranno spesso trasparenze piuttosto elevate, nulla che possa ricordare, per esempio, i vini prodotti con Cabernet Sauvignon. Non mancano comunque casi nei quali la trasparenza è decisamente bassa. L'intensità del colore varia in gioventù dal rosso rubino fino a raggiungere, dopo molti anni di affinamento, un colore rosso aranciato. Le sfumature del Nebbiolo tendono già in gioventù al rosso granato e spesso al rosso aranciato, una qualità che è assolutamente tipica per quest'uva. Dopo anni di affinamento in bottiglia, un tempo che nei Nebbiolo di qualità è misurabile anche oltre dieci anni, l'intensità del colore sarà rosso aranciato così come le sfumature e la trasparenza sarà ulteriormente aumentata.

 Il primo vino del quale prenderemo in esame l'aspetto è il Valtellina Superiore Sassella La Priora di Caven Camuna. Mantenendo il calice inclinato sopra una superficie bianca, inizieremo a osservare la massa liquida sulla base del calice, dove sarà possibile vedere un colore rosso rubino brillante e una trasparenza piuttosto evidente. Le sfumature del vino, osservate verso l'estremità del calice, presenteranno un colore rosso granato. Passiamo ora all'esame del Barbaresco Cottà di Sottimano, nel quale si potrà osservare una trasparenza minore rispetto al vino precedente, un colore rosso rubino intenso e sfumature rosso granato. L'osservazione dell'ultimo vino, Barolo Cannubi Boschis di Sandrone, sempre eseguita mantenendo il calice inclinato sopra una superficie bianca, rivelerà gli stessi colori dei vini precedenti: rosso rubino intenso e sfumature rosso granato. Si noti, infine, che maggiore trasparenza di questo Barolo rispetto al Barbaresco di Sottimano.

 

Esame Olfattivo

 All'esame olfattivo, gli aromi del Nebbiolo sono un'esperienza molto interessante, soprattutto nei vini lungamente affinati in bottiglia nei quali si sviluppano aromi molto complessi. Il mondo degli aromi del Nebbiolo è caratterizzato da frutti a bacca rossa e da fiori, oltre che da una serie di sfumature aromatiche che rendono i vini di qualità prodotti con quest'uva un affascinante esperienza sensoriale. Poiché il Nebbiolo è generalmente vinificato in botte, talvolta anche in barrique, non mancheranno gli aromi di tipo terziario che con il tempo assumeranno qualità piuttosto complesse. Fra gli aromi di frutta più tipici del Nebbiolo troviamo la ciliegia e la prugna, mentre fra gli aromi appartenenti al mondo dei fiori troviamo la violetta e la rosa. Con il tempo i vini Nebbiolo sviluppano aromi estremamente interessanti e complessi, come cuoio, funghi, tartufo e catrame, ai quali si affiancano spesso sentori balsamici di mentolo. Spesso in questi vini è possibile percepire note di erbe aromatiche, delle quali la più frequente è il timo.


 

 Inizieremo l'esame olfattivo dei vini della nostra degustazione comparativa dal Valtellina Superiore Sassella La Priora di Caven Camuna. Mantenendo il calice in posizione verticale e senza rotearlo, si procederà con la valutazione degli aromi di apertura. La prima olfazione consentirà di percepire gli aromi di ciliegia, lampone e violetta: una combinazione molto tipica nei vini prodotti con Nebbiolo e che spesso identifica quest'uva. Dopo avere roteato il calice, si procederà con la seconda olfazione, la quale consentirà di percepire aromi di prugna e confettura di fragole, un piacevole aroma di rosa seguito dagli aromi di liquirizia, tabacco, mentolo e vaniglia. Si noti, infine, la piacevole nota di fiori di lavanda: un tocco di classe che si ritrova in molti Nebbiolo. Si noti anche l'aroma balsamico del mentolo, anche questo, tipico nei vini prodotti con quest'uva. Proseguiamo l'esame olfattivo della nostra degustazione comparativa con il secondo vino: il Barbaresco Cottà di Sottimano.

