Cultura e Informazione Enologica - Anno XV
Prima Pagina Chi Siamo:Scrivici:Arretrati:Pubblicità:Indice 
Eventi Sondaggi Servire il Vino EnoForum EnoGiochi Luoghi del Vino Aquavitae Guida dei Vini


   Condividi questo articolo   Share on Google+   Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 160, Marzo 2017   
La Bellezza del SagrantinoLa Bellezza del Sagrantino  Sommario 
Numero 159, Febbraio 2017 Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter 

La Bellezza del Sagrantino


 Il Montefalco Sagrantino è indubbiamente uno dei miei vini preferiti. L'ho detto tante volte, anche in queste pagine, e lo ribadisco ancora. Non si tratta solo dell'affetto che nutro in generale per i vini della mia terra - l'Umbria - il Sagrantino è un vino che ho iniziato regolarmente a versare nel mio calice a partire dalla metà degli anni 1980. Il Montefalco Sagrantino, non c'è dubbio, è cambiato molto rispetto a quei tempi, è decisamente cresciuto e di strada ne ha fatta molta conquistando importanti successi. In tutto questo tempo, con la notorietà del Montefalco Saqrantino, sono aumentati anche i produttori che si dedicano alla produzione di questo vino, un aspetto certamente positivo. Il Montefalco Sagrantino, oltre a essere di potenza e personalità, è capace di eleganza, un traguardo che raggiunge chiaramente con il tempo. Uva robusta e imponente - nessuna varietà raggiunge il suo contenuto di tannini e polifenoli - il Sagrantino è come un cavallo di razza che ha bisogno di un fantino capace e determinato per arrivare vittorioso al traguardo in tutta sua gloria.


 

 In questi anni i produttori di Montefalco Sagrantino hanno compreso il valore del tempo e quanto questo riesca a fare la differenza, alleato prezioso per domare l'irruenza dei tannini e - nel contempo - donare maggiore eleganza e complessità sensoriale. Se esiste un'uva e un vino che beneficia del tempo, il Montefalco Sagrantino è certamente uno di questi. Alcuni produttori - contrariamente a quello che il disciplinare e il mercato richiede - preferiscono lasciare i loro Sagrantino in cantina per un tempo maggiore così da consegnare ai sensi degli appassionati vini di maggiore complessità ed eleganza. Una scelta condivisibile, nonostante sia evidente questo influisca inevitabilmente sui costi e quindi sul prezzo finale della bottiglia. La soluzione potrebbe essere anche quella di acquistare bottiglie di Montefalco Sagrantino e, cantina personale permettendo, lasciarle affinare per qualche anno prima di apprezzarle. Questo è quello che personalmente faccio con il grande Montefalco Sagrantino consapevole che il tempo sarà capace di premiare la mia attesa.

 Le magie che il tempo regala al Montefalco Sagrantino hanno raggiunto un legame ancora più forte e significativo grazie a un vino recentemente messo in commercio. La cantina artefice di questa nuova magia è la Arnaldo Caprai - innegabilmente la più celebre e celebrata del territorio - il vino è il Montefalco Sagrantino Spinning Beauty 2006. Avete letto bene: annata duemilasei, messa in commercio nel 2016 dopo avere trascorso ben otto anni in barrique e il resto in bottiglia. La cantina Arnaldo Caprai non ha evidentemente bisogno di presentazioni: guidata con successo dal caparbio Marco Caprai, è senza timore di smentita la realtà vitivinicola che ha fatto rinascere e crescere il Sagrantino. Dopo avere tracciato in modo rigoroso e scientifico il passato e il presente del Sagrantino - avvalendosi del supporto dell'Università degli Studi di Milano - oggi la cantina Arnaldo Caprai apre un nuovo e affascinante capitolo della storia del Montefalco Sagrantino.

 Il contributo della cantina Arnaldo Caprai per il Sagrantino e la viticoltura di Montefalco è imponente e fondamentale, in particolare, il contributo scientifico e tecnico per la comprensione delle caratteristiche e potenzialità della grande rossa umbra. Marco Caprai, infatti, non ha lasciato nulla al caso, scegliendo da subito un percorso di ricerca affidabile e verificabile, chiamando a Montefalco qualificati e autorevoli esperti e studiosi, contribuendo allo sviluppo del Sagrantino e all'intero territorio di Montefalco. Il risultato di quelle ricerche e sperimentazioni - che, a distanza di anni, continuano ancora - hanno permesso di individuare e riconoscere diversi cloni di Sagrantino, alcuni di questi riconosciuti e riportati nel Registro Nazionale delle Varietà di Vite. A tale proposito, si ricordano i celebri cloni di Sagrantino “I - UniMi - Caprai - 25 Anni”, “I - UniMi - Caprai - Cobra” e “I - UniMi - Caprai - Collepiano”. Non da ultimo, il singolare Sagrantino Bianco, ancora oggi oggetto di sperimentazioni e ricerche.

