Cultura e Informazione Enologica - Anno XVII
Prima Pagina Chi Siamo:Scrivici:Arretrati:Pubblicità:Indice 
Eventi Sondaggi Servire il Vino EnoForum EnoGiochi Luoghi del Vino Aquavitae Guida dei Vini


   Condividi questo articolo   Share on Google+   Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 115, Febbraio 2013   
Il Vino dei Nostri TempiIl Vino dei Nostri Tempi  Sommario 
Numero 114, Gennaio 2013 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su TwitterNumero 116, Marzo 2013

Il Vino dei Nostri Tempi


 Sapere vivere il proprio tempo è qualcosa che certamente condivido. Non ha molto senso, almeno per me, aggrapparsi al passato con la scusa che “i vecchi tempi” erano migliori di quelli attuali. Forse si tratta di una semplice ammissione dell'incapacità di volere crescere e il rifiuto di accettare che ciò che è stato non torna e non può tornare. Questo non significa - evidentemente - che tutto ciò che è passato sia da eliminare, rinnegare o dimenticare: sarebbe semplicemente sciocco non beneficiare della propria e dell'altrui esperienza, grazie alla quale - nel bene o nel male - siamo arrivati fino a qui. Ognuno, comunque, ha il dovere, oltre che obbligo morale verso sé stessi, di vivere il proprio tempo. Non significa che i tempi moderni siano migliori di quelli passati, ma è l'unico tempo del quale abbiamo certezza, quello che ci pone di fronte al futuro, ammesso di avere la possibilità di poterlo vivere. Ci sono cose buone e cattive nei tempi moderni, come parimenti ci sono state cose buone e cattive nei tempi passati. Il tempo, dopo tutto, scorre sempre allo stesso modo, nel bene e nel male.


 

 Questo vale per ogni aspetto della vita e di tutto quello che fa parte della nostra vita, vino compreso. I tempi moderni - quelli che viviamo - hanno certamente portato un enorme beneficio al vino, non solo dal punto di vista puramente enologico e scientifico, ma anche dal punto di vista della sua conoscenza e della sua cultura. Grazie alle esperienze maturate nel passato, oggi abbiamo una maggiore consapevolezza di cosa sia il vino, non solo dal punto di vista chimico, ma anche dal punto di vista qualitativo, benché quest'ultimo concetto sia, per molti aspetti, puramente soggettivo. I tempi moderni, dicevo, hanno portato molto al vino e al suo progresso, non solo, anche alla sua divulgazione e alla possibilità di informarsi, studiare, comprendere. Questo aspetto - non c'è dubbio - è un lato decisamente positivo dei nostri tempi: la possibilità di avere molteplici forme e opportunità di reperire informazioni, non solo inerenti il vino, è una delle grandi conquiste del presente. Le forme di comunicazione moderne - internet su tutti - offrono la possibilità a tutti, almeno sul piano teorico, di esprimere la propria opinione e in modo più o meno libero.

 Sia nei mezzi di comunicazione, per così dire, “classici” - come riviste, giornali, radio e televisione - sia nei nuovi mezzi offerti dalla tecnologia, come internet e le sue molteplici forme di applicazione, è un continuo nascere di programmi, spazi e iniziative dedicate al vino. Visto così, il fenomeno non può che essere considerato in termini positivi. Parlare di vino, mantenere alto l'interesse per la bevanda di Bacco, contribuisce certamente alla diffusione della sua cultura, che affonda le proprie radici negli albori della storia dell'umanità e si rinnova puntualmente a ogni nuova era, compresa la nostra. In realtà, non è tutto oro quello che luccica. Ad onore del vero, comunque, ci sono anche tanti esempi di oro vero. Sia chiaro: chiunque utilizzi uno strumento di comunicazione per promuovere e diffondere la cultura del vino, in qualunque forma e modo, non può che avere il mio apprezzamento e supporto. In fin dei conti - cosa che spesso non è compresa da molti - tutti lavoriamo per lo stesso obiettivo e risultato, chi più, chi meno e per quel che può, per la promozione e la divulgazione della cultura enologica.