 Mantenendo il calice verticale e senza rotearlo, si eseguirà la prima olfazione che rivelerà gli aromi di apertura. Dal calice sarà possibile percepire gli aromi di ciliegia e prugna, anche in questo caso, tipici nel Nebbiolo. Dopo avere roteato il calice, e dopo avere eseguito la seconda olfazione, si potranno riconoscere gli aromi di mirtillo, viola appassita, liquirizia, tabacco e vaniglia. La percezione olfattiva sarà completata dagli aromi di macis, mentolo, caffè e cacao. Passiamo ora alla valutazione degli aromi dell'ultimo dei vini della nostra degustazione comparativa: il Barolo Cannubi Boschis di Sandrone. La prima olfazione rivelerà gli aromi di apertura di ciliegia, prugna, lampone e violetta, tutti aromi distintivi e identificativi del Nebbiolo. Dopo avere roteato il calice, si procederà con la seconda olfazione che consentirà di percepire gli aromi di fragola, mora, mirtillo, tabacco, liquirizia e vaniglia. Si noteranno poi anche gli aromi di cacao, cannella, macis, pepe rosa e la tipica nota balsamica di mentolo. Si noti, infine, l'ottimo equilibrio aromatico di tutti e tre i vini.

 

Esame Gustativo

 Sono in molti a definire il Nebbiolo come un pugno di ferro in un guanto di velluto proprio a causa della sua irruenza gustativa espressa nell'astringenza dei tannini e della sua evidente acidità. Queste due caratteristiche che - di fatto - assicurano al Nebbiolo lunghissimi periodi di maturazione, richiedono tuttavia particolari pratiche enologiche in modo da rendere il vino equilibrato. La maturazione in botte aiuta infatti ad “arrotondare” la ruvidità del Nebbiolo rendendo il vino più equilibrato e, unitamente al contributo dell'alcol, che nel Nebbiolo è piuttosto elevato e può raggiungere anche il 14,5%, si ottengono dei vini equilibrati. Anche la maturazione e il tempo consentiranno di raggiungere un migliore equilibrio, quando i tannini cominceranno a perdere la loro ruvidità lasciando spazio alla morbidezza. L'astringenza e l'acidità sono le prime due sensazioni gustative che si notano nei vini prodotti con il Nebbiolo, sensazioni che tendono a equilibrarsi quando in bocca si comincerà a percepire l'azione pseudocalorica dell'alcol. Nonostante la sua esuberante irruenza, anche all'esame gustativo il Nebbiolo si fa apprezzare per la sua eleganza e classe.

 Iniziamo l'esame gustativo dal Valtellina Superiore Sassella La Priora di Caven Camuna. Già dal primo sorso, il vino mostra il tipico carattere del Nebbiolo: un attacco tannico al quale si unisce la freschezza conferita dall'acidità. Pochi istanti più tardi si cominceranno a sentire gli effetti dell'alcol e della struttura nell'equilibrio. Si noti anche l'effetto della maturazione in legno sull'equilibrio dell'astringenza e dell'acidità. Passiamo ora al secondo vino, il Barbaresco Cottà di Sottimano. Anche l'attacco di questo vino è caratterizzato da una spiccata astringenza e un'apprezzabile acidità, ben bilanciata dall'alcol e dalla morbidezza conferita dal legno. Anche l'attacco dell'ultimo vino, il Barolo Cannubi Boschis di Sandrone, non differisce molto dai due vini precedenti: pronunciata astringenza dei tannini e apprezzabile freschezza, ben bilanciata dall'alcol e dalla morbidezza. Si noti comunque come tutti e tre i vini abbiano un ottimo equilibrio e struttura, i tannini e l'acidità sono sempre bilanciati dall'alcol e dalla morbidezza, in altre parole un pugno di ferro in un guanto di velluto.

 

Considerazioni Finali

 I tre vini della nostra degustazione comparativa dimostrano tre caratteri simili eppure diversi, espressioni dei tre territori dai quali provengono. Il finale del Valtellina Superiore Sassella La Priora di Caven Camuna è persistente con lunghi ricordi di ciliegia, prugna e lampone, tre qualità organolettiche tipiche del Nebbiolo. Il finale del Barbaresco Cottà di Sottimano è molto persistente con lunghi ricordi di ciliegia e prugna, anche quest'ultimo, tipico del Nebbiolo. Il finale del Barolo Cannubi Boschis di Sandrone è molto persistente con lunghi ricordi di ciliegia, prugna e lampone ai quali si unisce il mirtillo. Si noti come nei finali di tutti e tre i vini, oltre alle qualità organolettiche gustative che ricordano i tipici frutti del Nebbiolo, si può percepire un consistente spessore dovuto all'elevata struttura. A causa delle sue “irruenti” qualità organolettiche, il Nebbiolo ha da sempre diviso gli appassionati di vino: c'è chi lo ama e lo apprezza, chi invece non lo sopporta proprio per la sua esuberanza, tuttavia, quello che è certo, è che i vini prodotti con quest'uva non lasciano mai indifferenti.