 E poi arriva il Montefalco Sagrantino Spinning Beauty 2006. Sapevo dell'esistenza di questo vino da diverso tempo, poiché me ne avevano parlato Marco Caprai e alcuni suoi collaboratori. Poi, in un'occasione informale presso la Cantina Arnaldo Caprai, riesco finalmente ad assaggiare lo Spinning Beauty 2006. Comprendo subito che quello che ho nel calice è un Sagrantino diverso da tutti quelli che avevo assaggiato fino a quel momento, un vino capace di scrivere una nuova e importante pagina di storia. Incuriosito, chiedo a Marco Caprai il motivo per il quale avesse deciso di produrre un Sagrantino maturato così a lungo in botte. La risposta - chiara e semplice - non tradisce lo spirito innovativo e di sperimentazione che da sempre anima Marco Caprai e la sua cantina per il continuo sviluppo delle potenzialità del Sagrantino e di Montefalco. L'intento di Marco Caprai, con questo magnifico Spinning Beauty, è quello di dare vita a un vino capace di rivaleggiare in qualità e prestigio con gli altri vini del mondo lungamente maturati prima della commercializzazione.

 Marco Caprai mi fa inoltre notare che questo stile di vino - maturato in legno per molti anni - è poco considerato in Italia, ritenendo il Sagrantino capace di sostenere l'impresa e divenire certamente protagonista in questa categoria. Visto il risultato, di innegabile e monumentale grandezza, si può solo dire che ha ragione. Il Montefalco Sagrantino Spinning Beauty 2006 è prodotto con il celebre clone “Cobra”, proveniente dal più antico vigneto di selezione clonale Monte della Torre e matura per otto anni in barrique. Il risultato è di una grandezza impressionante: la potenza del Sagrantino che si unisce a una sorprendente complessità sensoriale che si veste di elegantissima classe. L'assaggio del Montefalco Sagrantino Spinning Beauty 2006 regala subito l'impressione di trovarsi nel calice un vino speciale e inimitabile, un capolavoro che si esprime con una magnifica sinfonia di aromi, assolutamente perfetto. Con questo magnifico vino la cantina Arnaldo Caprai segna inequivocabilmente una nuova, sorprendente e straordinaria storia del Sagrantino, una delle tante che è stata capace di scrivere nel corso degli anni. Una bellezza straordinaria. Un vino che esprime la più sublime delle bellezze: quella del grande Sagrantino e del rinnovato miracolo che si compie da molti anni in Umbria nelle colline di Montefalco.

Antonello Biancalana






   Condividi questo articolo   Share on Google+   Sommario della rubrica Editoriale Gusto DiVino 
  Editoriale Numero 160, Marzo 2017   
La Bellezza del SagrantinoLa Bellezza del Sagrantino  Sommario 
I Sondaggi di DiWineTaste
In quale comune si producono i migliori Barolo?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 
Quale tipo di vino preferisci consumare nel mese di Marzo?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 
Ogni quanto ti capita di aprire una bottiglia con "odore di tappo"?


Risultato   Altri Sondaggi

 Condividi questo sondaggio   Share on Google+ 


Eventi Sondaggi Servire il Vino EnoForum EnoGiochi Luoghi del Vino Aquavitae Guida dei Vini
Prima Pagina Chi Siamo:Scrivici:Arretrati:Pubblicità:Indice 

Informativa sulla Riservatezza

Scarica la tua DiWineTaste Card gratuita  :  Controlla il tuo Tasso Alcolemico  :  Segui DiWineTaste su Segui DiWineTaste su Twitter

Scarica DiWineTaste
Copyright © 2002-2017 Antonello Biancalana, DiWineTaste - Tutti i diritti riservati
Tutti i diritti riservati in accordo alle convenzioni internazionali sul copyright e sul diritto d'autore. Nessuna parte di questa pubblicazione e di questo sito WEB può essere riprodotta o utilizzata in qualsiasi forma e in nessun modo, elettronico o meccanico, senza il consenso scritto di DiWineTaste.