 Iniziative di comunicazione relative al vino, quindi, sono tutte utili alla stessa causa, anche quando non si è d'accordo con ciò che si afferma o ciò che si sostiene. Non si intende, con questo, che si debba salvare ogni cosa, arroganza, incompetenza e supponenza comprese. Il timore - da quel che vedo, molto concreto - è che si faccia del vino un “banale” mezzo per fare spettacolo, per affermare presunte, ma palesemente inesistenti, competenze e conoscenze, soprattutto in quei mezzi di comunicazione che utilizzano supporti visivi come strumento primario di divulgazione, come la televisione e le fotografie pubblicate nelle riviste e in internet. Infatti, molto spesso, si cerca di sopperire con le immagini, create con incredibile ed efficace effetto, l'evidente mancanza di competenza e professionalità, lasciando alle parole - che sono e restano in ogni caso importanti - un ruolo marginale, concentrandosi unicamente sull'esplicitazione di un'immagine. Troppo spesso si ascoltano - parimenti, si leggono - considerazioni prive di ogni fondamento tecnico e reale, parole che certamente recano un danno al vino e alle persone che le ascoltano, magari in buona fede.

 A titolo di esempio, si può considerare quello che è accaduto nel mondo della cucina da quando è approdata prepotentemente in televisione. Non ha importanza che la persona scelta per “dare spettacolo” - che molto spesso, non è nemmeno un cuoco ed è evidente la totale ignoranza delle tecniche di cucina e della più elementare conoscenza della merceologia alimentare - ciò che conta è quello che si fa vedere. Da questo punto di vista, sconcerta, infatti, che per valutare la bravura e la capacità del cuoco si consideri prevalentemente la presentazione del piatto: un triste e patetico spettacolo di pornografia gastronomica, per il quale serve piuttosto un bravo fotografo o un bravo regista. Non si parla infatti di cucina, non si ha un reale interesse all'aspetto didattico e formativo - per così dire - ma si punta unicamente allo spettacolo, alla suggestione dell'esplicito. Questo si potrebbe giustificare sostenendo che in televisione esistono tempi tecnici ai quali è obbligatorio attenersi. Bene, questo significa che la televisione è più adatta al fast food anziché alla vera cucina, che non è fatta solo di immagini, ma soprattutto di tecnica, di competenza, di professionalità e di tempi. Ed è anche una questione di moralità ed etica.

 Credo che il vino si sia salvato dalla pornografia enologica, solo per il fatto che l'immagine di un calice di vino - oltre ad essere ripetitiva, nonostante i suoi infiniti colori e aspetti - non susciti la stessa attrazione di un piatto confezionato esteticamente ad arte o meno. I mezzi di comunicazione moderni offrono comunque enormi possibilità agli appassionati di vino, probabilmente molto più di quanto possa offrire alla gastronomia, consentendo - nel limite del lecito e del possibile - una più concreta informazione. In particolare, le possibilità offerte da internet, una sorta di mare magnum dell'informazione, dal quale si può praticamente reperire di tutto. Non è tutto oro ciò che luccica, appunto. Ma è innegabile che grazie alla rete, si sia creato uno spazio di confronto e di opinione che concede, per così dire, a chiunque di informarsi e di partecipare all'informazione. Ognuno può contribuire a modo suo e per come può, alla promozione della cultura del vino, patrimonio di tutti e della nostra civiltà. Noi tutti - e tutti quelli che scrivono di vino, per professione o per diletto - dovremmo ricordarcelo più spesso, anziché competere e azzuffarsi su questioni, per così dire, di lana caprina.

Antonello Biancalana






   Condividi questo articolo   Share on Google+   Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 115, Febbraio 2013   
Il Vino dei Nostri TempiIl Vino dei Nostri Tempi  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
In quale momento della giornata bevi abitualmente vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Marzo?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 
Qual è l'aspetto più piacevole della degustazione di un vino?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 


Eventi Sondaggi Servire il Vino EnoForum EnoGiochi Luoghi del Vino Aquavitae Guida dei Vini
Prima Pagina Chi Siamo:Scrivici:Arretrati:Pubblicità:Indice 

Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2019 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.