 






 ABC Vino  Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Gusto DiVino Produttori 
  Gusto DiVino Numero 46, Novembre 2006   
Nebbiolo a ConfrontoNebbiolo a Confronto I Vini del MeseI Vini del Mese  Sommario 
Numero 45, Ottobre 2006 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 47, Dicembre 2006

I Vini del Mese


 

Legenda dei punteggi

Sufficiente    Abbastanza Buono    Buono
Ottimo    Eccellente
Vino eccellente nella sua categoria Vino eccellente nella sua categoria
Vino con buon rapporto qualità/prezzo Vino con buon rapporto qualità/prezzo
I prezzi sono da considerarsi indicativi in quanto possono subire variazioni a seconda del paese
e del luogo in cui vengono acquistati i vini




Petra Ruja 2005, Cantina Li Seddi (Sardegna, Italia)
Petra Ruja 2005
Cantina Li Seddi (Sardegna, Italia)
Uvaggio: Cannonau, Bovale, Girò
Prezzo: € 6,48 Punteggio:
Petra Ruja si presenta con un colore rosso rubino brillante e sfumature rosso porpora, abbastanza trasparente. Al naso rivela aromi intensi, puliti e gradevoli che si aprono con note di lampone, ciliegia e prugna seguite da aromi di mirtillo, ciclamino e fragola. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco leggermente tannico e piacevole freschezza, comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi. Il finale è persistente con ricordi di lampone, prugna e amarena. Petra Ruja matura in vasche d'acciaio.
Abbinamento: Salumi, Pasta con carne, Zuppe di pesce, Carne bianca arrosto



Lu Ghiali 2005, Cantina Li Seddi (Sardegna, Italia)
Lu Ghiali 2005
Cantina Li Seddi (Sardegna, Italia)
Uvaggio: Cannonau, Muristeddu
Prezzo: € 10,00 Punteggio:
Alla vista si presenta con un colore rosso rubino brillante e sfumature rosso rubino, abbastanza trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti e gradevoli che si aprono con note di prugna e mirtillo seguite da aromi di amarena, violetta, ciclamino e corbezzolo. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco leggermente tannico e comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi. Il finale è persistente con ricordi di prugna e mirtillo. Lu Ghiali matura in vasche d'acciaio.
Abbinamento: Carne arrosto, Stufati e brasati di carne



Langhe Rosso Long Now 2004, Pelissero (Piemonte, Italia)
Langhe Rosso Long Now 2004
Pelissero (Piemonte, Italia)
Uvaggio: Barbera, Nebbiolo
Prezzo: € 20,00 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Questo vino si presenta con un colore rosso rubino cupo e sfumature rosso rubino, impenetrabile alla luce. Il naso rivela aromi intensi, puliti, gradevoli, raffinati ed eleganti che si aprono con note di ciliegia, violetta e prugna seguita da aromi di mirtillo, mora, vaniglia, tabacco, liquirizia, cacao, macis e mentolo. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco tannico e piacevole freschezza, comunque equilibrato dall'alcol, corpo pieno, sapori intensi. Il finale è persistente con ricordi di ciliegia, prugna e mora. Un vino ben fatto. Long Now matura per 18 mesi in barrique a cui seguono 5 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Selvaggina, Carne arrosto, Brasati e stufati di carne, Formaggi stagionati



Barbaresco Tulin 2003, Pelissero (Piemonte, Italia)
Barbaresco Tulin 2003
Pelissero (Piemonte, Italia)
Uvaggio: Nebbiolo
Prezzo: € 25,30 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Questo Barbaresco si presenta con un colore rosso rubino brillante e sfumature rosso aranciato, abbastanza trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli, raffinati ed eleganti che si aprono con note di ciliegia e prugna seguite da aromi di violetta, lampone, fragola, rosa, tabacco, vaniglia, liquirizia, pepe rosa, cannella, cioccolato e mentolo. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco tannico e piacevole freschezza, comunque equilibrato dall'alcol, corpo pieno, sapori intensi. Il finale è persistente con ricordi di ciliegia, prugna e lampone. Un vino ben fatto. Barbaresco Tulin matura per 18 mesi in botte a cui seguono 9 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Selvaggina, Carne arrosto, Brasati e stufati di carne, Formaggi stagionati



Donnaluna Fiano 2005, De Conciliis (Campania, Italia)
Donnaluna Fiano 2005
De Conciliis (Campania, Italia)
Uvaggio: Fiano
Prezzo: € 9,50 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Questo Fiano si presenta con un colore giallo verdolino intenso e sfumature giallo verdolino, molto trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di mela, pera e susina seguite da aromi di biancospino, ginestra, nocciola e pesca. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco fresco e comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi. Il finale è persistente con ricordi di mela, pera e susina. Donnaluna Fiano matura per 4 mesi in vasche d'acciaio e una piccola parte in barrique.
Abbinamento: Pesce fritto, Pasta e risotto con crostacei e pesce, Crostacei alla griglia



Naima 2003, De Conciliis (Campania, Italia)
Naima 2003
De Conciliis (Campania, Italia)
Uvaggio: Aglianico
Prezzo: € 30,00 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Naima si presenta con un colore rosso rubino intenso e sfumature rosso granato, poco trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli, raffinati ed eleganti che si aprono con note di amarena, mora e prugna seguite da aromi di violetta, mirtillo, liquirizia, cacao, macis, grafite, pepe rosa, vaniglia e mentolo. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco tannico e comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi, piacevole. Il finale è persistente con ricordi di prugna, mora e amarena. Un vino ben fatto. Naima matura per 12 mesi in barrique, 6 mesi in vasche d'acciaio e 4 mesi in bottiglia.
Abbinamento: Carne arrosto, Brasati e stufati di carne con funghi, Formaggi stagionati



Il Moggio 2004, Goretti (Umbria, Italia)
Il Moggio 2004
Goretti (Umbria, Italia)
Uvaggio: Grechetto
Prezzo: € 10,00 Punteggio:
Il Moggio si presenta con un colore giallo dorato brillante e sfumature giallo paglierino, molto trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di mela, pera e nocciola seguite da aromi di agrumi, biancospino, ananas, ginestra, susina e vaniglia. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco fresco e comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi, piacevole morbidezza. Il finale è persistente con ricordi di mela, susina e nocciola. Il Moggio matura in barrique a cui seguono 4-6 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Carne bianca arrosto, Pesce arrosto, Paste ripiene



Colli Perugini Rosso L'Arringatore 2003, Goretti (Umbria, Italia)
Colli Perugini Rosso L'Arringatore 2003
Goretti (Umbria, Italia)
Uvaggio: Sangiovese, Merlot, Ciliegiolo
Prezzo: € 14,00 Punteggio:
Questo vino si presenta con un colore rosso rubino intenso e sfumature rosso rubino, poco trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di amarena e prugna seguite da aromi di mirtillo, mora, violetta, vaniglia, tostato, cacao, cannella, tabacco ed eucalipto. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco tannico e comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi. Il finale è persistente con ricordi di amarena, prugna e mora. L'Arringatore matura per 12 mesi in botte a cui seguono 12 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Carne arrosto, Carne alla griglia, Brasati e stufati di carne, Formaggi stagionati



Piromafo 2001, Valle dell'Asso (Puglia, Italia)
Piromafo 2001
Valle dell'Asso (Puglia, Italia)
Uvaggio: Negroamaro
Prezzo: € 17,00 Punteggio:
Piromafo si presenta con un colore rosso rubino brillante e sfumature rosso aranciato, abbastanza trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di amarena, prugna e mora seguite da aromi di violetta, tabacco, vaniglia, sottobosco, liquirizia, pepe rosa, carruba e mentolo. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco tannico e comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi. Il finale è persistente con ricordi di amarena, prugna e mora. Piromafo matura per 12 mesi in botte a cui seguono 6 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Carne arrosto, Brasati e stufati di carne con funghi, Formaggi stagionati



Il Macaro, Valle dell'Asso (Puglia, Italia)
Il Macaro
Valle dell'Asso (Puglia, Italia)
Uvaggio: Aleatico, Malvasia Nera
Prezzo: € 14,00 - 50cl Punteggio:
Il Macaro si presenta con un colore rosso granata intenso e sfumature rosso arancio, abbastanza trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di uva passa, confettura di prugne e confettura di fichi seguite da aromi di confettura di amarene, caramello, dattero, vaniglia, viola appassita, tabacco e liquirizia. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco leggermente tannico e piacevole dolcezza, comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi, piacevole. Il finale è persistente con ricordi di confettura di prugne e confettura di amarene. Il Macaro matura per 6 anni in botte a cui seguono 6 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Crostate di frutta, Formaggi piccanti



Valtellina Superiore Prestigio 2001, Triacca (Lombardia, Italia)
Valtellina Superiore Prestigio 2001
Triacca (Lombardia, Italia)
Uvaggio: Nebbiolo
Prezzo: € 27,00 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Questo Valtellina Superiore si presenta con un colore rosso rubino intenso e sfumature rosso aranciato, abbastanza trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli, raffinati ed eleganti che si aprono con note di prugna, ciliegia e violetta seguite da aromi di lampone, rosa, vaniglia, tabacco, liquirizia, cannella, caffè, cioccolato, cuoio e mentolo. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco tannico e piacevole freschezza, comunque equilibrato dall'alcol, corpo pieno, sapori intensi. Il finale è persistente con ricordi di ciliegia e prugna. Valtellina Superiore Prestigio è prodotto con uve da vendemmia tardiva, matura per 15 mesi in barrique a cui seguono 8 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Carne arrosto, Selvaggina, Brasati e stufati di carne, Formaggi stagionati



Sforzato di Valtellina San Domenico 2001, Triacca (Lombardia, Italia)
Sforzato di Valtellina San Domenico 2001
Triacca (Lombardia, Italia)
Uvaggio: Nebbiolo
Prezzo: € 26,00 Punteggio:
Questo vino si presenta con un colore rosso rubino brillante e sfumature rosso aranciato, abbastanza trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli, raffinati ed eleganti che si aprono con note di ciliegia, lampone e violetta seguite da aromi di prugna, rosa, fragola, vaniglia, tabacco, liquirizia, cacao, cannella, cuoio e mentolo. In bocca ha ottima corrispondenza con il naso, un attacco tannico e piacevole freschezza, comunque ben equilibrato dall'alcol, corpo pieno, sapori intensi, piacevole morbidezza. Il finale è molto persistente con lunghi ricordi di ciliegia, prugna e lampone. Un vino ben fatto. Sforzato di Valtellina San Domenico è prodotto con uve appassite per tre mesi e matura per 18 mesi in botte.
Abbinamento: Selvaggina, Carne arrosto, Brasati e stufati di carne, Formaggi stagionati



Fiano di Avellino Radici 2005, Mastroberardino (Campania, Italia)
Fiano di Avellino Radici 2005
Mastroberardino (Campania, Italia)
Uvaggio: Fiano
Prezzo: € 12,00 Punteggio:
Questo vino si presenta con un colore giallo paglierino chiaro e sfumature giallo paglierino, molto trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di susina, mela e pera seguite da aromi di ananas, agrumi, nocciola, biancospino e ginestra. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco fresco e comunque equilibrato dall'alcol, buon corpo, sapori intensi. Il finale è persistente con ricordi di mela, susina e nocciola. Fiano di Avellino Radici matura in parte in vasche d'acciaio e in parte in barrique.
Abbinamento: Pasta e risotto con pesce e crostacei, Crostacei alla griglia



Taurasi Radici 2003, Mastroberardino (Campania, Italia)
Taurasi Radici 2003
Mastroberardino (Campania, Italia)
Uvaggio: Aglianico
Prezzo: € 20,00 Punteggio: Vino eccellente nella sua categoria
Taurasi Radici si presenta con un colore rosso rubino intenso e sfumature rosso granato, poco trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli, raffinati ed eleganti che si aprono con note di amarena, prugna e violetta seguite da aromi di mora, mirtillo, tabacco, liquirizia, vaniglia, macis, carruba, cannella e mentolo. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco tannico e comunque ben equilibrato dall'alcol, corpo pieno, sapori intensi, piacevole. Il finale è persistente con ricordi di amarena, prugna e mora. Un vino ben fatto. Taurasi Radici matura per 24 mesi in botte e barrique a cui seguono almeno 12 mesi di affinamento in bottiglia.
Abbinamento: Selvaggina, Carne arrosto, Brasati e stufati di carne, Formaggi stagionati






 ABC Vino  Condividi questo articolo     Sommario della rubrica Gusto DiVino Produttori 
  Gusto DiVino Numero 46, Novembre 2006   
Nebbiolo a ConfrontoNebbiolo a Confronto I Vini del MeseI Vini del Mese  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
Quando acquisti un vino, sei più interessato a quelli di:


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Cos'e più importante nella scelta di un vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Luglio?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   


Eventi Sondaggi Servire il Vino EnoForum EnoGiochi Luoghi del Vino Aquavitae Guida dei Vini
Prima Pagina Chi Siamo:Scrivici:Arretrati:Pubblicità:Indice 

Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2019 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.